Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:02
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Rai, il centrodestra diviso ha consegnato Viale Mazzini al Pd: ora Draghi è costretto a mediare

Immagine di copertina

Fa male il centrodestra a lamentarsi con Mario Draghi per aver spostato l’asse della Rai sul Partito democratico e la sinistra. Perché più passa il tempo e più vengono fuori gli “altarini” delle trattative delle scorse settimane sul fronte Viale Mazzini: ed è stato proprio il centrodestra, diviso, a regalare la Rai al Pd.

Eh sì perché se avesse giocato unito avrebbe avuto la possibilità di ottenere, oltre a due consiglieri di nomina parlamentare, anche il Presidente. A quanto risulta a TPI consultando fonti di primo piano della trattativa, Mario Draghi ha chiesto più volte a Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi di indicare un nome condiviso ma questi non sono stati in grado di proporne uno, perdendo così l’occasione di puntare alla Presidenza. Soltanto dopo, il premier ha forzato la mano.

Ora però è lo stesso Draghi ad aver interesse a tentare di riequilibrare una situazione che sta creando molte più tensioni del previsto, anche perché Giorgia Meloni (con cui l’ex presidente della Bce ha peraltro rapporti di grande cordialità) non ha alcuna intenzione di rallentare la polemica, anzi la vuole fomentare visto che le porta consensi e questo dà moltissimo fastidio sia al Cavaliere che a Salvini.

A quanto si apprende, proprio su input di Palazzo Chigi, il neo amministratore delegato della Rai, Carlo Fuortes, avrebbe già incontrato Marcello Ciannamea e Paolo Del Brocco. Il primo potrebbe presto diventare direttore di Rai 1 mentre l’altro potrebbe essere nominato Direttore Generale, ruolo che peraltro potrebbe essere sdoppiato e offerto all’uomo di Meloni escluso dal Consiglio d’amministrazione di Viale Mazzini, cioè Giampaolo Rossi (anche se la stessa Meloni preferirebbe ottenere la Presidenza della commissione parlamentare di Vigilanza).

Per le altre nomine invece, a cominciare da quelle dei Tg, se ne parlerà dal prossimo mese di ottobre.

Ti potrebbe interessare
Economia / Legge di bilancio: Banca d’Italia boccia proposte su contante, tregua fiscale e flat tax
Politica / Elly Schlein scioglie la riserva e si candida alla segreteria del Pd: “Diseguaglianze, clima e precarietà siano le priorità”
Politica / Obbligo di Pos sopra i 60 euro, Meloni: “Per i piccoli importi incide tantissimo sui commercianti”
Ti potrebbe interessare
Economia / Legge di bilancio: Banca d’Italia boccia proposte su contante, tregua fiscale e flat tax
Politica / Elly Schlein scioglie la riserva e si candida alla segreteria del Pd: “Diseguaglianze, clima e precarietà siano le priorità”
Politica / Obbligo di Pos sopra i 60 euro, Meloni: “Per i piccoli importi incide tantissimo sui commercianti”
Politica / Meloni all’Ue sui migranti: “L’Italia da sola non può gestire il flusso. Si devono ‘europeizzare’ i rimpatri”
Politica / Bossi al primo raduno di Comitato Nord: “La Lega non può esistere senza identità forte, vogliamo rinnovarla”
Politica / Meloni: “Meraki è la nostra parola d’ordine”. Ecco cosa significa | VIDEO
Politica / Salvini: "Chi paga il caffè con la carta è solo un rompipalle"
Politica / Inchiesta Open, Renzi chiede a Nordio un’indagine sui pm di Firenze. Il ministro: “Rigoroso accertamento”
Politica / Armi all’Ucraina, il governo si prepara a prorogare le forniture fino a fine 2023: confermata la linea Draghi
Cronaca / Caso Soumahoro, finita l’ispezione alla cooperativa Karibu. Il ministro Urso: ”Sarà messa in liquidazione”