Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Mario Draghi non percepisce compensi come premier

Immagine di copertina
Credit: EPA/ARNE DEDERT

Mario Draghi fa il premier gratis

Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, non percepisce compensi come premier. Lo si apprende dai dati sull’Amministrazione trasparente, pubblicati sul sito del Governo. Il 5 maggio scorso Draghi ha firmato la sua dichiarazione pubblica con cui spiega di “non percepire alcun compenso di qualsiasi natura connesso alla assunzione della carica”. Per lo stesso incarico, Giuseppe Conte percepiva 80mila euro netti per uno stipendio mensile di 6.700 euro.

draghi stipendio quanto guadagna

La dichiarazione dei redditi di Mario Draghi per il 2019 registra un reddito lordo annuo di 583.470 euro. L’ex governatore della Banca d’Italia ed ex numero uno della Bce è proprietario e comproprietario di vari fabbricati e terreni in Italia e di un fabbricato a Londra.

Il premier detiene una quota da 10mila euro nella società semplice ‘Serena’. I parenti non hanno dato il loro consenso alla pubblicazione dei loro dati reddituali e patrimoniali. Il sito pubblica anche i costi delle trasferte del premier. Per l’unica trasferta di marzo 2021 (presumibilmente quella di Bergamo) i costi di trasferimento sono ammontati a 330 euro, i pasti e pernottamenti a 549 euro.

Il sito del Governo pubblica anche il seguente curriculum di Mario Draghi: “MARIO DRAGHI è Presidente della Banca Centrale Europea da novembre 2011 a novembre 2019. In qualità di Presidente è a capo del Consiglio direttivo e del Comitato esecutivo della Banca Centrale Europea e presiede il Comitato Europeo per il Rischio Sistemico. È anche membro del Consiglio di Amministrazione della Banca dei Regolamenti Internazionali. Dal 2006 a ottobre 2011 ricopre la carica di Governatore della Banca d’Italia. Nell’aprile del 2006 viene eletto Presidente del Financial Stability Forum, poi divenuto Financial Stability Board, carica che ricopre fino a novembre 2011. Prima di essere nominato Governatore della Banca d’Italia, dal 2002 al 2005 Mario Draghi è Vice Chairman e Managing Director di Goldman Sachs International. E’ Direttore Generale del Tesoro (1991-2001), Presidente del Comitato Economico e Finanziario della Comunità Europea (2000-2001) e Presidente del Working Party 3 dell’OCSE (1999-2001). Dal 1984 al 1990 è Direttore Esecutivo della Banca Mondiale. Fino al 1990 è Professore Ordinario di Economia presso l’Università di Firenze. Si laurea presso l’Università di Roma nel 1970 e nel 1977 consegue il dottorato di Ricerca in Economia presso il Massachusetts Institute of Technology”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Quirinale, Letta: “Martedì o mercoledì si arriverà a un nome condiviso da tutti”
Cronaca / Quirinale, Salvini: “Pericoloso togliere Draghi da Palazzo Chigi”
Cronaca / Quirinale, nel centrosinistra si fa largo il nome di Riccardi. Ipotesi scheda bianca al primo voto
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Quirinale, Letta: “Martedì o mercoledì si arriverà a un nome condiviso da tutti”
Cronaca / Quirinale, Salvini: “Pericoloso togliere Draghi da Palazzo Chigi”
Cronaca / Quirinale, nel centrosinistra si fa largo il nome di Riccardi. Ipotesi scheda bianca al primo voto
Politica / Di Maio assume alla Farnesina gli esodati dello staff Raggi
Politica / Quirinale: perché si chiama così e cosa significa
Politica / Berlusconi si ritira dalla corsa per il Quirinale, decisivo il parere della famiglia
Cronaca / Quirinale, il passo indietro di Berlusconi: “Draghi resti al governo fino a fine legislatura”
Politica / Quanto guadagna il presidente della Repubblica italiana? Lo stipendio
Politica / La corsa al riarmo dell’Italia: col ministro Guerini boom di spese militari
Politica / Al Csm non badano a spese: i costi crescono malgrado la crisi