Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 00:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Prodi apre a un ingresso di Berlusconi nel governo: “Non è un tabù”

Immagine di copertina
Silvio Berlusconi e Romano Prodi brindano in una foto del 3 maggio 2006. Credit. Ansa foto

Era il 1996 e di fronte a una platea di mille persone più il pubblico a casa davanti agli schermi tv, andava in scena lo storico duello tra Romano Prodi e Silvio Berlusconi. Due ore di confronto e di frecciate: i duellanti si inseguirono fino a sera, con le dichiarazioni alle agenzie di stampa: “Io ho risanato un’ azienda dello Stato; lui invece ha usato lo Stato per la sua”, accusava Prodi.

Era lo scontro finale in vista delle elezioni politiche, furono le seconde elezioni anticipate a svolgersi negli anni Novanta, quando per la prima volta in assoluto nella storia repubblicana, vi furono tre tornate elettorali in quattro anni. “L’ Europa non si fida di Berlusconi: il suo governo ci è costato tre punti d’aumento dei tassi di interesse: 50mila miliardi”, tuonava Prodi. Al quale rispondeva il Cavaliere: “Menzogna, fu colpa del ribaltone, ci avete lasciati lavorare tre mesi soltanto”.

Come conseguenza di queste elezioni si venne a formare un governo di centrosinistra guidato dal leader della coalizione vincente, Romano Prodi, con 17 esponenti tutti provenienti dall’Ulivo. Sono trascorsi ben 24 anni, eppure i due leader sono ancora in campo, ma le cose sono decisamente cambiate. A dirlo è Prodi stesso, che parla di sé ammettendo: “la vecchiaia porta saggezza” e aprendo a sorpresa a un ingresso di Berlusconi in maggioranza.

Non è finzione. Il fondatore dell’Ulivo lo ha detto davvero: “La posizione favorevole di Forza Italia al Mes e un eventuale suo ingresso in maggioranza? Il problema è che il governo abbia una maggioranza solida e che quindi possa prendere delle decisioni. O noi diamo una spinta o il Paese si arrotola su se stesso”. Così l’ex presidente del Consiglio Romano Prodi risponde all’inviato di “In onda” (La7), Luca Sappino, che gli domanda se il sì al Mes di Forza Italia potrebbe essere la premessa dell’ingresso del partito in maggioranza. E su Berlusconi Prodi annuncia: “Per me non c’è nessun tabù, anche perché, come più volte ho già detto, la vecchiaia porta la saggezza”

Ti potrebbe interessare
Politica / Quirinale, l’ultima trovata del Partito democratico: nominare Draghi senatore a vita
Politica / Cop27 Egitto, Cingolani: “Pensando a Zaki e Regeni per me grosso problema partecipare “
Politica / Conte: “Mi candiderò a Politiche. Entrerò in Parlamento dalla porta principale”
Ti potrebbe interessare
Politica / Quirinale, l’ultima trovata del Partito democratico: nominare Draghi senatore a vita
Politica / Cop27 Egitto, Cingolani: “Pensando a Zaki e Regeni per me grosso problema partecipare “
Politica / Conte: “Mi candiderò a Politiche. Entrerò in Parlamento dalla porta principale”
Politica / Berlusconi strizza l’occhio al M5S: “Ha dato voce a disagio reale che merita rispetto”
Politica / I sindacati si spaccano: Cgil e Uil proclamano lo sciopero generale, la Cisl non aderisce
Opinioni / Il PD è davvero pronto a un bagno di sangue in nome di Giuseppe Conte? (di S. Mentana)
Politica / Calenda pronto a sfidare Conte nel collegio di Roma 1: “I 5 Stelle hanno devastato la Capitale”
Politica / Renzi: “Se il Pd candida Conte a Roma lo farà senza di noi. È un seggio parlamentare, non un banco a rotelle”
Politica / Monti: “Gli italiani? Hanno uno scarso livello di preparazione. Mia frase sull’informazione e il Covid infelice”
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier