Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:25
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Governo M5S-PD, Marco Travaglio e il voto su Rousseau: “Dieci motivi per dire si”

Immagine di copertina

Il giornalista si dice a favore dell'esecutivo giallorosso

Governo M5S-PD, Marco Travaglio e il voto su Rousseau: “Dieci motivi per dire si”

Dieci motivi per dire “Sì”: li ha elencati Marco Travaglio su Il Fatto Quotidiano, giornale di cui è direttore, nel giorno in cui è in programma il voto sulla piattaforma Rousseau per decidere se dare il via libera o meno al governo M5S-PD.

Secondo il giornalista, in passato assai critico nei confronti del Partito Democratico, le due forze politiche dovrebbero governare insieme, principalmente per dieci motivi.

Travaglio, che precisa di non poter votare non essendo iscritto alla piattaforma Rousseau, afferma comunque che, se ne avesse la possibilità, non avrebbe dubbi sul “Si” al Conte bis.

Le ultime news sul voto Rousseau

Secondo Travaglio, i 5 Stelle sono nati come coscienza critica del centrosinistra. Quando Romano Prodi era presidente del Consiglio, Beppe Grillo gli portò una serie di proposte per cambiare l’Italia e lo stesso Grillo, ricorda Travaglio, ha provato a candidarsi alle primarie del Partito Democratico.

Travaglio, inoltre, elogia la figura di Conte, il quale secondo il reporter merita di restare a Palazzo Chigi, e anche alcune misure, care alla sinistra, incluse nella bozza di governo.

Programma governo M5S-PD: ecco i 26 punti dell’esecutivo giallorosso

Le alternative al governo giallorosso, inoltre, non sono così rosee secondo il punto di vista di Travaglio. Le possibilità, infatti, sono due: elezioni e, dunque, un governo Salvini-Meloni-Berlusconi, che cancellerebbe alcuni provvedimenti come Reddito di Cittadinanza e Anticorruzione, o una riedizione dell’esecutivo gialloverde, che coprirebbe i pentastellati di ridicolo.

In caso di elezioni, sottolinea Travaglio, difficilmente il Movimento 5 Stelle riuscirebbe ad aumentare i consensi ottenuti nel 2018. Anzi, probabilmente si ritroverebbe a essere la seconda o terza forza in Parlamento.

Decimo e ultimo punto riguarda Salvini: “Fino a un mese fa Salvini era sempre tra i piedi e in prima pagina – scrive il giornalista – Ora sfugge ai radar. Chi lo rivuole in copertina?” si chiede Travaglio.

Ti potrebbe interessare
Politica / Il Green pass divide la Lega: il 40% dei leghisti non vota la fiducia al decreto alla Camera
Politica / Elezioni amministrative del 3-4 ottobre 2021: candidati, orari, legge elettorale
Politica / Il messaggio in codice di Prodi a Mattarella: “Un incarico settennale a 82 anni è un’incoscienza”
Ti potrebbe interessare
Politica / Il Green pass divide la Lega: il 40% dei leghisti non vota la fiducia al decreto alla Camera
Politica / Elezioni amministrative del 3-4 ottobre 2021: candidati, orari, legge elettorale
Politica / Il messaggio in codice di Prodi a Mattarella: “Un incarico settennale a 82 anni è un’incoscienza”
Politica / Lega, la crisi interna arriva su Whatsapp: “Decide tutto Draghi, meglio la scissione”
Politica / Draghi: “Emergenza climatica come la pandemia, agire subito o sarà troppo tardi”
Politica / Perché la Cultura sarà importante per il prossimo sindaco di Roma
Politica / Prodi a Letta: “I diritti non bastano, il Pd faccia più proposte forti”
Politica / Green Pass, Letta: “Salvini su questi temi è irrilevante nel Governo, nemmeno la Lega lo segue”
Politica / Don Matteo della Mancia: Salvini ha scambiato i social per la realtà e si è perso per strada la Lega
Politica / Il candidato di centrodestra Bernardo agli alleati: "Datemi i soldi della campagna elettorale o mi ritiro"