Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

“Dare del fascista a Salvini non è reato”: pm non convalida il sequestro degli striscioni anti Lega

Immagine di copertina
striscioni contro salvini sequestro

Striscioni contro Salvini sequestro | No alla convalida del sequestro

“Non c’era alcuna portata e idoneità offensiva”. Sono le parole del pm di Bari, Iolanda Daniela Chimienti, in merito al caso degli striscioni sequestrati a Gioia del Colle lo scorso 21 maggio durante il comizio di Matteo Salvini.

Secondo il pubblico ministero si è invece trattato di “esternazioni del proprio convincimento politico che possono assumere toni aspri” ma che sono “prive di portata denigratoria del prestigio della funzione pubblica”.

Per questi motivi il pm Chimienti non ha convalidato il sequestro di due striscioni da parte dei carabinieri e ha chiesto l’archiviazione dell’indagine per vilipendio a carico di ignoti.

Striscioni contro Salvini sequestro | Gli striscioni incriminati

L’episodio verificatosi in provincia di Bari è solo una delle tante manifestazioni di protesta contro il vicepremier leghista in tutta Italia dove si è verificato un vero e proprio “movimento dei balconi” con centinaia di scritte e cartelloni appesi sui terrazzi delle case.

Nel caso specifico gli striscioni “incriminati” erano uno con la scritta “Meglio lesbica e comunista che salviniana e fascista” e l’altro “La Lega è una vergogna, Pino Daniele”.

I due striscioni furono rimossi e sequestrati dai carabinieri: uno era stato appeso su un cavalcavia sulla Statale 100 all’altezza di Gioia del Colle e l’altro sul ponte della ferrovia della città.

Dunque secondo il pm dire “fascista” a un politico durante un comizio non è reato ma normale critica politica anche se espressa in “toni aspri”.

Il dissequestro e la richiesta di archiviazione del fascicolo sono state motivate dal giudice richiamando diverse sentenze della Cassazione e della Corte Costituzionale, oltre al diritto di critica e libertà di manifestazione del pensiero tutelati dall’art. 21 della Costituzione e dall’art. 10 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo.

Tutti gli striscioni contro Salvini | FOTO
Bari, la rivolta degli anagrammi anti-Salvini: così la protesta degli striscioni diventa virale
“Salvini togli anche questi striscioni”: la campagna virale contro il ministro
Striscioni contro Salvini a Milano per la manifestazione sovranista: fotogallery
Striscione anti-Salvini: aperta inchiesta a Salerno
Ti potrebbe interessare
Politica / Sardegna, terminato lo scrutinio: per Todde 1.600 voti di vantaggio
Opinioni / I populisti cavalcano il malessere delle persone, ma non hanno soluzioni. Ecco come fermarli (di N. Zingaretti)
Politica / L’annuncio di Meloni: “Chico Forti sarà trasferito in Italia”
Ti potrebbe interessare
Politica / Sardegna, terminato lo scrutinio: per Todde 1.600 voti di vantaggio
Opinioni / I populisti cavalcano il malessere delle persone, ma non hanno soluzioni. Ecco come fermarli (di N. Zingaretti)
Politica / L’annuncio di Meloni: “Chico Forti sarà trasferito in Italia”
Politica / Vannacci: “In tv troppi gay, cerco di orientare le mie figlie verso l’eterosessualità”
Politica / Scuola, percorsi differenziati per gli alunni stranieri: il piano di Valditara scatena le polemiche
Politica / Veronica Lario: “Miliardaria? Il Tribunale mi ha tolto tutto. Io passata da velina ingrata”
Politica / Scontri a Pisa, Piantedosi: “Le cariche fatte per garantire l’incolumità degli agenti. Corteo violava la legge”
Politica / Schlein: “Meloni si può battere, ora vogliamo l’Abruzzo”
Opinioni / Il voto in Sardegna non è solo una questione locale
Politica / L’Antifrode Ue ora indaga sulle cooperative della moglie e della suocera di Soumahoro