Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:28
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Lega, il capo della “Bestia” Luca Morisi lascia la guida dei social

Immagine di copertina

È stato uno degli artefici della “bestia” salviniana e ha portato la pagina Facebook del leader del Carroccio dai 18mila follower del 2014 agli otre 4 milioni del 2021. A ottobre scorso ha fatto ingresso nella segretaria allargata del “Capitano”, oggi però Luca Morisi ha deciso di lasciare la gestione dei social della Lega. “Non c’è alcun problema politico, in questo periodo ho solo la necessità di staccare per un po’ di tempo per questioni famigliari”, ha comunicato ai parlamentari leghisti in una lettera di congedo.

Il suo addio segna la fine di un’era: fu lui a intuire il potenziale di espansione del segretario del partito a suon di post virali sui social, intercettando nei temi che più incendiavano i sostenitori leghisti – “l’invasione” dei migranti, l'”Europa” dei burocrati – la chiave per rendere la Lega un partito a vocazione nazionale e far arrivare il consenso di Salvini oltre Roma, conducendolo sulla strada del 34,3 per cento di preferenze alle ultime elezioni europee.

Da allora il volto del governo, e del partito, è stato stravolto dalla pandemia e dagli avvicendamenti a Palazzo Chigi, la “Bestia” non conta più le risorse di cui godeva nell’estate del Papeete, e l’ingresso nell’esecutivo guidato dal banchiere europeo ha forse fatto venire il mal di pancia anche a Morisi – iscritto al partito di Via Bellerio dal 1993, esperto di comunicazione e marketing e docente di informatica filosofica all’Università di Verona – che da sempre promuoveva l’identità salviniana come un “mix tra dimensione privata e ludica con quella politica”, che non aderiva “alla ritualità del palazzo”.

Una ritualità con cui ora, suo malgrado, Salvini deve fare i conti; un palazzo in cui la Lega è ormai costretta a esserci, adeguando così anche la sua comunicazione, con toni più pacati e istituzionali. E il terremoto suscitato dall’identità bipolare del Carroccio, che osteggia i decreti fuori da Palazzo Chigi ma li vota in consiglio dei Ministri, ha travolto anche l’artefice della bestia.

Ti potrebbe interessare
Politica / Mario Draghi? In pensione a 59 anni con 14mila euro lordi al mese
Cronaca / Ddl Zan, Letta: “Prove generali per il Quirinale, Italia allineata a Polonia e Ungheria”
Politica / “Cari parlamentari, perché non avete avuto il coraggio di votare apertamente una legge contro i crimini d’odio?”. Parla Monica Cirinnà
Ti potrebbe interessare
Politica / Mario Draghi? In pensione a 59 anni con 14mila euro lordi al mese
Cronaca / Ddl Zan, Letta: “Prove generali per il Quirinale, Italia allineata a Polonia e Ungheria”
Politica / “Cari parlamentari, perché non avete avuto il coraggio di votare apertamente una legge contro i crimini d’odio?”. Parla Monica Cirinnà
Politica / Roberto Calderoli, artefice della strategia che ha affossato il Ddl Zan: “Ho proprio goduto”
Politica / La gaffe di Giarrusso al Parlamento Europeo: non riesce a parlare in inglese e rinuncia al suo intervento | VIDEO
Politica / Pensioni, Draghi tende la mano ai sindacati: per un anno Quota 102 poi riforma. Stretta al Reddito di cittadinanza
Politica / L'affossamento del Ddl Zan al Senato apre la corsa di Casini al Quirinale (di M. Antonellis)
Politica / Ddl Zan, Bonetti (Italia Viva): “Noi trasparenti. Irresponsabile insistere, serviva dialogo”
Politica / Ddl Zan, Renzi in Arabia Saudita nel giorno del voto. Il leader di Italia viva: “Colpa di Pd e M5s”
Politica / Orban elogia Salvini: “È un eroe che è riuscito a fermare i migranti anche in mare”