Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:30
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Quanto guadagna Matteo Salvini: lo stipendio del leader della Lega

Immagine di copertina

Quanto guadagna Matteo Salvini: lo stipendio del leader della Lega

Quanto guadagna il leader della Lega Matteo Salvini? È la domanda che molti cittadini si fanno ponendo soprattutto in questo periodo, contraddistinto dall’emergenza Coronavirus e dalla crisi economica che ne conseguirà. Il tema dei costi della politica, infatti, è sempre molto attuale e sta tornando sempre più al centro del dibattito politico a causa delle ristrettezze economiche con i quali devono e dovranno fare moltissimi cittadini. Ma qual è lo stipendio di Matteo Salvini, leader della Lega e senatore?

In qualità di senatore della Repubblica, carica che ricopre dal 4 marzo 2018, Matteo Salvini guadagna 14.634 euro al mese, senza contare i rimborsi spese annessi al ruolo di parlamentare che variano a seconda dei casi. Per quanto riguarda il ruolo di segretario della Lega, invece, Salvini non sembrerebbe percepire alcuno stipendio o perlomeno non vi è alcuna documentazione che accerti che il leader del Carroccio sia retribuito per il ruolo che ricopre.

Lo stipendio di Matteo Salvini quando era ministro dell’Interno

Ma quanto guadagnava Salvini quando ricopriva il ruolo di ministro dell’Interno e vicepremier nel primo governo Conte? In realtà, la stessa identica cifra. Il leader della Lega, infatti, percepiva solamente lo stipendio da parlamentare poiché la possibilità di percepire un doppio compenso è stato abolito diversi anni dal governo Letta. Nell’ultima dichiarazione dei redditi disponibile sul sito del Senato e relativa al 2018, anno in cui Salvini ricopriva il ruolo di vicepremier e ministro dell’Interno, oltre che di senatore, il leader del Carroccio dichiarava un reddito imponibile di 70mila 173 euro. In quella presentata nel 2018 e relativa al 2017, anno in cui Salvini ricopriva ancora il ruolo di eurodeputato, Salvini dichiarava di aver incassato 102.402 euro per la carica di europarlamentare, 13mila euro per altre attività e di essere titolare di numerose azioni di diverse aziende.

Quanto guadagna Matteo Salvini: la biografia del leader della Lega

Nato a Milano il 9 marzo del 1973, Matteo Salvini dimostra un certo talento per i quiz show sin da giovane. Ad appena 15 anni, infatti, partecipa al programma di Corrado Tedeschi Doppio Slalom vincendo circa 900mila lire. Nel 1993, invece, partecipa al quiz di Davide Mengacci Il pranzo è servito in onda su Rete 4. Nello stesso anno inizia la sua attività politica nella Lega Nord, partito a cui si era iscritto nel 1990, venendo eletto come consigliere comunale di Milano, carica che ricoprirà per ben 19 anni. Membro del Movimento dei Giovani padani, nel 1997 inizia a lavorare come giornalista per il quotidiano del partito allora guidato da Umberto Bossi: La Padania.

Eletto segretario provinciale di Milano della Lega Nord nel 1998, dal 2004 al 2006 ricopre il ruolo di eurodeputato, mentre subito dopo diviene capogruppo del Carroccio in consiglio comunale a Milano. Nel 2008 viene eletto parlamentare, incarico che abbandona un anno più tardi quando sceglie di ricoprire il ruolo di europarlamentere. La svolta arriva nel 2013 quando assume il controllo della Lega, ricoprendo l’incarico di segretario. Salvini eredita un partito sfaldato che alle precedenti elezioni aveva ottenuto appena il 4 per cento dei consensi e che 5 anni più tardi, nel 2018, arriverà a ottenere il 17,35 per cento, risultando il terzo partito d’Italia. Proprio in virtù di questo risultato, il partito di Matteo Salvini formerà con il Movimento 5 Stelle un nuovo esecutivo, guidato da Giuseppe Conte. L’esperienza di governo termina il 20 agosto del 2019 quando Giuseppe Conte, dopo un intenso tira e molla con Salvini che prima presenta una mozione di sfiducia nei suoi confronti e poi la ritira, rassegna le dimissioni, ponendo fine al governo gialloverde e dando il via a quello giallorosso, formato da M5S e Pd.

Ti potrebbe interessare
Politica / Salvini difende Jacobs dai sospetti dei media stranieri: “Squallidi, non sapete perdere”
Politica / Stragi, Mario Draghi toglie il segreto su Gladio e sulla P2
Politica / Il Senato chiude e va in vacanza: Ddl Zan e riforma della giustizia possono attendere
Ti potrebbe interessare
Politica / Salvini difende Jacobs dai sospetti dei media stranieri: “Squallidi, non sapete perdere”
Politica / Stragi, Mario Draghi toglie il segreto su Gladio e sulla P2
Politica / Il Senato chiude e va in vacanza: Ddl Zan e riforma della giustizia possono attendere
Economia / Nessuno ne parla ma anche Draghi ebbe un ruolo decisivo nel crack Mps
Politica / Lettera a TPI: “La Logica cinica e perversa della riforma Cartabia”
Politica / L'ultimatum di Salvini a Draghi: "Il governo fermi gli sbarchi oppure sostenerlo sarà un problema"
Opinioni / Statuto M5s, Conte al bivio: "Se non ottiene un plebiscito la sua leadership va già in crisi" (di M. Antonellis)
Politica / Berlusconi incorona Salvini come leader del centrodestra
Politica / Green pass per i trasporti (ma da settembre), vaccini obbligatori per il personale scolastico
Opinioni / Renzi vuole abolire il reddito di cittadinanza, ma lui non ha mai dovuto cercare un lavoro in vita sua (di L. Telese)