Me

Buon appetito, ministro Salvini: verrà il tempo di fare i conti con la Storia

Porti chiusi, dice Salvini, lui che ha imparato come incendiare la guerra degli ultimi contro i penultimi mentre si diverte a mostrarci quale olioso trancio di pizza si è ingurgitato. Il commento di Giulio Cavalli

Di Giulio Cavalli
Pubblicato il 8 Apr. 2019 alle 11:47 Aggiornato il 18 Apr. 2019 alle 09:23
Immagine di copertina
Illustrazione di Gianluca Costantini

Porti chiusi. Si risponderà così, ai nostri figli. Diremo loro che il ministro dell’inferno voleva i porti chiusi per dare un segnale all’Europa secondo una legge del taglione per cui prendi la disperazione di qualcuno che non c’entra un cazzo e al posto di curarla la sbatti sul tavolo della politica e dell’Unione europea convinto che sia moneta sonante e senza nemmeno renderti conto che invece stai facendo la figura del meschino che sei.

Porti chiusi accenderà nella memoria la stessa indignazione delle camere a gas, con l’unica differenza che questi si riempiono i polmoni di acqua in fondo al mare e che ti va bene che non si vedono nemmeno, non fanno nemmeno fumo, non escono dai camini, al massimo li trovi, ma solo qualcuno, bolliti e spiaggiati come dei pesci vestiti.

Porti chiusi racconta di una deportazione che avviene in Libia, il porto sicuro in cui intanto la guerra impazza, tutta in nome dei giacimenti petroliferi che valgono molto di più di qualche straccione da inviare in Europa via mare. Cosa volete che interessi a questi dei migranti che da fuggitivi sono pronti a tutto pur di non morire nel proprio Paese. Disperati che preferiscono addirittura morire nelle rotte del Mediterraneo o nelle carceri libiche che ci indignano giusto il tempo del ruttino dopo cena durante il telegiornale.

Porti chiusi, dice Salvini, e lo dice con l’autorevolezza di chi ha imparato come incendiare la guerra degli ultimi contro i penultimi mentre si gode l’essere arrivato all’apice, lui che per modi al massimo lo mettono a giocare in porta quando ne manca uno alla partitella serale. E si offende, anche. Non vuole sentire parlare di morti, li nega in diretta televisiva, si diverte a mostrarci che olioso trancio di pizza si è ingurgitato mentre nel Mediterraneo sparivano altre cinquanta persone.

L’amico dei libici, Salvini, di quei libici che nemmeno esistono, divisi per bande e una volta carcerieri, una volta poliziotti, una volta scafisti, una volta guardiacostieri. Che schifo che deve fare la politica quando mentre la fai devi sperare che non ci siano troppi curiosi in giro, devi credere che la gente si berrà una narrazione che è contraddetta dalla comunità internazionale, dia numeri, dai fatti e da quei cadaveri che qualche Ong si intestardisce di mostrarci.

Buon appetito, ministro Salvini, verrà un tempo in cui ci saranno da fare i conti con la Storia, la Storia chiede sempre il conto, e non vorrei essere nei tuoi panni quando da padre di famiglia dovrai raccontare che il Mediterraneo è diventato un cimitero liquido in cui al massimo, quando ti andava male, usciva qualche scarpina dall’oblò di un finestrino.

Ti illudi di fermare la gente che scappa dalla fame e dal piombo. E mai nella Storia si è fermata la gente che scappa dalla fame e dal piombo. Buon appetito, Salvini.