Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Rai, il centrodestra diviso ha consegnato Viale Mazzini al Pd: ora Draghi è costretto a mediare

Immagine di copertina

Fa male il centrodestra a lamentarsi con Mario Draghi per aver spostato l’asse della Rai sul Partito democratico e la sinistra. Perché più passa il tempo e più vengono fuori gli “altarini” delle trattative delle scorse settimane sul fronte Viale Mazzini: ed è stato proprio il centrodestra, diviso, a regalare la Rai al Pd.

Eh sì perché se avesse giocato unito avrebbe avuto la possibilità di ottenere, oltre a due consiglieri di nomina parlamentare, anche il Presidente. A quanto risulta a TPI consultando fonti di primo piano della trattativa, Mario Draghi ha chiesto più volte a Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi di indicare un nome condiviso ma questi non sono stati in grado di proporne uno, perdendo così l’occasione di puntare alla Presidenza. Soltanto dopo, il premier ha forzato la mano.

Ora però è lo stesso Draghi ad aver interesse a tentare di riequilibrare una situazione che sta creando molte più tensioni del previsto, anche perché Giorgia Meloni (con cui l’ex presidente della Bce ha peraltro rapporti di grande cordialità) non ha alcuna intenzione di rallentare la polemica, anzi la vuole fomentare visto che le porta consensi e questo dà moltissimo fastidio sia al Cavaliere che a Salvini.

A quanto si apprende, proprio su input di Palazzo Chigi, il neo amministratore delegato della Rai, Carlo Fuortes, avrebbe già incontrato Marcello Ciannamea e Paolo Del Brocco. Il primo potrebbe presto diventare direttore di Rai 1 mentre l’altro potrebbe essere nominato Direttore Generale, ruolo che peraltro potrebbe essere sdoppiato e offerto all’uomo di Meloni escluso dal Consiglio d’amministrazione di Viale Mazzini, cioè Giampaolo Rossi (anche se la stessa Meloni preferirebbe ottenere la Presidenza della commissione parlamentare di Vigilanza).

Per le altre nomine invece, a cominciare da quelle dei Tg, se ne parlerà dal prossimo mese di ottobre.

Ti potrebbe interessare
Politica / Il messaggio in codice di Prodi a Mattarella: “Un incarico settennale a 82 anni è un’incoscienza”
Politica / Lega, la crisi interna arriva su Whatsapp: “Decide tutto Draghi, meglio la scissione”
Politica / Draghi: “Emergenza climatica come la pandemia, agire subito o sarà troppo tardi”
Ti potrebbe interessare
Politica / Il messaggio in codice di Prodi a Mattarella: “Un incarico settennale a 82 anni è un’incoscienza”
Politica / Lega, la crisi interna arriva su Whatsapp: “Decide tutto Draghi, meglio la scissione”
Politica / Draghi: “Emergenza climatica come la pandemia, agire subito o sarà troppo tardi”
Politica / Perché la Cultura sarà importante per il prossimo sindaco di Roma
Politica / Prodi a Letta: “I diritti non bastano, il Pd faccia più proposte forti”
Politica / Green Pass, Letta: “Salvini su questi temi è irrilevante nel Governo, nemmeno la Lega lo segue”
Politica / Don Matteo della Mancia: Salvini ha scambiato i social per la realtà e si è perso per strada la Lega
Politica / Il candidato di centrodestra Bernardo agli alleati: "Datemi i soldi della campagna elettorale o mi ritiro"
Politica / Vittorio Feltri: “Il centrodestra è una coalizione del ca**o. A Milano vincerà Sala”
Politica / Caos Lega: ora Salvini sta scontentando tutti. L’ala “no green pass” è sul piede di guerra