Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:02
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Ve lo ricordate Valter Lavitola? L’ex faccendiere di Forza Italia finito in carcere per Berlusconi ora vuole portarlo al Quirinale

Immagine di copertina
Foto Berlusconi: REUTERS/Flavio Lo Scalzo Foto Lavitola: Gennaro Giorgio / AGF

“Il Cavaliere può vincere la corsa al Quirinale promettendo che non si vada al voto", nel nuovo numero del settimanale di TPI, The Post Internazionale, in edicola da venerdì 14 gennaio, l'intervista all'ex direttore de L'Avanti, che ora gestisce un ristorante di pesce

È vero che Valter Lavitola lavora con  Berlusconi per il Quirinale?
(Sorriso). «Guardi, ora faccio il ristoratore».

Non è una risposta.
«Chi mi cerca, mi trova al Cefalù, il mio locale di pesce».

E allora?
«Lavoro in Viale dei Quattro venti, a Roma. Non ad Arcore».

Non risponde: la prendo come una conferma.
«Lei conosce bene il meccanismo giornalistico. Anche se smentisco diventa vero».

Lo dice persino Fabrizio Cicchitto, padrino di suo figlio, ed ex colonnello del Cavaliere.
«Fabrizio per me è un caro amico. Ma non è vero, è verosimile. È vera un’altra cosa».

Quale?
«Berlusconi i numeri li ha».

Nella sua ultima intervista le è sfuggita questa frase: «Nel retrobottega del ristorante aggiorno un tabellone con i deputati certi, schierati, conquistabili. Poi riporto tutto su Excel».
(Ride). «Ma è un modo di dire! Chi è ammalato di politica, come noi, è sempre aggiornato sulla politica».

Va bene. Ora tralasciamo se lei stia dando una mano. Mi dica come va a finire.
«Questo volentieri».

Ci sediamo quattro ore, a un tavolino del Cefalù: il tempo vola, e la vita di Lavitola pare un feuilleton francese. Ai tavoli servono una commessa brasiliana e una indiana, alla cassa la nipote di un ex direttore di “Avvenimenti”, tra i clienti c’è chiunque – giornalisti, star, attori. Fioccano ordini a domicilio da tutta la città, Valter viene interpellato su tutto, e discute davanti ad un bottiglione dello stesso rum che serve ai clienti con zabaione, come dessert: «Un elisir. Me lo portano dall’Ambasciata del Guatemala».
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Politica / Meloni a Tripoli: “Rafforzata collaborazione con l’autorità libica in relazione alla guardia costiera”
Politica / Crosetto sotto attacco dell’ex premier russo Medvedev: “È uno sciocco raro”
Politica / L’ex M5s Giarrusso entra nel Pd: “Sto con Bonaccini, all’Italia serve più sinistra”
Ti potrebbe interessare
Politica / Meloni a Tripoli: “Rafforzata collaborazione con l’autorità libica in relazione alla guardia costiera”
Politica / Crosetto sotto attacco dell’ex premier russo Medvedev: “È uno sciocco raro”
Politica / L’ex M5s Giarrusso entra nel Pd: “Sto con Bonaccini, all’Italia serve più sinistra”
Politica / Pista anarchica per gli attacchi ai diplomatici italiani a Barcellona e Berlino: cinque fermati
Politica / Carcere per i clienti delle prostitute e per chi si apparta in auto: la proposta di legge di Fratelli d’Italia
Politica / Zelensky a Sanremo, da Calenda a Conte si allarga il fronte dei politici contrari
Politica / Revelli a TPI: “Meloni sta realizzando una rivoluzione conservatrice mai riuscita a nessuno in Italia”
Politica / Il ministro Valditara premia il merito degli amici suoi
Politica / Giorno della memoria, Meloni: “La Shoah rappresenta l’abisso dell’umanità”
Politica / Cannabis, il botta e risposta tra Schlein e Salvini sulla legalizzazione