Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

M5s in rosso, i parlamentari non restituiscono i soldi e Di Maio si affida al recupero crediti

Immagine di copertina

Il capo politico ha fatto sapere che è disposto ad arrivare fino al tribunale se sarà necessario

M5s, restituzioni al palo: Di Maio si affida al recupero crediti per i morosi

Un parlamentare su quattro del Movimento 5 stelle non restituisce parte del proprio stipendio dalla primavera del 2019. Nelle casse del M5s ormai manca quasi un milione di euro di restituzioni. E il capo politico Luigi Di Maio ha deciso quindi di passare alle maniere forti. Così, come rivela il quotidiano La Stampa, sarà uno studio legale di Roma a occuparsi di esigere quanto dovuto dai parlamentari morosi. Insomma, è tempo di recupero crediti.

Uomo avvisato, mezzo salvato. Che vale anche per grillino avvisato, mezzo salvato. C’è ancora tempo qualche settimana, poi a chi non restituirà la parte di stipendio dovuta al Movimento 5 stelle arriverà la lettera dello studio legale. E partirà tutta una trafila burocratica che potrebbe portare anche al pignoramento dello stipendio dei parlamentari che non vogliono cedere.

D’altronde, chi è causa del suo mal pianga se stesso: sono stati proprio i parlamentari pentastellati che non volevano pagare a mettere in dubbio il fatto che le restituzioni fossero dovute. Di Maio allora si è rivolto all’Agenzia delle Entrate ed è venuto fuori che la restituzione di parte dello stipendio non è una donazione ma un obbligo giuridico imposto dalle regole interne del M5s.

E così, anche se la festa per i 10 anni del Movimento che si svolgerà a Napoli questo fine settimana, è stata organizzata quasi senza restituzioni da parte dei parlamentari, non sono pochi gli eletti M5s che adesso, grazie all’intervento dello studio legale, dovranno affrettarsi a mettersi in regola.

C’è chi si è fermato ai primi mesi del 2019, chi addirittura è fermo al 2019. Il senatore Lello Ciampolillo è da record: non ha mai versato un euro.

Ma c’è chi teme che questa nuova battaglia del leader Di Maio, che già deve fronteggiare una pressante opposizione interna, potrà portare a nuove fuoriuscite. Magari proprio tra i morosi.

Ti potrebbe interessare
Politica / RETROSCENA TPI – Berlusconi sente Salvini e Casini: svolta sul Quirinale vicina
Politica / La telefonata tra Berlusconi e Boschi: “Vorrei essere più giovane per poterla corteggiare”
Politica / Quirinale, Letta avvisa: “Candidare la Casellati è il modo più diretto per far saltare tutto”
Ti potrebbe interessare
Politica / RETROSCENA TPI – Berlusconi sente Salvini e Casini: svolta sul Quirinale vicina
Politica / La telefonata tra Berlusconi e Boschi: “Vorrei essere più giovane per poterla corteggiare”
Politica / Quirinale, Letta avvisa: “Candidare la Casellati è il modo più diretto per far saltare tutto”
Politica / Di Maio: “Se il centrodestra propone un nome divisivo si spacca la maggioranza”
Politica / Chi è Guido Crosetto, il candidato votato da Fratelli d’Italia per il Quirinale
Politica / Renzi: “Il Senato in cambio dei voti alla Casellati? Non faccio scambi. Casini e Draghi restano le scelte migliori”
Politica / La deputata no vax Sara Cunial denuncia Roberto Fico: “Mi impediscono di votare per il Capo dello Stato”
Politica / Salvini spinge la candidatura di Casellati: “Se uno la chiama penso sia a disposizione”
Politica / Quirinale, Salvini: “Casellati non ha bisogno di essere candidata”
Politica / Quirinale, Letta al centrodestra: “Chiudiamoci in una stanza a pane e acqua per trovare una soluzione”