Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Quirinale, Crippa (M5S): “Mattarella resta nome estremamente importante per noi”

Immagine di copertina
Bandiera M5s Credits: Twitter

Per il Movimento 5 Stelle, il nome di Sergio Mattarella rimane “estremamente importante”. È chi “ci ha chiesto di entrare in questo percorso del governo Draghi”, ha detto il capogruppo M5S, Davide Crippa, all’assemblea dei deputati grillini. “Anche le altre forze politiche si dichiarano in alcuni casi predisposte. La situazione è in continua evoluzione, stiamo giocando un ruolo molto importante, dobbiamo cercare di unire i diversi fronti per ‘quagliare’ su dei profili”.

Il premier Mario Draghi al Colle, invece, potrebbe essere una “problematica legata allo scenario per i cittadini”, ma non alla sua figura. Questo perché ci sono “percorsi di attuazione del Pnrr che dobbiamo riuscire a mettere in campo… il tema pandemico che non è risolto, il caro energia… se c’è da installare un nuovo percorso governativo rischiamo di aumentare parecchio, di due o tre mesi, il tempo: questo vuol dire che le imprese chiudono i battenti”, ha detto Crippa aggiungendo che sarebbe complicato, poi, trovare un nuovo “macchinista”.

A proposito, poi, degli incontri avuti da Giuseppe Conte con gli altri leader del centrosinistra e con il segretario della Lega, Matteo Salvini, il capogruppo M5S ha detto che il ruolo dei grillini potrebbe essere l’ago della bilancia: “Siamo noi che forse possiamo risolvere questa situazione – ha detto Crippa – dal lato del centrosinistra c’è la problematica di sostenere un profilo di centrodestra, cosa che sembra paritaria dall’altro lato”. Ha poi aggiunto “dobbiamo comprendere come possiamo far sì che si converga su percorsi comuni, su profili alti con competenze importanti”. I numeri infatti mancherebbero da entrambe le parti. Crippa ha sottolineato che “è giusto che Conte cerchi di mediare tra questi due fronti, per vedere come alcuni profili possano essere apprezzati anche in ambienti dove non sono nati”.

Il pentastellato ha proseguito poi attaccando chi dei colleghi “totalmente senza mandato” ha cercato di “contattare” e “agganciare” con il rischio che la trattativa in corso potesse essere danneggiata, compromettendo anche “il percorso che stiamo facendo”. Infine, all’assemblea ha chiesto “massima compattezza e fiducia”, invitando i presenti a inviare “osservazioni” o le “principali criticità sui profili” per il Quirinale “che emergono dai giornali”.

Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui
Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi: “Oltre 1.200 le morti sul lavoro nel 2021, c’è ancora molto da fare”
Politica / Mattarella revoca “per indegnità” la nomina di Cavaliere al premier russo Mishustin
Politica / Processo Ruby Ter, Berlusconi: “Accanimento giudiziario e politico, vogliono fermarmi”
Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi: “Oltre 1.200 le morti sul lavoro nel 2021, c’è ancora molto da fare”
Politica / Mattarella revoca “per indegnità” la nomina di Cavaliere al premier russo Mishustin
Politica / Processo Ruby Ter, Berlusconi: “Accanimento giudiziario e politico, vogliono fermarmi”
Politica / Ciriaco De Mita: le cause della morte dell’ex premier e segretario della Dc
Politica / È morto Ciriaco De Mita: l’ex premier e segretario della Dc aveva 94 anni
Politica / Processo Ruby ter: il pm di Milano chiede di condannare a 6 anni Silvio Berlusconi
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Politica / “Chi fa politica mette in conto la prigione”: le lettere dal carcere del giovane Berlinguer
Politica / Il discorso del 1969 che consacrò la leadership di Enrico Berlinguer
Politica / Dalla strada sbarrata per il Quirinale all’irrilevanza sulla crisi Ucraina: Draghi ha perso il whatever it takes