Me

Ministro Boccia a TPI: “Renzi lascia il Pd? Folle decisione. E pensare che Zingaretti gli ha concesso fin troppo in questo governo”

Di Luca Telese
Pubblicato il 17 Set. 2019 alle 12:33 Aggiornato il 18 Set. 2019 alle 13:42
Immagine di copertina
Il ministro degli Affari Regionali e Autonomie, Francesco Boccia. Credit: ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI

“Per me è una scissione incomprensibile. Conosco tanti compagni che vengono da una storia comune alla mia, osservo e rispetto il loro disagio in queste ore”.

Di quale disagio parla, ministro?

Quello di chi ora, per lealtà a Matteo, dovrà scegliere se andarsene o no dal suo partito. Non è semplice, perché non c’è una sola spiegazione politica ragionevole di questo gesto.

Non la convince la spiegazione che ha offerto Renzi?

Francamente no. Per quale motivo se ne sta andando dalla sua casa? Quale ragione concreta? Nemmeno lui, in due pagine di intervista, ne offre una.

Me lo dica lei, allora, perché se ne sta andando.

Io francamente non l’ho capito. Così come non lo capiscono i tanti compagni che durante la nostra sfida del primarie chiedevano il voto per la loro mozione dicendo: “Noi dal Pd non ce ne andremo mai”.

Non la convince la spiegazione di Renzi, quella che non c’era più spazio di agibilità?

Sinceramente no: il governo che si è fatto lui diceva di volerlo. Lo ha votato! Non c’è dissidio politico su nessuno dei grandi temi. Dei cardini, cioè, che costituiscono il nucleo di identità forte del Pd. E allora la domanda che vorrei fargli io è: “Matteo, ma perché te ne vai?”. Perché io davvero il motivo non lo ho capito. Francesco Boccia, ministro per gli Affari regionali del governo Conte è stato per tanti anni in minoranza nel Pd di Renzi. E adesso vorrebbe chiedere ai suoi compagni di accettare lo stesso ruolo che è toccato a lui, con serenità e lealtà.

Che cosa intende per “serenità”?

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Io sono stato minoranza in un partito in cui c’era un clima molto diverso da oggi.

Quale?

Se non eri d’accordo con Renzi finivi per essere considerato un appestato e dovevi stringere i denti. Oppure finivi male, perché una randellata sulla testa prima o poi ti arrivava.

Come Fassina, come Letta?

Ecco, proprio questi esempi mi fanno riflettere. Anche Stefano avrebbe dovuto tenere duro, resistere. Sono persone di valore, e in una comunità grande e plurale come quella del Pd ci deve essere posto per tutti.

Cosa intende?

Dentro il Rojava, guerra di Siria

(Riso amaro). Quando Matteo era leader, se intervenivi negli organismi dirigenti e non eri d’accordo intorno a te era il vuoto pneumatico, il silenzio. Ricordo il disagio che ho provato in alcune di queste situazioni.

Lo dice perché vuole essere di esempio?

Sì. Sentivamo il clima difficile, e tuttavia io e molti compagni siamo rimasti perché credevamo con passione al progetto del Pd. Oltre le persone, intendo, e oltre i personali calcoli di convenienza.

Malgrado tutto.

Ricordo alcune direzioni in cui c’erano compagni che avevano addirittura paura a batterti le mani, di essere guardato male solo per questa minima dichiarazione di sintonia.

E invece ora lei è al governo, ministro del Pd.

Io ma non solo io. Io, ma anche dirigenti del partito che la pensano all’opposto da me. Questo è il punto.

Perché lei vuol dire che oltre a voi zingarettiani ci sono anche i renziani di ogni segno e colore?

Esatto. Questa è stata la grande differenza rispetto a quando il leader era lui. La collegialità.

Tre ministri e quattro sottosegretari che vengono dalla sua corrente.

Zingaretti è stato addirittura criticato, da quelli più ortodossi per l’enorme attenzione che ha riservato alla corrente di Renzi. Dicevano che era stato troppo arrendevole.

Perché secondo alcuni i renziani hanno avuto troppo peso.

I capigruppo nominati da Renzi non sono cambiati, i suoi uomini e le sue donne sono state candidati alle elezioni europee. I suoi uomini sono diventati ministri e sottosegretari. Le sue opinioni sono diventate il centro del dibattito. E allora mi chiedo: cosa capiscono i nostri elettori di questo dissidio?

Lei una idea ce l’ha.

No, giuro. Quello che penso glielo ho detto. Nel Pd di Zingaretti – come è evidente a tutti – c’era spazio e rispetto per tutti. Matteo ha fatto un’altra scelta, vedo anche che molti dei suoi non lo seguono, gli auguro buona fortuna, ma continuo a non capire.

Renzi lascia il Pd, Debora Serracchiani a TPI: “Scelta che non capisco e che non condivido”