Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Nel pieno della trattativa sui ministri Salvini ha postato un video di un migrante che spenna un piccione

Immagine di copertina
Il leader della Lega Matteo Salvini

Il leader della Lega inizia il messaggio con l'annuncio dell'imminente chiusura dei giochi per la scelta dei ministri: "Ultime ore di lavoro per il governo. Ce la stiamo mettendo tutta". Poi i toni e il contenuto cambiano radicalmente

Nel pieno della chiusura della complessa trattativa per la formazione del nuovo governo, il leader della Lega, Matteo Salvini, ha pubblicato un post su Twitter.

Niente di strano, parlando di Salvini, visto l’enorme utilizzo che il prossimo vicepresidente del Consiglio e ministro dell’Interno del nuovo governo Conte fa dei social network.

Ciò che ha maggiormente colpito è stato il contenuto del post in questione, soprattutto vista la delicatezza del momento.

Salvini inizia il messaggio con l’annuncio dell’imminente chiusura dei giochi per la scelta dei ministri: “Ultime ore di lavoro per il governo. Ce la stiamo mettendo tutta”, esordisce il leader del Carroccio.

Il post continua, ma il registro cambia: “Intanto la cronaca ci riporta alla dura realtà, con un immigrato che SPENNA I PICCIONI in pieno giorno e in mezzo alla strada… A casa!!!”.

Il tutto corredato dal video di un migrante fermo al semaforo che, appunto, spenna la carcassa di un volatile.

Un primo assaggio della politica che Salvini potrebbe condurre una volta salito al Viminale, toni che peraltro ha sempre utilizzato durante la campagna elettorale, che per il leader leghista sembra non avere mai fine.

Il fatto ripreso nel video è avvenuto il 26 maggio a Firenze, nella zona di Porta al Prato, dove un uomo di 33 anni originario del Togo è stato visto (e filmato), mentre buttava pezzi di piccioni morti all’interno delle auto con i finestrini aperti.

Fermato dalla polizia municipale, il migrante è stato trovato sprovvisto di documenti ed è stato condotto al comando di polizia, dove ha trascorso la notte in cella.

È stato denunciato con l’accusa di aver violato la legge sull’immigrazione e di atti di crudeltà verso gli animali.

L’uomo rischia una condanna fino a 2 anni di reclusione.

Ecco il post di Salvini con il video del migrante che spenna un piccione:

Ti potrebbe interessare
Politica / “Draghi al Colle? Sarebbe una forzatura istituzionale, ecco perché”: parola di costituzionalista
Politica / I gesti di Mattarella: due illustrazioni per celebrare il settennato del Presidente
Politica / Così Draghi “il migliore” ha gettato il Paese nel caos tentando di “scappare” al Quirinale
Ti potrebbe interessare
Politica / “Draghi al Colle? Sarebbe una forzatura istituzionale, ecco perché”: parola di costituzionalista
Politica / I gesti di Mattarella: due illustrazioni per celebrare il settennato del Presidente
Politica / Così Draghi “il migliore” ha gettato il Paese nel caos tentando di “scappare” al Quirinale
Politica / Chi è Nino Di Matteo, il più votato al quarto scrutinio dopo Sergio Mattarella
Politica / Sabino Cassese nega di conoscere Salvini: “Quirinale? Perché escluderlo?”
Politica / Maddalena a TPI: “I voti per me sono un appello alla Costituzione, il neoliberismo è un danno per il Paese”
Cronaca / Quirinale, Casini, Draghi e Belloni in pole. Letta: “Non ci sarà un presidente di destra”
Politica / Chi è Sabino Cassese, il possibile candidato a sorpresa per il Quirinale
Politica / Quirinale, nuova fumata nera: Mattarella il più votato. Salvini: "Conto di chiudere domani". Torna l'ipotesi Frattini. Tajani incontra Draghi, Renzi: "Non siamo a X Factor"
Politica / RETROSCENA TPI – Berlusconi sente Salvini e Casini: svolta sul Quirinale vicina