Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Leopolda 2019, Renzi si prepara al lancio del suo nuovo partito

Immagine di copertina

Leopolda 2019, Renzi si prepara al lancio del suo nuovo partito dopo la rottura col Pd

Matteo Renzi lascia il Pd e si prepara alla Leopolda 2019. Il nuovo partito di Renzi infatti vedrà la luce alla manifestazione che si terrà dal 18 al 20 ottobre 2019. Lo stesso ex premier, nell’intervista a Repubblica con cui ha annunciato la scissione dal Pd, ha fatto sapere che il nuovo simbolo del partito verrà presentato in quell’occasione.

La Leopolda è l’appuntamento renziano per eccellenza, e quest’anno gli occhi saranno tutti puntati sulla kermesse, per la particolare situazione di svolta in cui si trova la “corrente renziana”, ormai fuori da Pd, ma pronta a lanciarsi nel nuovo percorso politico. Percorso che sarà compiuto solo nel 2023, con le prossime elezioni politiche (se la legislatura non dovesse sciogliersi prima). Fino ad allora sarà il tempo per costruire. Un progetto politico che molti associano a En Marche di Emmanuel Macron.

Non è chiaro ancora quale sarà il nome del nuovo partito di Renzi, che sarà lanciato alla Leopolda 2019. “Il nome non glielo dico, ma non sarà un partito tradizionale, sarà una casa. E sarà femminista con molte donne di livello alla guida. Teresa Bellanova sarà la capo delegazione nel governo”, dice Renzi. Tra i nomi che circolano, al momento sono solo indiscrezioni, ci sono Movimento civile o Italia del Sì. Ma bisognerà aspettare la Leopolda 2019 per conoscere nome e simbolo.

Che cos’è la Leopolda

La Leopolda, giunta alla sua decima edizione, è nata nel 2010, su iniziativa dell’allora sindaco di Firenze Matteo Renzi e Giuseppe Civati e prende il nome dall’ex stazione Leopolda di Firenze, dove si tiene il convegno. La Leopolda nasceva come primo tentativo di “rottamazione” interna alla sinistra, per scardinare la vecchia classe dirigente dem, da D’Alema a Bersani, e portare nuovi volti nel Pd. Dall’anno successivo, dopo la rottura con Civati, Renzi continuò la sua esperienza da solo, continuando a fare crescere l’importanza della kermesse.

Nell’ultima edizione, quella del 2018, intitolata Ritorno al Futuro, Matteo Renzi lancia i suoi comitati civici. Nell’ultimo anno l’esperienza ha portato a una moltiplicazione delle donazioni e al desiderio di trasformare i comitati in un vero e proprio nuovo partito, che vedrà la luce proprio alla Leopolda 2019.

Qui alcuni link utili sulla vicenda della scissione di Matteo Renzi dal Pd:

• Renzi lascia il Pd: “Uscire dal partito sarà un bene per tutti, anche per Conte”

• Ecco chi segue Renzi e chi invece resta con Zingaretti

• Matteo Renzi lascia il Pd: come si chiamerà il suo nuovo partito?

Ti potrebbe interessare
Politica / Bufera sul giornalista Rai: “Il nonno di Calenda fece Pinocchio, tutto torna”. E il leader di Azione risponde
Politica / Il leader dei Gilet Arancioni Pappalardo si candida: “Fuori dalla Nato e ritorno alla lira italica in 48 ore”
Politica / Accordo Calenda-Renzi, è quasi fatta: “Si pensa a liste e simboli”
Ti potrebbe interessare
Politica / Bufera sul giornalista Rai: “Il nonno di Calenda fece Pinocchio, tutto torna”. E il leader di Azione risponde
Politica / Il leader dei Gilet Arancioni Pappalardo si candida: “Fuori dalla Nato e ritorno alla lira italica in 48 ore”
Politica / Accordo Calenda-Renzi, è quasi fatta: “Si pensa a liste e simboli”
Politica / Casalino: “Non mi candido per proteggere Conte. Per la gente sono ancora l’ex Grande Fratello”
Politica / Tabacci: “Di Maio? È il mio figlio politico. Con il Pd siamo gli interpreti dell’agenda Draghi”
Politica / Di Battista spiega perché non si candida con il M5S: “Grillo padre padrone, sotto di lui non ci sto”
Politica / La strategia di Meloni: “È in vantaggio, ad agosto meglio stare in silenzio e non disturbare la gente”
Politica / Altro che agenda Draghi: il prossimo governo dovrà attuare 434 decreti lasciati in sospeso dai migliori
Politica / Elezioni 2022, De Masi smentisce le voci su una possibile candidatura: “Non correrò con M5S”
Politica / Calenda: “Accordo con Renzi non è scontato. Sottrarrò voti a Meloni”