Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

“C’aveva ragione Nicola”: nel Pd di Letta si fanno già i conti con le mosse delle correnti

Immagine di copertina

“Al segretario del partito Enrico Letta ho già comunicato questa nostra scelta. Nelle prossime ore raccoglieremo le firme. Sono felice, orgoglioso di quello che abbiamo fatto in questi tre anni”. Lo ha detto il presidente dei senatori del Pd, Andrea Marcucci, nel corso di una conferenza stampa, nel corso della quale ha candidato Simona Malpezzi come capogruppo.

Insomma il gruppo PD al Senato ha calato il due di picche in faccia a Enrico Letta che voleva Roberta Pinotti (e spedire Marcucci al posto della Rossomando al Senato; anche in questo caso c’è stato il “gran rifiuto”). Ma perché i gruppi hanno scelto la Malpezzi? Perché così “metteranno la Morani al governo proprio al posto della Malpezzi, così accontenteranno sia la sub corrente di Base Riformista di Guerini (Malpezzi) sia quella di Lotti (Morani).

Oramai siamo alle correnti delle correnti. “Alla fine questo Pd parla solo di poltrone. C’aveva ragione Nicola… ” dice a mezza bocca uno dei pochi parlamentari ancora vicini all’ex segretario.

Leggi anche: 1. Capigruppo Pd, manca ancora l’intesa. Marcucci: “Anche il segretario dovrebbe essere donna” / 2. L’uomo del giorno del Pd: Marcucci, l’inaffondabile capogruppo che non vuole mollare la poltrona (di Luca Telese)

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Noi giovani e la politica, tra apatia e grandi battaglie (di G. Brizio)
Esteri / Di chi è il Medio Oriente? I limiti di Washington e il campo minato delle grandi potenze mondiali (di G. Gambino)
Esteri / Erdogan non è imbattibile: ma il futuro del leader turco e dell’Akp è ancora tutto da scrivere
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Noi giovani e la politica, tra apatia e grandi battaglie (di G. Brizio)
Esteri / Di chi è il Medio Oriente? I limiti di Washington e il campo minato delle grandi potenze mondiali (di G. Gambino)
Esteri / Erdogan non è imbattibile: ma il futuro del leader turco e dell’Akp è ancora tutto da scrivere
Opinioni / L'Europa corre ciecamente verso la guerra (di R. Parodi)
Opinioni / La boutade di Macron sull’Ucraina e l’Ue che deve imparare a difendersi da sola (di S. Mentana)
Opinioni / Pd, 5S e Campo Largo: la strada non porta a casa se la tua casa non sai qual è (di G. Gambino)
Opinioni / Lettera di un segretario di circolo Pd: Elly Schlein ha la forza della credibilità
Opinioni / In Abruzzo non c’è nessun effetto Sardegna
Opinioni / La Leopolda di Luciano Nobili tra calcetto, stadio e quella cena con Pardo di Dazn
Opinioni / Tra armi e sanità: l’Europa smetta di investire sulla paura (di Ignazio Marino)