Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Europee, la Lega stravince a Riace: è il primo partito

Immagine di copertina

Riace Lega Europee Risultati | Domenica 26 maggio 2019 i cittadini italiani sono andati a votare alle Elezioni Europee 2019, per eleggere i propri rappresentati al Parlamento europeo.

Fin dagli exit poll è apparsa chiara la vittoria della Lega, con oltre il 34 per cento dei voti. A differenza di quanto previsto dagli ultimi sondaggi, il Partito democratico si è aggiudicato il secondo posto, con il 22 per cento superando di misura il Movimento Cinque Stelle. Clamorosa la debacle dei grillini, che in poco più di un anno, dalle Politiche 2018, perdono oltre 15 punti percentuali e finiscono al meno del 17 per cento.

La Lega infatti prende il 30,75% dei voti, mentre Salvini ottiene 67 preferenze, piazzandosi al primo posto dietro Sofo che si ferma a 65.

Il Movimento Cinque Stelle invece arriva al 27,43%. Il Pd si ferma al 17,39%, per Forza Italia solo il 9,01% e per Fdl il 6,42%. L’area di sinistra, che faceva riferimento a Lucano, ottiene il 2,17%.

Se per alcune zone del Paese il risultato era più che certo, in alcune regioni, città e piccoli comuni la crescita del partito di Salvini è stata impressionante e inaspettata. Riace ne è l’esempio perfetto.

Il piccolo comune della Locride spiazza infatti ogni aspettativa: il paese simbolo per l’accoglienza ai migranti vota per la Lega di Matteo Salvini, proprio per colui il quale si era opposto con tutte le sue forze all’ex sindaco Mimmo Lucano. Un dato inaspettato dato il consenso dell’opinione pubblica sempre manifestato all’ex sindaco.

Mimmo Lucano, ideatore del sistema di accoglienza “Modello Riace” che ha reso il comune calabrese famoso in tutto il mondo, è stato rinviato a giudiziocon l’accusa di favoreggiamento di immigrazione clandestina. La prima udienza è prevista per l’11 giugno 2019. Nei suoi confronti, già da ottobre scorso, è in vigore il divieto di dimora a Riace.

La Lega prende il 30,75% dei voti, mentre Salvini ottiene 67 preferenze, piazzandosi al primo posto dietro Sofo che si ferma a 65.

Il Movimento Cinque Stelle invece arriva al 27,43%. Il Pd si ferma al 17,39%, per Forza Italia solo il 9,01% e per Fdl il 6,42%. L’area di sinistra, che faceva riferimento a Lucano, ottiene il 2,17%.

Nel pomeriggio, inoltre, è stato completato lo spoglio delle elezioni comunali della città di Riace. Il nuovo sindaco è Antonio Trinfoli che ha ottenuto il 41,89% dei consensi. Il secondo candidato più votato è stato Maurizio Cimino, ex vicesindaco della cittadina calabrese, mentre la candidata di Lucano, l’ex assessore ai Lavori pubblici Maria Spanò, si è piazzata al terzo posto con il 29,01. Lucano, candidato con la lista “Il cielo sopra Riace”, guidata proprio da Spanò, non è riuscito a farsi eleggere nel consiglio comunale della cittadina.

Non è previsto alcun tipo di ballottaggio alle elezioni comunali di Riace. Il comune, infatti, ha meno di 15mila abitanti e dunque – come previsto dalle direttive del ministero dell’Interno – viene eletto sindaco il candidato che ottiene il maggior numero di voti rispetto agli avversari.

Non è necessaria, dunque, alcuna maggioranza assoluta, ma solo quella semplice.

Riace Lega Europee Risultati | Mimmo Lucano si racconta: ecco chi è davvero il sindaco di Riace | Video

Ti potrebbe interessare
Politica / Ischia, scoppia il caso per le parole del ministro Pichetto Fratin: “In galera il sindaco e chi lascia costruire”
Politica / Ischia, polemiche sul decreto del 2018. Conte: “Sbloccammo una situazione ingestibile“. Renzi: “Fu un condono”
Politica / De Petris a TPI: “Il Pd non può più essere il primo partito del centrosinistra”
Ti potrebbe interessare
Politica / Ischia, scoppia il caso per le parole del ministro Pichetto Fratin: “In galera il sindaco e chi lascia costruire”
Politica / Ischia, polemiche sul decreto del 2018. Conte: “Sbloccammo una situazione ingestibile“. Renzi: “Fu un condono”
Politica / De Petris a TPI: “Il Pd non può più essere il primo partito del centrosinistra”
Cronaca / Il Black Friday di Giorgia: la premier fa shopping in una boutique del centro e si ferma a fare i selfie
Opinioni / Con questa classe dirigente il Pd non ha futuro (di L. Pacini)
Politica / Piccolotti a TPI: “Se il Pd rompe ancora, gli elettori lo puniranno di nuovo”
Cronaca / Tragedia Ischia, il governo si contraddice: Salvini annuncia 8 vittime, Piantedosi e il prefetto lo smentiscono
Politica / Soumahoro, Fratoianni: “Ombre su Aboubakar da chiarire, ma non mi pento”
Politica / Renzi: “Noi con la maggioranza? Io come Jep Gambardella sono quello che i governi li fa fallire”
Cronaca / Caso Soumahoro, l’operatrice della coop dei familiari: “Senza stipendio da quasi due anni, aspetto 20 mila euro”