Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Quirinale, Salvini pensa al rimpasto di governo con “gli assi di briscola”

Immagine di copertina

“Gli assi di briscola al governo”, il leader della Lega Matteo Salvini, ospite di Porta a Porta, evoca un rimpasto dell’esecutivo. “Una volta eletto il presidente della Repubblica bisognerà riflettere anche sulla natura del governo”, dice e suggerisce di mettere in campo “tutte le energie migliori possibili da parte di tutti i partiti”. Un esecutivo, quindi, composto da leader. E sull’ipotesi di lui come parte di questi assi risponde: “Ne parliamo più avanti, io non uso ritrarmi dalle mie responsabilità”.

Parlando di Silvio Berlusconi precisa: “Ha fatto tre volte il presidente del Consiglio, è internazionalmente conosciuto e riconosciuto ed è stato eletto per guidare questo Paese più di una volta. Quindi penso che nessuno da sinistra possa mettere dei veti a priori. Poi bisogna aspettare che lui dica qualcosa e sciolga le riserve”. Su Draghi dice, poi, che avrebbe piacere se continuasse a svolgere il ruolo di presidente del Consiglio di garanzia “perché ci sono ancora tante cose da fare in questi mesi che ci accompagnano alla fine della legislatura”. La preoccupazione di Salvini è: “se togli il tassello più importante di questo governo non so come ne usciremmo. Di tutto c’è bisogno fuorché di confusione in Italia in questo momento”.

Intanto, Berlusconi nel pomeriggio di ieri è arrivato a Villa Grande, la sua casa romana sull’Appia Antica, un tempo appartenuta a Franco Zeffirelli. Qui ha riunito lo stato maggiore di Forza Italia e ha fatto il punto della situazione con Antonio Tajani e i capigruppo Annamaria Bernini e Paolo Barelli. La data del vertice di centrodestra, però, ancora non c’è. Si era pensato di farla dopo l’assemblea del Partito democratico programmata, inizialmente, per domani ma poi slittata a sabato, dopo il funerale di stato di David Sassoli. Il segretario del Pd, Enrico Letta, ha rinviato tutte le riunioni. La morte del presidente del Parlamento europeo ha infatti congelato le agende di tutti, e tutto è sospeso in una settimana che sembrava essere decisiva.

Ti potrebbe interessare
Politica / RETROSCENA TPI – Renzi pronto a far eleggere Casellati in cambio della Presidenza del Senato
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Renzo Tondo
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Roberto Cassinelli
Ti potrebbe interessare
Politica / RETROSCENA TPI – Renzi pronto a far eleggere Casellati in cambio della Presidenza del Senato
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Renzo Tondo
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Roberto Cassinelli
Politica / Elezione presidente della Repubblica: il centrodestra propone i nomi di Pera, Moratti e Nordio
Politica / Quirinale, Letta preoccupato per le trattative: “Rischiamo di perdere Draghi anche a Palazzo Chigi”
Politica / Chi è Paolo Maddalena, l’ex giudice che ha ottenuto più voti alla prima tornata per il Quirinale
Politica / Quirinale, nuova fumata nera con 527 schede bianche, 39 voti a Maddalena e Mattarella. Il centrodestra propone Pera, Moratti e Nordio, no del centrosinistra. Letta: "Chiudiamoci in una stanza e troviamo una soluzione"
Politica / Quirinale, Liliana Segre: “No scheda bianca, oggi voterò un nome. Per me sacrificio essere qui”
Politica / Chi è Carlo Nordio, il candidato proposto dal centrodestra come presidente della Repubblica
Politica / Le trattative prima del voto, dialogo tra Letta e Salvini: oggi nuovi incontri