Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

La candidata Pd a Trento e quegli articoli sessisti: “Attacchi di bassa lega, non negateci l’entusiasmo della politica”

Immagine di copertina
Vittoria De Felice. Credit: Facebook

L’hanno definita “candidata sexy”, “ammiccante”, “scollatissima”, “esplosiva” e “soprattutto formosissima”. Lei è Vittoria De Felice, 30 anni, candidata nelle liste del Pd alle elezioni comunali di Trento. Originaria di Portici, in provincia di Napoli, laureanda in Giurisprudenza all’Università di Trento, durante la campagna elettorale De Felice è stata oggetto di alcuni articoli giornalistici di matrice sessista, nei quali si sottolineavano la sua “bellezza mozzafiato”, il suo “corpo da modella”, la sua “scollatura da urlo”. Ora, chiuse le elezioni, De Felice – che non è riuscita a essere eletta in Consiglio comunale – ha deciso di rispondere “a ciò che forse non meriterebbe risposta”.

“Alle giovani donne come me sento di dire di non farsi rallentare da questa melma che ti viene buttata addosso e di preservare sempre puro il proprio slancio e la passione per la politica”, scrive in una nota la candidata dem, iscritta all’associazione InOltre- Alternativa Progressista e a Energia Democratica. “Ho preferito restare in silenzio durante la campagna elettorale perché ero impegnata a parlare con le persone al posto di rispondere a queste manifestazioni sessiste. Avrei preferito che si fosse parlato del mio trascorso politico, della mia battaglia per i diritti, del mio volontariato ed il mio impegno per il sociale, per la legalità e del mio attivismo non solo per la città di Trento, ma anche per la mia città natale, Portici”.

“Non è degno di attenzione questo forse”, osserva De Felice. “Ma sono una semplice militante e do il mio contributo come tanti nella misura in cui riesco e con gli strumenti che ho a disposizione”. La candidata ringrazia “le persone che mi hanno mostrato vicinanza e che conoscono la mia distanza da queste giornalate di bassa lega”.

“Le persone più fragili possono inibirsi o bloccarsi di fronte a questi approcci così superficiali ed offensivi, per questo ho sentito di rispondere”, prosegue la candidata dem. “La politica è sacrificio per gli altri, movimento, azione, vita. Non facciamo smorzare da loro i nostri ardori giovanili. Una società che si rifiuta di cambiare in questo è una società da cambiare”.

Leggi anche: Azzolina a TPI: “Foto in bikini e titoli sul ‘chiappone’: trattata in modo sessista come tante altre donne”

Ti potrebbe interessare
Politica / Firmato il Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, Draghi: “Patto storico”
Politica / L’Economist incorona Giorgia Meloni: “Può diventare la prima premier donna in Italia”
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”
Ti potrebbe interessare
Politica / Firmato il Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, Draghi: “Patto storico”
Politica / L’Economist incorona Giorgia Meloni: “Può diventare la prima premier donna in Italia”
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”
Politica / La ministra Carfagna agli eventi di Forza Italia con gli aerei di Stato
Politica / Azzolina a TPI: “Una vita a combattere chi mi scredita, alla scuola devo tutto”
Politica / Le carte sull’inchiesta Open: il meglio tra chat, email e appunti dei renziani
Politica / A cena con Matteo? “Costa 20mila euro”
Politica / Chi paga Renzi? Bonifici per 2,6 milioni di euro da Arabia Saudita, Benetton e società di investimenti
Cronaca / Mattarella: “Violenza contro le donne è un fallimento della nostra società”
Politica / Nomine, affari e potere: il grande risiko delle poltrone nelle carte dell’inchiesta Open