Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 13:19
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Renzi è indagato anche per la conferenza di Abu Dhabi

Immagine di copertina
Credit: ansa foto

Il senatore e leader di Italia Viva, Matteo Renzi, e il manager Lucio Presta sono indagati dalla procura di Roma per finanziamento illecito e false fatturazioni.

Al centro dell’indagine, secondo il quotidiano Domani che per primo ha dato la notizia, c’è il documentario Firenze secondo me, realizzato dall’ex premier con la collaborazione della casa di produzione Arcobaleno 3, di proprietà della famiglia Presta, e andato in onda su Discovery Channel a cavallo tra dicembre 2018 e gennaio 2019.

Il senatore stesso ha poi fatto sapere di essere indagato anche dalla procura di Firenze per emissione di fatture per operazioni inesistenti in relazione al compenso ricevuto per una conferenza ad Abu Dhabi. Renzi ne dà notizia nel suo libro Controcorrente.

“A inizio del 2020, avendo finito il resto della famiglia ed essendo le nonne troppo anziane, Turco invia un avviso di garanzia anche a me. Vengo infatti indagato per prestazione inesistente dopo aver partecipato a un convegno ad Abu Dhabi al quale partecipano autorevoli leader internazionali”.

“Prestazione talmente inesistente – aggiunge Renzi – da essere reperibile online sul canale YouTube e sulle principali testate internazionali a cominciare da Bloomberg. Inutile dire che per tale conferenza ho ricevuto un corrispettivo bonificato in modo legittimo e trasparente sul quale ho pagato le tasse in Italia. È altrettanto inutile dire che solo al sottoscritto e solo dalla Procura di Firenze sono stati avanzati rilievi sulle conferenze a pagamento che si svolgono in molti Paesi del mondo e che caratterizzano l’attività di molti ex capi di governo di tutto il pianeta”.

Secondo quanto appreso poi da fonti investigative, Renzi sarebbe indagato in concorso con Carlo Torino, titolare di una società di Portici (Napoli), la Carlo Torino e associati, che avrebbe fatto da tramite per la ricezione del compenso. L’inchiesta sarebbe nata a seguito di una segnalazione della Uif, l’Unità di prevenzione antiriciclaggio, che avrebbe indicato movimenti di denaro poco chiari sul conto corrente della società del napoletano.

Si tratta di un’operazione che risale al 17 gennaio 2020, quando sul conto della società arrivò un bonifico da 75.000 euro proveniente da una società di marketing e comunicazione guidata da Anthony Scaramucci. Ovvero l’organizzatore del convegno ed ex consulente di Donald Trump.

Ti potrebbe interessare
Politica / Lettera a TPI: “Alessandro, preparati”
Politica / Salvini ora contesta anche il vaccino obbligatorio per il personale scolastico
Politica / Scuola, obbligo di vaccino per il personale dal 12 settembre: le ipotesi al vaglio del governo
Ti potrebbe interessare
Politica / Lettera a TPI: “Alessandro, preparati”
Politica / Salvini ora contesta anche il vaccino obbligatorio per il personale scolastico
Politica / Scuola, obbligo di vaccino per il personale dal 12 settembre: le ipotesi al vaglio del governo
Politica / Green Pass, Massimo Cacciari: “Roba da regime dispotico. Sperimentazione di massa”
Politica / Salvini torna al Papeete e fa un selfie con Denis Dosio. Scoppia la polemica
Politica / “Draghi figlio di papà, non capisce un ca**o”: polemica per le parole di Travaglio
Politica / Giustizia, Di Maio e Letta obbediscono a Draghi: Conte avrà un contentino e darà l'ok alla riforma
Politica / Giorgia Meloni si è vaccinata: prima dose allo Spallanzani di Roma
Politica / Milano, Gino Strada sul candidato sindaco con la pistola: “Arma in ospedale? Chiamerei guardia psichiatrica”
Politica / Rai, il centrodestra diviso ha consegnato Viale Mazzini al Pd: ora Draghi è costretto a mediare