Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Draghi parla di “vaccini bene comune” ma sulla proposta di Biden nicchia

Immagine di copertina

Ieri, per la prima volta, il monopolio di Big pharma sui vaccini ha scricchiolato: l’annuncio del presidente degli Stati Uniti Joe Biden di sospendere i brevetti potrebbe infatti essere una svolta nella gestione della pandemia. Si è aperta così una discussione a livello globale sui farmaci anti Covid e su questo l’Europa – i cui vertici si incontrano proprio in questi giorni al summit di Oporto – è già spaccata. Francia a favore della liberalizzazione, Germania che vi si oppone. E l’Italia? La posizione del premier Draghi è quella del Giano bifronte. Da una parte le belle parole, dall’altra una non-decisione.

Ma cerchiamo di capire meglio decostruendo il pomeriggio di dichiarazioni. Draghi ha atteso di sentire tutte le posizioni espresse dai suoi colleghi europei Macron, Merkel e von der Leyen. Solo a fine giornata ha inviato alla stampa una nota di due righe: “I vaccini sono un bene comune globale. È prioritario aumentare la loro produzione, garantendone la sicurezza, e abbattere gli ostacoli che limitano le campagne vaccinali”.

Non serve un’analisi del testo particolarmente approfondita per notare che non vi è traccia delle parole “brevetti” o “liberalizzazioni”. Né con Big Pharma, né contro di loro quindi. Un colpo al cerchio e uno alla botte. L’ex presidente della Bce anche in questa occasione segue la strategia che aveva già sperimentato per il caso AstraZeneca e per la Superlega di calcio. Ovvero accodarsi. Non sembrare ignavo rilasciando comunque una dichiarazione (anche se per ultimo). Ma questo senza però implicare il governo in conseguenti prese di posizione o azioni imminenti.

Il non-schieramento fa gioco anche nella politica interna, perché Draghi riesce così a fare lo slalom tra maggioranza e opposizione. Non pronunciarsi sui brevetti significa non appoggiare né Pd e M5S, che hanno accolto la svolta di Biden con molto entusiasmo e rilanciando il testo della richiesta all’Ue per una deroga sulle proprietà intellettuali approvata a marzo in Senato, né la Lega che è rimasta in silenzio.

Certo, i concetti che ha portato avanti Draghi sono legittimi, la produzione globale e una redistribuzione dei vaccini sono quanto mai urgenti. Ma il presidente del Consiglio non intende distaccatsi dai colossi del mondo farmaceutico. “Garantire la sicurezza” significa anche avvalersi del protocolli di Pfizer, Moderna e BioNTech che si sono difesi dicendo che “i brevetti non sono il fattore che limita la produzione e l’approvvigionamento dei vaccini”. Che poi è la stessa cosa che ha sottolineato la portavoce dell’esecutivo tedesco: “Il suggerimento degli Stati Uniti di revocare la protezione dei brevetti per i vaccini Covid-19 ha implicazioni significative per la produzione dei vaccini nel suo complesso. La protezione della proprietà intellettuale è una fonte di innovazione e deve rimanere tale nel futuro”.

Futuro. Appunto. Quello delle diseguaglianze sociali esplose con la pandemia è il tema dei temi per il futuro. E la non-scelta di Draghi potrebbe pesare a livello europeo sia per la lotta al Covid, ma addirittura per la visione di una nuova collettività che si sta prospettando. Le frasi di circostanza come “vaccini bene comune” da sole non bastano. L’Italia deve schierarsi.

Leggi anche: 1. Svolta nella lotta al Covid: Biden annuncia la sospensione dei brevetti per i vaccini /2. Vaccini, il ritmo delle 500mila dosi è durato solo due giorni /3. Il ministro Bianchi: “A settembre tutti a scuola in presenza”/4. Come funziona il Green Pass: da metà maggio tornano i turisti in Italia /5. Estate: green pass, coprifuoco spostamenti. Tutte le regole per le vacanze

Ti potrebbe interessare
Politica / “Draghi al Colle? Sarebbe una forzatura istituzionale, ecco perché”: parola di costituzionalista
Politica / I gesti di Mattarella: due illustrazioni per celebrare il settennato del Presidente
Politica / Così Draghi “il migliore” ha gettato il Paese nel caos tentando di “scappare” al Quirinale
Ti potrebbe interessare
Politica / “Draghi al Colle? Sarebbe una forzatura istituzionale, ecco perché”: parola di costituzionalista
Politica / I gesti di Mattarella: due illustrazioni per celebrare il settennato del Presidente
Politica / Così Draghi “il migliore” ha gettato il Paese nel caos tentando di “scappare” al Quirinale
Politica / Chi è Nino Di Matteo, il più votato al quarto scrutinio dopo Sergio Mattarella
Politica / Sabino Cassese nega di conoscere Salvini: “Quirinale? Perché escluderlo?”
Politica / Maddalena a TPI: “I voti per me sono un appello alla Costituzione, il neoliberismo è un danno per il Paese”
Cronaca / Quirinale, Casini, Draghi e Belloni in pole. Letta: “Non ci sarà un presidente di destra”
Politica / Chi è Sabino Cassese, il possibile candidato a sorpresa per il Quirinale
Politica / Quirinale, nuova fumata nera: Mattarella il più votato. Salvini: "Conto di chiudere domani". Torna l'ipotesi Frattini. Tajani incontra Draghi, Renzi: "Non siamo a X Factor"
Politica / RETROSCENA TPI – Berlusconi sente Salvini e Casini: svolta sul Quirinale vicina