Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Italia viva perde pezzi: Isabella Conti lascia il partito di Renzi. “Sto con il centrosinistra”

Immagine di copertina

Italia viva perde pezzi: Isabella Conti lascia il partito di Renzi. “Sto con il centrosinistra”

Italia Viva perde pezzi. Isabella Conti, che l’anno scorso aveva sfidato alle primarie l’attuale sindaco di Bologna, ha annunciato l’addio al partito guidato da Matteo Renzi. Un dietrofront attribuito alla poca “chiarezza sui valori nei quali Italia Viva si incardina e si riconosce”.

“Io mi riconosco in quelli del centrosinistra”, ha affermato invece la sindaca di San Lazzaro, che per adesso non tornerà nel Partito democratico, lasciato meno di tre anni fa per approdare nel nuovo partito centrista. “Avere la tessera di un partito ha a che fare con la nostra identità, con i valori in cui ci riconosciamo”, ha detto oggi in un’intervista con La Repubblica, in cui ha spiegato la sua decisione. “Per questo non ho rinnovato la tessera di Italia Viva”.

A contribuire alla rottura, secondo Conti, sarebbe stato il sostegno di Iv al candidato del centrodestra Marco Bucci, alle elezioni a Genova. “Per me se si sta nel centrosinistra e si lavora per far crescere i riformisti nel centrosinistra, è un conto. Se invece si parla di un polo di centro che può intercettare un po’ di qua e un po’ di là, o addirittura di sostenere il centrodestra in alcuni contesti, allora vuol dire non avere una identità valoriale”, ha detto la sindaca, che solo un anno fa, era stata la principale avversaria dell’allora assessore alla Cultura Matteo Lepore nelle primarie di Bologna, in cui aveva raggiunto il 40 percento dei consensi. “Non si possono fare le alleanze sulla base di una convenienza di governo”, ha detto nell’intervista. “Quello sì è “governismo purchessia””.

Ti potrebbe interessare
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Ti potrebbe interessare
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Politica / “I partiti non fanno più politica”: la storica intervista di Berlinguer a Scalfari sulla Questione Morale
Politica / “Vestito inappropriato”: cronista allontanata da Montecitorio. Poi le scuse: “È stato un errore”
Politica / Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato
Politica / D’Alema a TPI: “Nel pensiero di Berlinguer la sinistra può trovare le risposte ai problemi di oggi”
Politica / Facciamo eleggere: la campagna per le amministrative del Forum Disuguaglianze e Diversità. “Sosteniamo chi si batte per giustizia sociale e ambientale”