Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Ragazzo di 15 anni ucciso a Napoli, Salvini: “Assurdo sia il carabiniere a passare per criminale. Stava difendendo se stesso”

Immagine di copertina

15enne ucciso a Napoli, Salvini: “Il carabiniere non è un criminale”

Salvini ha commentato la vicenda del ragazzo di 15 anni ucciso a Napoli durante un tentativo di rapina ai danni di un carabiniere non in servizio, che avrebbe aperto il fuoco nei confronti del giovane per difendersi, e che il padre della vittima ha definito “criminale”.

“Voleva ucciderlo. Quello non è un carabiniere, ma un criminale, perché ha voluto uccidere mio figlio”, ha commentato l’uomo a Fanpage.it

Ma secondo Salvini il carabiniere avrebbe agito per legittima difesa, e per questo non è da definirsi un “criminale”.

“Quando a 15 anni prendi in mano una pistola vera o finta fai una scelta”, ha detto il segretario della Lega nel corso di un comizio a Todi.

“Quando un carabiniere vede a rischio la vita sua e della sua fidanzata, fa quello che può, difendere se stesso, e no può passare per criminale. Non può essere aggredito e passare per criminale”, ha continuato.

“In quale paese al mondo ci sono persone che vanno fuori dal comando dei carabinieri e dal pronto soccorso sparano e sfasciano i letti?”.

Il leader della Lega ha fatto riferimento a quanto accaduto subito dopo la morte del ragazzo, che ha perso la vita al pronto soccorso dell’ospedale Pellegrini di Napoli, dove era stato trasportato in condizioni critiche in seguito alla sparatoria: decine di persone, tra cui i suoi familiari, hanno infatti distrutto il nosocomio della struttura con calci, pugni, lanciato sedie e panche sulle vetrate.

Il pronto soccorso è stato chiuso dal direttore della Asl perché inagibile, e 8 pazienti sono stati trasferiti in reparto o in altri ospedali. Poco dopo un gruppo di persone armate ha esploso quattro colpi di pistola nei pressi della caserma Pastrengo, sede del comando provinciale dei carabinieri di Napoli.

“La morte di un quindicenne è sempre e comunque una tragedia. Ma è inaccettabile che sia stato devastato, tanto da dover sospendere l’attività, il pronto soccorso dell’Ospedale Vecchio Pellegrini di Napoli”, ha scritto su Facebook il sindaco Luigi De Magistris. “Medici e infermieri devono lavorare in serenità per poter curare pazienti in emergenza. Ho più volte chiesto con forza che vi sia più vigilanza negli ospedali e nei pron‬to soccorso. La situazione negli ospedali è già alquanto complicata. Mai come di questi tempi è necessaria sicurezza totale! Basta parole!”.

Intanto la famiglia della vittima ha nominato un avvocato, Antonio Mormile, per indagare sulla dinamica che ha portato alla morte del figlio.

Secondo quanto accertato finora, il militare avrebbe parcheggiato l’auto, la ragazza che si trovava con lui sarebbe scesa, mentre lui non ne ha avuto il tempo. Russo, con casco integrale e scaldacollo, avrebbe raggiunto a piedi l’auto e puntato la pistola contro il carabiniere, che poi avrebbe fatto fuoco.

Leggi anche:
Ragazzo di 15 anni ucciso a Napoli dal carabiniere, il padre: “Colpito alle spalle mentre scappava”
Napoli, tenta rapina a carabiniere: morto 15enne. Parenti devastano ospedale
Ti potrebbe interessare
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Politica / “I partiti non fanno più politica”: la storica intervista di Berlinguer a Scalfari sulla Questione Morale
Ti potrebbe interessare
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Politica / “I partiti non fanno più politica”: la storica intervista di Berlinguer a Scalfari sulla Questione Morale
Politica / “Vestito inappropriato”: cronista allontanata da Montecitorio. Poi le scuse: “È stato un errore”
Politica / Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato
Politica / D’Alema a TPI: “Nel pensiero di Berlinguer la sinistra può trovare le risposte ai problemi di oggi”
Politica / Facciamo eleggere: la campagna per le amministrative del Forum Disuguaglianze e Diversità. “Sosteniamo chi si batte per giustizia sociale e ambientale”
Politica / Draghi convoca il Cdm d’urgenza e lancia l’ultimatum ai partiti: o votate le riforme o niente Pnrr
Politica / Commissione Esteri, Meloni a Conte: “Se sei serio ritira di Maio”. “Sei all’opposizione o voti con Renzi?”
Politica / Ddl Zan, i dem rilanciano la legge: “Disposti a modifiche, ma sull’identità di genere non si tratta”