Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:34
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

L’Inps: “L’operatrice che ha insultato gli utenti sulla pagina Facebook in ospedale per lo stress”

Immagine di copertina
Uno dei commenti della pagina contro gli utenti

L’operatrice dell’Inps deputata a gestire la pagina Facebook Inps per la famiglia, letteralmente bombardata di commenti degli utenti delusi dal reddito di cittadinanza, “non ha retto alla pressione” degli ultimi giorni e “ha passato la giornata in ospedale per lo stress che ha subito dalla vicenda”.

A dichiararlo è il presidente dell’Istituto nazionale di previdenza sociale, Pasquale Tridico. Nella giornata di giovedì 18 aprile, infatti, si è scatenata un’aspra polemica contro l’Inps e i commenti poco corretti scritti nei confronti degli utenti da parte della pagina social Inps per la famiglia.

“Non è una stagista malpagata, come scriveva un quotidiano stamane – ha precisato Tridico – ma una nostra funzionaria che non ha retto alla pressione. Ieri sera l’ho chiamata, ha avuto tutta la mia comprensione e solidarietà”.

Gli insulti su Facebook all’Inps rivelano il problema numero 1 dell’Italia: l’ignoranza

Quello che è successo nelle ultime 72 ore non ha precedenti. Si è scatenata infatti una vera e propria bufera social contro l’Inps, incaricato dal governo di inviare gli sms e le mail per comunicare ai cittadini l’esito della domanda di reddito di cittadinanza.

Una volta ricevuti i messaggi e scoperti i reali importi del sussidio, gli utenti hanno preso di mira la pagina in questione. Tanti gli insulti arrivati, come confermato a TPI da un’operatrice del Contact Center dell’Inps.

L’account, creato per dare tutte le informazioni e guidare i cittadini nella pratica, ha risposto a migliaia di commenti in modo impeccabile. A un certo punto, però, il tenore delle risposte ha iniziato a cambiare. Sfociando in veri e propri insulti.

Il commento forse più offensivo è quello in cui l’operatrice, davanti all’insistenza di un utente, ha scritto: “Se usa Facebook e si fa i selfie con le orecchie da coniglio, allora sa anche richiedere un PIN”.

Selfie con le orecchie da coniglio in solidarietà all’utente insultata dall’Inps

Intorno all’Inps, dunque, si è sollevato un gran polverone. Anche perché, nel frattempo, una pagina fake ha continuato a seminare zizzania sul web.

Lo stesso Istituto, con una nota, ha preso posizione sull’argomento, scusandosi con gli utenti. Adesso, le parole di Tridico arrivano a chiudere la questione. E, soprattutto, a difendere la propria dipendente dalla gogna mediatica.

Ti potrebbe interessare
Politica / Dalla Maggioni alla von Furstenberg: la Roma che conta alla corte di Lady Di Maio
Politica / “Vogliono tappare la bocca a Report”: parla Sigfrido Ranucci
Politica / “Caro TPI, sì è vero, sono un metallaro in pa-Pillon”: parla il senatore leghista
Ti potrebbe interessare
Politica / Dalla Maggioni alla von Furstenberg: la Roma che conta alla corte di Lady Di Maio
Politica / “Vogliono tappare la bocca a Report”: parla Sigfrido Ranucci
Politica / “Caro TPI, sì è vero, sono un metallaro in pa-Pillon”: parla il senatore leghista
Politica / La politica è ormai latitante sulla mafia
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Politica / Firmato il Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, Draghi: “Patto storico”
Politica / L’Economist incorona Giorgia Meloni: “Può diventare la prima premier donna in Italia”
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”
Politica / La ministra Carfagna agli eventi di Forza Italia con gli aerei di Stato
Politica / Azzolina a TPI: “Una vita a combattere chi mi scredita, alla scuola devo tutto”