Covid ultime 24h
casi +16.232
deceduti +360
tamponi +364.804
terapie intensive -55

Zingaretti apre ai 5 Stelle nella giunta del Lazio: e per Torino il Pd pensa a Claudio Marchisio

Di Marco Antonellis
Pubblicato il 2 Mar. 2021 alle 10:45 Aggiornato il 2 Mar. 2021 alle 11:09
946
Immagine di copertina
Nicola Zingaretti e Claudio Marchisio. Credit: Ansa

Zingaretti è soddisfatto dell’esito della Direzione di ieri. “Si è capito che Nardella, Gori e la corrente di base Riformista, insieme ad Orfini, vogliono solo logorare il segretario. E poi favorire il rientro di Renzi”, spiega un fedelissimo del Zinga nazionale. E il congresso? Si farà o non si farà? Il Segretario sembra averlo escluso, per ora. Ma ha anche aggiunto che se continuano le polemiche quotidiane non si potrà andare molto avanti. “E allora altro che primarie nel 2023…Esploderemo molto prima…”.

Intanto Zingaretti tira dritto e si prepara alle amministrative della prossima primavera, Covid permettendo. E oggi, a quanto siamo in grado di rivelare, ufficializzerà l’apertura ai 5 Stelle nella sua giunta del Lazio: “Così ci rafforzeremo pure a Roma, con il nostro candidato che andrà al ballottaggio contro quello della destra e potrà contare sul voto dei grillini”, spiegano dal Nazareno.

A proposto di Roma, i Dem sono convinti che il vero candidato delle destre sarà Bertolaso: ”Abodi è stato messo lì per riempire una casella. Ma il vero candidato sarà Bertolaso. Ora lo tengono in Lombardia a favore dei telegiornali Mediaset per rifarsi un look. Ma poi lo paracaduteranno nella Capitale”.

Per Napoli invece sembra fatta per l’attuale presidente della Camera Fico, mentre a Torino sta prendendo quota l’ex giocatore della Juventus Marchisio. A Bologna sembra fatta per lo zingarettiano Matteo Lepore, mentre a Milano c’è l’uscente Sala, che spesso si contraddistingue per i suoi attacchi al Pd e al Nazareno. Facile immaginare che la cosa non piaccia a tutti.

Leggi anche: 1. Il gioco di sponda fra i due Matteo per far litigare il Pd / 2. Cosa si nasconde dietro il patto Berlusconi-Salvini e la nascita del governo Draghi / 3. Casalino alla Rai, miracoli del servizio pubblico: via i riferimenti diretti a Renzi Salvini e Meloni

946
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.