Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:55
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Travaglio contro l’Espresso per la copertina sulla Raggi: “Peggio di Libero”

Immagine di copertina
L'editoriale Marco Travaglio contro L'Espresso per la copertina sulla Raggi

In uno dei suoi editoriali di fuoco su Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio si è infuriato (ma non è il solo) per l’ultima copertina di L’Espresso in cui troneggia un primo piano poco lusinghiero del sindaco di Roma,Virginia Raggi.

Il caso Siri puzza di mafia, molto più di quello che la Lega vorrebbe far credere (di G. Cavalli)

Nel numero di L’Espresso uscito domenica 21 aprile, l’esponente M5s appare visibilmente imbruttita: accanto al suo volto invecchiato, la citazione della Raggi stessa: “Roma è fuori controllo”.

Salva Roma, cosa prevede la norma che rischia di far cadere il governo

“L’ Espresso è appena uscito con una copertina al cui confronto la famigerata ‘Patata bollente’ di Vittorio Feltri su Libero diventa un’ innocua goliardata”, scrive il direttore de Il Fatto Quotidiano, secondo il quale questa scelta editoriale mortifica più i giornalisti che l’hanno fatta che il sindaco di Roma.

“Da quando, quasi tre anni fa, la Raggi fu eletta col 67% dei voti, non passa giorno senza che l'”informazione” la mostrifichi con ogni mezzo, come mai era accaduto a un politico incensurato e onesto”, scrive Travaglio.

“Ripetono che va giudicata sugli scarsi risultati della sua giunta (fra errori, ritardi, inefficienze e gaffe, si potrebbe riempire una Treccani). Ma poi mirano a ben altro: dipingerla come una delinquente, una corrotta, una fascista mascherata, una sgualdrina”, rincara il giornalista.

DiMartedì: tutto quello che c’è da sapere sul programma di Giovanni Floris in onda stasera | 23 aprile 2019

Perché, secondo il direttore de Il Fatto Quotidiano, dare dell’incapace a Virginia Raggi ormai non basta più: “In una città sgovernata per decenni da incapaci e ladri o complici di ladri che l’ hanno grassata e spolpata fino al midollo, se non si dimostra che ruba anche lei l’ accusa di inefficienza non basta. Pazienza se mai è stata sospettata di corruzione e dall’ unico processo, per falso, l’ hanno assolta”.

Marco Travaglio, le cui simpatie per il Movimento Cinque Stelle non sono mai state un mistero, si erge così a difensore di uno dei sindaci più impopolari della storia della capitale. E rincara, alludendo all’ipocrisia di chi inneggia al movimento femminista #MeToo, e poi non dice nulla quando ad essere umiliata pubblicamente è Virginia Raggi.

“Se qualcuno avesse azzardato qualcosa di simile per una Boldrini, una Boschi, anche una Carfagna, avremmo le piazze invase di femministe, appelli del MeToo, raffiche di denunce per sessismo, mobilitazioni della Federazione e dell’ Ordine, diktat del Garante”, scrive ancora il giornalista.

Caso Siri, il Pd presenta una mozione di sfiducia a Conte

“Il mostro in copertina serve a riempire il vuoto pneumatico di contenuti”: contenuti inesistenti, secondo Travaglio, perché le “affermazioni choc” a cui allude il settimanale, (quelle registrate di nascosto dal presidente Ama Lorenzo Bagnacani), non differiscono in realtà in nulla da quanto detto dalla Raggi pubblicamente e in diverse occasioni.

Inarrestabile, Marco Travaglio continua nella sua difesa a spada tratta dell’ “indifesa” sindaca: “Proviamo a immaginare se un qualunque sindaco o politico venisse intercettato da un manager pubblico: quanti sarebbero quelli che si preoccupano dei problemi dei cittadini e chiedono a di risolverli, stilare bilanci veritieri, non premiare amministratori inefficienti, e quelli che invece chiedono favori per sé, posti per parenti e amici, mazzette o finanziamenti elettorali?”

Per il direttore, il “non-scandalo” Raggi “viene usato dalla stampa” per oscurare l’indagine per corruzione del sottosegretario della Lega Armando Siri e di Federico Arata il figlio dell’imprenditore Paolo Arata che oggi ha un contratto di consulenza con Palazzo Chigi firmato dal braccio destro di Matteo Salvini, Giancarlo Giorgetti.

Cara Raggi, è Roma a essere piatta. Mica la luna

Ti potrebbe interessare
Politica / Ddl Zan: è il giorno della verità. Al Senato si va alla conta con il rischio “tagliola”
Politica / Matteo Renzi torna da bin Salman in Arabia Saudita nel giorno del voto sul Ddl Zan al Senato
Politica / La parità salariale è legge: il Senato approva all’unanimità
Ti potrebbe interessare
Politica / Ddl Zan: è il giorno della verità. Al Senato si va alla conta con il rischio “tagliola”
Politica / Matteo Renzi torna da bin Salman in Arabia Saudita nel giorno del voto sul Ddl Zan al Senato
Politica / La parità salariale è legge: il Senato approva all’unanimità
Politica / Giorgetti punta a fare il premier dopo Draghi: il viaggio negli Usa è stato il suo primo esame da leader
Politica / Ddl Zan: “Superare il voto di domani, altrimenti la legge è morta”
Politica / Ciaccheri: il Municipio VIII incontra delegazione Zapatista
Politica / I sospetti di Palazzo Chigi su Letta: “Vuole logorare Draghi per impedirgli di andare al Quirinale”
Politica / Deputato M5S chiede a Draghi di salvare l’orario di “Un posto al sole”
Politica / Paghi uno e prendi tre? Il governo compra tre elicotteri, ma sbaglia i conti
Politica / Il corvo Italia Viva sta già mangiando sul cadavere del Ddl Zan