Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

“Sulla Xylella mancanze e ritardi”: la Corte Ue condanna l’Italia per inadempimento

Immagine di copertina

La corte di giustizia ha accolto il ricorso della Commissione europea

Corte Ue contro l’Italia: “Non ha attuato misure contro Xylella”

L’Italia non ha applicato le misure obbligatorie Ue per impedire il diffondersi del batterio della Xylella: lo ha stabilito la Corte di giustizia Ue, accogliendo il ricorso della Commissione europea.

La commissione, infatti, ha denunciato ritardi e mancanze nelle ispezioni e nell’abbattimento delle piante infette da parte delle autorità nazionali, considerate, dunque, in parte responsabile della diffusione del xylella fastidiosa, che ha provocato il disseccamento di numerosi ulivi in Puglia.

Si tratta, comunque, di una condanna per primo inadempimento, che prevede solo il pagamento delle spese processuali.

La diffusione del virus, iniziata nel 2013, ha provocato anche pesanti danni alla produzione dell’olio con 21 milioni di piante interessate dal batterio.

In Puglia, infatti, si produce oltre la metà dell’olio Made in Italy.

Per capire le proporzioni del disastro ambientale provocato dalla Xylella, basta pensare che in provincia di Lecce la produzione di olio ha subito un calo del 90-95 per cento rispetto alle medie storiche a causa del batterio, sia nell’area Ionica che nell’Adriatica, in cui risultano produttive solo le piante di Leccino.

Tuttavia, proprio di recente, i ricercatori dell’Ipsp-Cnr, insieme a un team dell’Università di Bari e del centro di ricerca Basile Caramia, hanno scoperto che il Leccino e altre varietà come sono incredibilmente resistenti al batterio.

In Puglia il primo olio prodotto da ulivi resistenti alla xylella: “Un segnale di rinascita per i produttori in crisi”

La Xylella fastidiosa, così come scritto sul sito dell’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare, agenzia dell’Unione Europea, è un patogeno batterico delle piante trasmesso da insetti vettori e associato a malattie gravi che interessano un’estesa varietà di piante. Nella vite provoca la malattia di Pierce, che rappresenta un grave problema per i viticoltori di Stati Uniti e America del Sud. La Xylella fastidiosa è stata scoperta sugli olivi pugliesi, nell’Italia meridionale, nell’ottobre del 2013, prima segnalazione del batterio nell’Unione europea. Da allora la sua presenza è stata segnalata anche in Francia, Spagna e Germania. Sono in essere controlli per evitare che il batterio si diffonda ulteriormente.

Ti potrebbe interessare
Politica / “Navalny era un nazifascista, no alla cittadinanza onoraria”: la protesta a Reggio Emilia
Politica / Lascia il consiglio comunale per allattare, candidata del Pd attaccata dalla Lega: “Come potrà fare il sindaco?”
Politica / Terzo mandato, bocciata la proposta leghista per i governatori. Si spacca la maggioranza
Ti potrebbe interessare
Politica / “Navalny era un nazifascista, no alla cittadinanza onoraria”: la protesta a Reggio Emilia
Politica / Lascia il consiglio comunale per allattare, candidata del Pd attaccata dalla Lega: “Come potrà fare il sindaco?”
Politica / Terzo mandato, bocciata la proposta leghista per i governatori. Si spacca la maggioranza
Politica / Cellulari in classe, Valditara: “Sconsigliato l’uso dalla scuola d’infanzia alla scuola media”
Politica / Rapporti Putin-Lega, pronta una mozione di sfiducia contro Salvini
Politica / Ponte sullo Stretto, aperta un’inchiesta sul progetto del ministro Salvini
Politica / Morte Navalny, Tajani: “Per Salvini serve chiarezza? Per me è indubbio che è stato fatto morire”
Politica / Sindaco nega cittadinanza a marocchina che vive in Italia da 21 anni: “Non sapeva rispondere a ‘Come ti chiami'”
Politica / Salvini: “Navalny? Capisco sua moglie, ma la verità la fanno medici e giudici”
Politica / Piantedosi: “Identificazione di chi deponeva fiori per Navalny? Non è un dato che comprime la libertà personale”