Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

“Continuiamo così, facciamoci del male”: l’eterno slogan del Partito Democratico

Immagine di copertina

“Continuiamo così, facciamoci del male”. La celebre citazione morettiana andrebbe affissa in bella vista, per statuto, all’ingresso di tutte le sedi del Partito Democratico, con targhe simili a quelle che nelle aule di giustizia recitano la solenne formula “la legge è uguale per tutti”. Nessuno protesterebbe: è una frase che dirigenti, iscritti e semplici elettori del partito del Nazareno e dei suoi antesignani avranno pronunciato, nell’arco della loro vita, centinaia se non migliaia di volte. Più delle prime strofe dell’atto di dolore nei giorni del catechismo, più del “posso andare al bagno” nelle ore di matematica al liceo. Una frase che dovrebbe essere inserita anche come slogan di fianco al simbolo, come si faceva una volta sui manifesti: “Per l’avvenire d’Italia, vota Partito Comunista Italiano” (PCI, 1946). “Continuiamo così, facciamoci del male” (PD, 2020).

Il Pd continua a farsi del male, ogni giorno, con gusto. Si potrebbe dire, usando una ricercata metafora, che il Pd è il BDSM applicato alla politica. In queste ultime ore, mentre ancora qualcuno si chiedeva chi avesse avuto la “brillante” idea di commissionare un sondaggio alla Ipsos in cui il ministro dell’Economia che dovrà gestire la crisi più nera dalla Seconda Guerra Mondiale era stato indicato tra i possibili candidati a sindaco di Roma contro destre e Virginia Raggi, il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, ha pensato bene di mettere in discussione la leadership del segretario Nicola Zingaretti a tre anni dalla scadenza naturale del mandato. Perché nel PD, da sempre, ogni segretario che viene eletto non riesce neanche a mettere sulle mensole della libreria le foto di famiglia che deve lasciare la stanza al successore.

E non c’è virus o crisi che tenga: il segretario va messo in discussione, sempre. “Perché mica c’è più il centralismo democratico, che ti credi… il partito deve essere aperto e scalabile… le file ai gazebo… il popolo delle primarie… libertà è partecipazione, ma non mercoledì che gioca la Champions”.

Il guaio è che di fronte a questa continua e inspiegabile autoflagellazione degna di quella dei vattienti di Nocera Terinese, puntualmente si scatenano giorni di dibattito con agenzie di stampa intasate da decine di dichiarazioni (perché a quel punto devono parlare tutti: dal ministro al responsabile dei cineforum del circolo di Scandicci, W la democrazia interna…) e scambi di battute al veleno sui social network.

Così, mentre il leader dell’opposizione si mostra sui social a torso nudo con dei limoni in mano nel vano tentativo di rimediare alla figuraccia e ai fastidi intestinali causati da un’abboffata di ciliegie consumata mentre si parlava di bambini morti in un reparto neonatologia, il partito che dovrebbe dargli il colpo di grazia, senza pietà, si perde in sterili litigi sui suoi assetti interni. Sullo sfondo, un Paese che dovrà recuperare circa 10 punti di Pil con un’economia messa in ginocchio da due mesi di lockdown e migliaia di persone che ancora aspettano la Cassa Integrazione: ma a loro cosa importa, c’è da fare il congresso, “libertà è partecipazione” (povero Gaber…).

Un partito che ad oggi – fatto altrettanto grave – non è ancora riuscito ad abolire le norme deliranti approvate dal signore dei limoni e delle ciliegie quando era ministro dell’Interno. Un partito che di una legge sulla cittadinanza che renderebbe più civile il Paese non parla più per paura delle reazioni degli elettori degli altri partiti, quelli che tanto non lo voterebbero mai a prescindere. E allora, caro PD, “Continuiamo così, facciamoci del male”.

Leggi anche: 1. Cuperlo a TPI: “Gori è più a destra di Confindustria, il Pd è ancora un partito di correnti” / 2.  La rivincita di Ma-Zinga (di Luca Telese) / 3. Gori affonda Zingaretti: “Non è lui l’uomo giusto”. Bettini risponde: “Ci ha tenuti uniti”

Ti potrebbe interessare
Opinioni / I ragazzi di Caivano: ecco perché noi abbiamo deciso di ascoltare (di G. Gambino)
Opinioni / L’Italia imbarbarita e l’opposizione che non capisce
Opinioni / Se anche Fratelli d’Italia si inchina a Zio Sam
Ti potrebbe interessare
Opinioni / I ragazzi di Caivano: ecco perché noi abbiamo deciso di ascoltare (di G. Gambino)
Opinioni / L’Italia imbarbarita e l’opposizione che non capisce
Opinioni / Se anche Fratelli d’Italia si inchina a Zio Sam
Opinioni / Vi spiego perché Salvini è un bluff sulla sicurezza stradale (di A. Casu)
Opinioni / La Costituzione? Non va solo celebrata, ma attuata (di Nicola Zingaretti)
Cultura / Altro che revenge songs: basta dare un’occhiata alla Divina Commedia
Opinioni / L’imbarazzante snobismo della stampa contro Elly Schlein (di Giulio Gambino)
Opinioni / Il sorriso di Mimmo De Masi ci ha insegnato che la serenità è la forza più grande
Opinioni / Da Cutro a Caivano: l’umanità perduta
in un’Italia
che sa solo odiare (di R. Bertoni)
Cronaca / TPI scritto per un giorno dai ragazzi di Caivano