Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:49
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

L’ira del Pd. Malpezzi a TPI: “Campo largo? Le scelte di chi ha fatto cadere Draghi avranno conseguenze”

Pd, Malpezzi: “Campo largo? Le scelte di chi ha fatto cadere il governo avranno conseguenze”

“Chi ieri non ha votato la fiducia al governo Draghi ha messo il Paese in una situazione che non meritava”, lo dice a TPI la capogruppo del Pd al Senato Simona Malpezzi nel giorno nero di fine legislatura. All’indomani del mancato voto di fiducia al governo Draghi i dem raccolgono i cocci di un epilogo amaro: il partito su cui puntavano per la costruzione del campo largo, il M5S, ha contribuito alla sepoltura dell’esecutivo di cui erano stati i principali e convinti sostenitori. Fino all’ultimo i dem hanno cercato di salvare le larghe intese, tanto che prima del discorso di Draghi a Palazzo Madama il segretario Enrico Letta si era detto “sereno”: un auspicio di renziana memoria che, anche in questo caso, non ha portato bene.

Persino Forza Italia, che professava fedeltà a Draghi, ha voltato le spalle al governo sposando in extremis la versione della Lega: andiamo con il premier solo senza i grillini. Ma il premier aveva chiesto la fiducia anche ai grillini. E alla fine a votare Draghi sono rimasti in pochi. Alla luce delle dimissioni definitive dell’ex Bce le mosse dei pentastellati, che hanno appiccato l’incendio su cui il centrodestra ha versato benzina, non potranno essere perdonate serenamente: una frattura “difficilmente ricomponibile”, nelle parole del segretario Letta, che avrà per i super responsabili conseguenze serie. Lo confermano nel day after anche gli altri vertici dem. “Ci sono delle responsabilità chiare” dice Malpezzi fuori dal Nazareno dopo la direzione nazionale del Pd.

“Con molta forza abbiamo detto che chi ieri non ha votato la fiducia al governo Draghi ha messo gli italiani in questa situazione, e per noi ha un peso non indifferente”. Se Salvini dunque “ha compiuto il suo gioco, perché non ha mai amato questo governo”, i grillini hanno giocato col fuoco. Tanto che secondo i diversi retroscena Conte alla fine sarebbe stato disponibile ad offrire un appoggio esterno. Ma non è bastato. “Quella di ieri in Parlamento è stata un’azione pericolosa, contro gli italiani, e non perché si va a votare, ma per quello che le elezioni comportano: l’interruzione di un’attività di governo che era fondamentale per posizionare la nostra Italia dal punto di vista economico. Solo il Pd ha mantenuto coerenza per dare risposte forti al Paese”, conclude la capogruppo mentre la sua parabola parlamentare volge temporaneamente al termine, chiarendo che per ora i dem non stanno valutando di salvare il campo facendo largo a Luigi Di Maio, che pure con il Pd condivide l’ira contro i cosiddetti “irresponsabili” e la preoccupazione per il destino del Pnrr. In serata il quasi ex Ministro dice al Corriere della Sera: “All’Italia Draghi serve ancora”. E intanto i principali leader di partito fanno già a gara per apparire in tv: Mattarella ha convocato le elezioni per il 25 settembre inaugurando una inedita campagna elettorale agostana.

A fare eco a Malpezzi anche la sua omologa alla Camera prima che la Camera si sciolga per decreto del Capo dello Stato, Debora Serracchiani, che sul campo largo – diventato, secondo alcuni, già “campo santo” – afferma: “Ci sono delle responsabilità e sono stati fatti errori molto gravi”. Ma alcune ore dopo Giuseppe Conte rivendica il progressismo del suo partito, uscito dalla legislatura decimato, e invita il Pd a riflettere. “Al di là delle formule costruite a tavolino sui giornali, c’è sempre stato un dialogo con il Pd non per operazioni di vertice, ma per convergenza sui programmi, almeno per quanto ci riguarda. Chi vuole lavorare su queste misure non può che ritrovarsi a condividere con noi queste scelte. Spetterà al Pd fare le sue”.

Ti potrebbe interessare
Politica / M5S, pubblicata la rosa dei candidati alle parlamentarie: Conte corre nel Lazio. Appendino e Patuanelli tra i possibili “blindati”
Politica / Il sondaggio che fa tremare il Pd: centrodestra avanti di 15 punti
Politica / Si chiude il deposito dei simboli al Viminale. Ecco perché non finiranno tutti sulla scheda
Ti potrebbe interessare
Politica / M5S, pubblicata la rosa dei candidati alle parlamentarie: Conte corre nel Lazio. Appendino e Patuanelli tra i possibili “blindati”
Politica / Il sondaggio che fa tremare il Pd: centrodestra avanti di 15 punti
Politica / Si chiude il deposito dei simboli al Viminale. Ecco perché non finiranno tutti sulla scheda
Economia / Salario minimo, RdC, cashback, stop definitivo all’Irap: cosa prevede il programma del M5S
Politica / Marco Cappato annuncia: “Raccoglieremo le firme per la nostra lista solo in forma digitale”
Politica / Elezioni, la lista Italia Sovrana e Popolare a TPI: “Il nostro nemico è Draghi. Non ci sentiamo nani vicino a Biancaneve”
Politica / Giorgia Meloni non rinuncia alla fiamma tricolore: “Ne andiamo fieri, non ha a che fare con il fascismo”
Politica / Gina Lollobrigida candidata al Senato a 95 anni per la lista Italia Sovrana e Popolare
Politica / Matrimonio egualitario, ius scholae, fine vita: cosa prevede il programma del Pd
Opinioni / Letta ha chiuso ai 5S perché temeva la figura di Conte (di M. Tarantino)