Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Irpinia, sindaco vieta gli incontri tra fidanzati: ”Serve prudenza”

Immagine di copertina
Credits: ANSA/CIRO FUSCO

Il sindaco di Casalbore vieta gli incontri tra fidanzati: ”Serve prudenza”

Il sindaco di Casalbore, piccolo comune in provincia di Avellino ai confini con il Sannio, dice no agli incontri tra fidanzati. Raffaele Fabiano ha deciso di vietare alle coppie divise dal virus di rivedersi, diversamente da quanto prevedono le disposizioni governative della fase 2.

“È inutile che pensiate che tutto sia finito – avverte via social il primo cittadino – nessuno si metta in testa di venire a trovare la fidanzata o il fidanzato a Casalbore. Vi faccio tornare indietro. I fidanzati non sono congiunti. Chi mi assicura che questi fidanzamenti non siano ad hoc?”, si domanda il sindaco che ha imposto controlli rigidissimi alle vie di accesso al paese, dove i contagi sono stati appena 2, peraltro in via di guarigione.

Il sindaco intende rifarsi all’articolo 307 del codice civile: “‘Per congiunti si intendono gli ascendenti, i discendenti, il coniuge, la parte di un’unione civile tra persone dello stesso sesso, i fratelli, le sorelle, gli affini nello stesso grado, gli zii e i nipoti: nondimeno, nella denominazione di prossimi congiunti, non si comprendono gli affini, allorché sia morto il coniuge e non vi sia prole’. Pertanto tale articolo non cita i fidanzati”, spiega il sindaco.

“In questa fase 2 i cittadini hanno bisogno di poche regole e chiare. È una constatazione dei fatti. Dire ai cittadini che si possono incontrare con affetti stabili e duraturi vuol dire che stiamo ragionando su un alveo amplissimo di ipotesi. Ho pensato così di evitare la visita per i fidanzati, non fosse per il fatto che mi viene difficile pensare che due fidanzati che si incontrano dopo due mesi riescano a rispettare le distanze di sicurezza anti contagio. Io non vedo la fretta per fare il ‘libera tutti’ in questo momento. Serve cautela. La mia paura più grande è che tra 15 giorni si possa tornare a una curva di contagio tale da dover fare qualche passo indietro”.

“Diventa molto più semplice verificare la veridicità di un’autocertificazione quando si auto-certifica che a Casalbore si sta venendo a trovare un congiunto, un parente, e non un fidanzatino”, conclude il sindaco.

Leggi anche:

Anche i fidanzati sono congiunti: lo dice la Cassazione

Ti potrebbe interessare
Politica / De Magistris: "Siamo tutti cavie, solo tra qualche anno sapremo cosa ci siamo messi nel braccio"
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni
Politica / Gallera: "Berlusconi mi ha chiesto di andare a Roma. Pronto per un incarico nazionale"
Ti potrebbe interessare
Politica / De Magistris: "Siamo tutti cavie, solo tra qualche anno sapremo cosa ci siamo messi nel braccio"
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni
Politica / Gallera: "Berlusconi mi ha chiesto di andare a Roma. Pronto per un incarico nazionale"
Politica / Stato di emergenza, Salvini contro Draghi: “No alla proroga, non ci sono i presupposti”
Politica / Non solo Grillo: Massimo D’Alema celebra “i grandi meriti del Partito Comunista Cinese”
Politica / Ora il Governo deve tirare fuori i dati. È un nostro diritto. Su AstraZeneca e mix vaccinale non sappiamo nulla (di L. Telese)
Politica / La "trappola" di Berlusconi: convincere Meloni a entrare nel partito unico
Politica / Barca a TPI: “La dote ai 18enni è stata spiegata male. Draghi? Un conservatore. E il suo Pnrr non ha visione”
Politica / Salvini: “Ora liberiamo gli italiani dall’obbligo della mascherina”
Politica / Vaccini, De Luca ci ripensa: anche la Campania si adegua al "mix vaccinale"