Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:08
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

“Tommy ha 3 anni e non può parlare né giocare, aiutate il mio fratellino”

Immagine di copertina
Tommaso Benetti

“Ciao, mi chiamo Federico e ho 5 anni. Questo è Tommaso, il mio fratellino che ha ha quasi 2 anni e mezzo. Tommy non può giocare con me perchè non parla e non cammina. Mamma e papà mi hanno detto che il mio fratellino ha una malattia rarissima; ci sono solo 6 altri casi in tutto il mondo. Aiutate il mio fratellino con una piccola donazione se potete farlo, così Tommy potrà giocare con me e con tutti gli altri bambini”.

Questo l’appello lanciato sulla piattaforma GoFundMe dai genitori del piccolo. Tommaso è un bambino speciale. Ha tre anni, ma una malattia rarissima gli impedisce di vivere come tutti gli altri bambini. Non può camminare né parlare e alla base di tutto ciò c’è una malattia che hanno solo altre cinque persone al mondo oltre lui.

La malattia del piccolo Tommaso è talmente rara da non avere nemmeno una denominazione specifica. Patologia metabolica mitocondriale con difetto di trasportatore intracellulare della vitamina B1. La chiamano in modo generico così i medici.

La vita del piccolo è schiacciata sotto il peso insostenibile di quel mostro. Per questo i genitori di Tommaso hanno lanciato una raccolta fondi su GoFundMe. I soldi serviranno per permettere al bambino di volare negli Stati Uniti, dove un neurochirurgo si occuperà di Tommaso.

In un’intervista rilasciata a Fanpage.it, il papà di Tommaso, Fabio Benetti: “Abbiamo sentito parlare del dottor Michio Hirano quando a lui si sono rivolti i genitori di Charlie Gard. Dovremmo portarlo in America e farlo visitare per capire quale cura si può trovare per lui e quali sono i margini di miglioramento. La sua è una malattia talmente rara che è continuamente in fase di evoluzione. Ma per farlo abbiamo bisogno di soldi e per questo chiediamo l’aiuto di tutti”.

La situazione è molto delicata. Il piccolo Tommaso è continuamente monitorato e le ultime analisi hanno mostrato un deterioramento delle condizioni cerebrali del bambino, che ha crisi epilettiche continue.

La malattia del bambino è stata scoperta due anni e mezzo fa all’ospedale Regina Margherita di Torino, dove Tommaso e la sua famiglia vivono.

“Tommaso fino al quinto mese di vita sembrava non avesse alcun problema, poi ha cominciato ad avere difficoltà a stare seduto ed anche a gattonare. Ma pensavamo fosse solo un po’ pigro, capita a tanti bambini”, ha raccontato ancora il papà.

“Poi a luglio del 2017 lo abbiamo fatto visitare dalla pediatra che ci ha consigliato di fare una visita neurologica e poi una risonanza, che ha evidenziato delle prime piccole cicatrici sul cervello, ma anche in quel caso ci dissero che potevano essere segni di un trauma post-parto. La diagnosi è arrivata solo nel novembre successivo, quando le sue condizioni sono peggiorate a tal punto che è stato ricoverato una settimana nel reparto di rianimazione del Regina Margherita a Torino. I medici hanno scoperto che non avendo più vitamina B1 il suo corpo aveva prodotto molto acido lattico, che gli è salito al cervello fino a portargli tutte queste lesioni”, ha spiegato Benetti.

La vita di Tommaso è divisa tra casa e il Regina Margherita, dove viene sottoposto a cicli di cortisone. Ma la salute del piccolo non migliora e, anzi, si fa sempre più urgente una terapia a cui si potrà arrivare solo dopo che il dottor Michio Hirano avrà condotto sul bambino gli esami genetici necessari a sapere di più sulla patologia.

“Chiediamo a tutti di aiutarci e darci una mano per realizzare il nostro sogno e dare a nostro figlio la possibilità di migliorare, per giocare con il fratellino e con gli altri bambini”, ha detto ancora il papà di Tommaso.

Ti potrebbe interessare
Salute / Oltre l’ottobre rosa: le testimonianze di donne a cui il cancro al seno ha stravolto la vita
Salute / Farmacie online: ecco i prodotti più richiesti sul web
Salute / 24 milioni: gli italiani con il mal di pancia sono di gran lunga il primo partito
Ti potrebbe interessare
Salute / Oltre l’ottobre rosa: le testimonianze di donne a cui il cancro al seno ha stravolto la vita
Salute / Farmacie online: ecco i prodotti più richiesti sul web
Salute / 24 milioni: gli italiani con il mal di pancia sono di gran lunga il primo partito
Salute / Gli integratori per te li suggerisce un’Intelligenza Artificiale
Interviste / Per fare un albero, ci vuole il seme. Per la sanità calabrese, una donna
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Salute / Pillola anti-Covid, Merck: “Dimezza il rischio di ospedalizzazione e morte”
Salute / Sandro Lombardi, presidente Anifa “È tempo di ricominciare a prendersi cura del proprio udito”
Salute / I cani allungano la vita ai loro compagni
Salute / Vincenzo Falabella, presidente FISH Onlus ““Le paralimpiadi insegnino alla politica che questo Paese deve diventare accessibile”