Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 07:03
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Quando la neoministra della Famiglia diceva: “Togliamo la foto di Mattarella, non è più un garante dei cittadini”

Immagine di copertina
Credit: Gianluca Costantini

Ministra Locatelli Mattarella | Alessandra Locatelli è la nuova ministra della Famiglia del governo Conte. Il 10 luglio 2019 ha preso il posto di Lorenzo Fontana, che è andato al ministero degli Affari europei.

La deputata della Lega, e vicesindaca di Como, ha un attivo profilo Facebook dove raccoglie tanti repost del Capitano, Matteo Salvini, insieme a notizie contro immigrati, clochard e chi più ne ha più ne metta.

Chi è Alessandra Locatelli, la nuova ministra per la Famiglia e la Disabilità

Ma tra le tante esternazioni controverse, una tra tutte fece scalpore.

Nel 2018 il deputato e segretario lombardo del partito Paolo Grimoldi, attaccò pubblicamente il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. “Chiederemo a tutti gli amministratori della Lega in Lombardia di rimuovere immediatamente dai loro uffici pubblici la foto di Mattarella, che non rappresenta più un garante imparziale dei cittadini”. Alessandra Locatelli condivise, facendola sua, quella frse.

Lo scontro risale ai giorni caldissimi in cui Mattarella si oppose al nome di Paolo Savona come ministro dell’Economia, scatenando reazioni estreme da parte di Lega e M5s, che arrivò addirittura a chiederne l’impeachment.

“Bocciando Savona come ministro dell’Economia proposto dal presidente del Consiglio incaricato, oggi la democrazia italiana è stata ferita a morte”, scrisse Grimoldi su Facebook.

Alessandra Locatelli sposò quella causa:

Dalle minacce ai fatti: a procedere con la rimozione della foto del Presidente della Repubblica negli uffici istituzionali furono i sindaci di Lazzate, Ceriano Laghetto, Biassono, Varedo, Renate e Albiate (Monza), Senago.

Oggi pomeriggio alle ore 18 la neoministra giurerà proprio nelle mani di Sergio Mattarella.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / L’irritazione di Palazzo Chigi per la visita di Grillo all’ambasciatore cinese: ecco perché Conte ha dato forfait
Opinioni / Perdere a Roma per scaricare la sconfitta sulla Meloni: il piano di Salvini per riprendersi il centrodestra
Politica / Grillo incontra l'ambasciatore cinese in Italia. Atteso anche Conte, l'ex premier dà forfait
Ti potrebbe interessare
Opinioni / L’irritazione di Palazzo Chigi per la visita di Grillo all’ambasciatore cinese: ecco perché Conte ha dato forfait
Opinioni / Perdere a Roma per scaricare la sconfitta sulla Meloni: il piano di Salvini per riprendersi il centrodestra
Politica / Grillo incontra l'ambasciatore cinese in Italia. Atteso anche Conte, l'ex premier dà forfait
Opinioni / Benvenuti nell’era del populismo vaccinale: il Governo blocca (di nuovo) AstraZeneca ma non spiega perché
Opinioni / Se Poste Italiane si impossessa del titolo di prima del più importante quotidiano finanziario italiano
Politica / Nichi Vendola: “Torno in politica, l’esilio è finito”
Politica / Salvare le aziende di Berlusconi: ecco cosa c’è dietro la federazione tra Forza Italia e Salvini
Politica / Cristallo a TPI: "Ci chiamano tossici perché vogliamo la Cannabis legale. Salvini sbandierava i Mojito al mare"
Opinioni / Il paradosso di Confindustria (e di parte del governo): “C’è la ripresa quindi si può licenziare”
Politica / “Troppi gay nella giuria di Ballando con le Stelle”: l’intervento al Senato sul Ddl Zan