“Roma non si può ricordare per le buche, i topi e i rom”: la frase razzista di Salvini a Piazza del Popolo

Di Giulia Angeletti
Pubblicato il 4 Lug. 2020 alle 17:14 Aggiornato il 4 Lug. 2020 alle 17:18
730
Immagine di copertina
Credit: ANSA-ZUMAPRESS

“La capitale di questo paese non può rimanere nella mente dei turisti per le buche, per gli autobus bruciati, per i rom e per i topi”. Lo ha detto Matteo Salvini durante la manifestazione di oggi in Piazza del Popolo a Roma, organizzata dal centrodestra. Salvini, che nel suo comizio ha affrontato diversi temi, tra i quali le future elezioni amministrative e regionali, ha parlato della situazione della capitale, sostenendo che Roma non può avere nuovamente Virginia Raggi come sindaco: la prima cittadina del Movimento 5 stelle viene accusata nuovamente dal leader della Lega di essere responsabile del degrado della città.

Sostenendo che la città eterna non può essere ricordata “per le buche, per gli autobus bruciati, per i rom e per i topi”, Salvini ha paragonato una minoranza etnica agli altri problemi di Roma, come quelli relativi al trasporto pubblico o alla pulizia della città.

Leggi anche:

Meloni a TPI: “Mentre gli italiani muoioni di fame, il governo pensa a regolarizzare i clandestini”

730
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.