Covid ultime 24h
casi +20.499
deceduti +253
tamponi +325.404
terapie intensive +26

“Stai a casa”: insulti social a Liliana Segre dopo l’annuncio del voto di fiducia al governo Conte

Di Marco Nepi
Pubblicato il 18 Gen. 2021 alle 13:00 Aggiornato il 18 Gen. 2021 alle 13:15
5.2k
Immagine di copertina

Insulti social a Liliana Segre dopo l’annuncio del voto in Senato

La senatrice a vita Liliana Segre ha annunciato che domani, martedì 19 gennaio, si recherà in Senato per votare la fiducia al governo Conte dopo il ritiro della delegazione di Italia Viva. “Contavo di riprendere le mie trasferte a Roma solo una volta vaccinata – ha dichiarato Segre in un’intervista al Fatto Quotidiano – ma di fronte a questa situazione ho sentito un richiamo fortissimo, un misto di senso del dovere e di indignazione civile”.

Eppure sui social è partita subito la raffica d’insulti: nei commenti agli articoli che hanno riportato la notizia, alcuni utenti hanno criticato la scelta della senatrice a vita. “Stai a casa e non fare cose contro gli italiani”, “Ma goditi la pensione è non rompere le baxxe alla gente che lavora e che sta morendo di fame”, “Si fa vedere in senato solo quando si vota per la fiducia , altri giorni non fa un c.axx.o”: sono solo alcuni degli insulti rivolti a Segre, a cui in passato è stata assegnata la scorta a causa della violenza subita sui social.

“Ho deciso di dare la mia fiducia al governo – ha affermato la senatrice a vita – Questa crisi politica improvvisa l’ho trovata del tutto incomprensibile. All’inizio pensavo di essere io che, con la mia profonda ingenuità di persona lontana dalle logiche partitiche, non riuscivo a penetrare il mistero. Poi però ho visto che quasi tutti, sia in Italia che all’estero, sono interdetti, increduli, spesso disgustati”.

Leggi anche: Liliana Segre: “Indignata per una crisi incomprensibile. Sarò al Senato per votare la fiducia al governo Conte” 2.  Appello ai “responsabili” e nessun processo a Renzi: cosa dirà Conte al Parlamento / 3. Governo, la sfida non è solo al Senato: timori di una maggioranza “risicata” anche alla Camera / 4. Di Battista a TPI: “De-Renzizzare il governo val bene una messa. Ora il M5S è coeso, ripartiamo con Conte”

5.2k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.