Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Lega, il capo della “Bestia” Luca Morisi lascia la guida dei social

Immagine di copertina

È stato uno degli artefici della “bestia” salviniana e ha portato la pagina Facebook del leader del Carroccio dai 18mila follower del 2014 agli otre 4 milioni del 2021. A ottobre scorso ha fatto ingresso nella segretaria allargata del “Capitano”, oggi però Luca Morisi ha deciso di lasciare la gestione dei social della Lega. “Non c’è alcun problema politico, in questo periodo ho solo la necessità di staccare per un po’ di tempo per questioni famigliari”, ha comunicato ai parlamentari leghisti in una lettera di congedo.

Il suo addio segna la fine di un’era: fu lui a intuire il potenziale di espansione del segretario del partito a suon di post virali sui social, intercettando nei temi che più incendiavano i sostenitori leghisti – “l’invasione” dei migranti, l'”Europa” dei burocrati – la chiave per rendere la Lega un partito a vocazione nazionale e far arrivare il consenso di Salvini oltre Roma, conducendolo sulla strada del 34,3 per cento di preferenze alle ultime elezioni europee.

Da allora il volto del governo, e del partito, è stato stravolto dalla pandemia e dagli avvicendamenti a Palazzo Chigi, la “Bestia” non conta più le risorse di cui godeva nell’estate del Papeete, e l’ingresso nell’esecutivo guidato dal banchiere europeo ha forse fatto venire il mal di pancia anche a Morisi – iscritto al partito di Via Bellerio dal 1993, esperto di comunicazione e marketing e docente di informatica filosofica all’Università di Verona – che da sempre promuoveva l’identità salviniana come un “mix tra dimensione privata e ludica con quella politica”, che non aderiva “alla ritualità del palazzo”.

Una ritualità con cui ora, suo malgrado, Salvini deve fare i conti; un palazzo in cui la Lega è ormai costretta a esserci, adeguando così anche la sua comunicazione, con toni più pacati e istituzionali. E il terremoto suscitato dall’identità bipolare del Carroccio, che osteggia i decreti fuori da Palazzo Chigi ma li vota in consiglio dei Ministri, ha travolto anche l’artefice della bestia.

Ti potrebbe interessare
Politica / Schlein e Renzi abbracciati, Conte obbedisce al ct La Russa. E la Nazionale Politici batte i Cantanti
Politica / Pier Silvio Berlusconi: "L'aeroporto intitolato a mio padre? Non mi sono piaciute le modalità"
Politica / Roberta Metsola rieletta presidente del Parlamento europeo
Ti potrebbe interessare
Politica / Schlein e Renzi abbracciati, Conte obbedisce al ct La Russa. E la Nazionale Politici batte i Cantanti
Politica / Pier Silvio Berlusconi: "L'aeroporto intitolato a mio padre? Non mi sono piaciute le modalità"
Politica / Roberta Metsola rieletta presidente del Parlamento europeo
Politica / “Sono il civile De Luca”: la nuova gelida stretta di mano tra Meloni e il governatore
Politica / Luca Zaia: “Armi a Kiev? È giunto il tempo della diplomazia”
Politica / La stoccata di Geppi Cucciari al ministro Sangiuliano e a TeleMeloni: “Applaudite, qua non possiamo coprire i fischi”
Politica / Il ministro Sangiuliano contestato, ma su Rai 1 i fischi si trasformano in applausi: i video a confronto
Politica / Il monito di Mattarella contro la "democrazia della maggioranza”
Politica / Città contro campagna e il fattore banlieues: la mappa del voto in Francia
Politica / La lettera di Meloni a FdI: “Noi abbiamo fatto i conti con il fascismo, non c’è spazio per i nostalgici”