Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:28
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Governo, incontro tra Di Maio e Salvini. La priorità dell’esecutivo ora è il taglio delle tasse

Immagine di copertina

Incontro tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini | Governo news 

Governo incontro Di Maio Salvini – I vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini si sono incontrati nel pomeriggio di giovedì 6 giugno a Palazzo Chigi.

Il colloquio è durato circa un’ora ed è stato definito da fonti vicine al Movimento 5 Stelle “positivo e proficuo”.

I due hanno ribadito che il Governo va avanti e tracciato l’obiettivo da raggiungere nel prossimo futuro, ovvero il taglio delle tasse.

L’abbassamento delle tasse, infatti, è considerato dai due vicepremier “prioritario per il rilancio del Paese”.

“Servono misure straordinarie e nessun aumento delle tasse per lo sviluppo dell’economia –  si legge in una congiunta diffusa da Lega e Movimento 5 Stelle – I maggiori incassi dell’Irpef e dell’Iva quasi dell’8 per cento e la diminuzione della disoccupazione rispetto al 2018 nei primi quattro mesi di quest’anno ci dicono che siamo sulla buona strada”.

Salvini e Di Maio, poi, hanno dichiarato di voler “riavviare” un dialogo costruttivo con l’Europa, che però rimetta al centro l’Italia.

In serata anche Di Maio ha confermato che l’incontro con Salvini è stato “molto positivo” e che il Governo va avanti.

Il ministro dello Sviluppo economico, poi, è tornato sulla lettera dell’Unione Europea dichiarando: “La lettera dimostra che questa Europa non ha imparato nulla degli errori fatti in questi anni. Ancora si chiedono tagli, di togliere i soldi ai cittadini, ma noi non lo faremo”.

Un incontro tra i due era stato auspicato pochi giorni fa proprio dal capo politico del Movimento 5 Stelle che aveva invitato il suo alleato a confrontarsi sulle prossime misure da approvare.

Sul tavolo, però, potrebbe esserci anche l’ipotesi di un rimpasto di Governo, oltre che la strategia da adottare dopo la notizia della proposta della Commissione europea di aprire una procedura di infrazione nei confronti dell’Italia.

I due vicepremier non si vedevano da alcune settimane e questo è il primo faccia a faccia dopo le elezioni europee, che hanno visto la Lega trionfare e il Movimento 5 Stelle dimezzare i propri voti.

L’incontro arriva dopo il discorso del premier Giuseppe Conte, che ha “richiamato all’ordine” i due partiti di Governo, e il giorno seguente la ritrovata unità nell’esecutivo, che ha fatto fronte comune contro Bruxelles e l’ipotesi di apertura di procedura di infrazione.

Tutti i protagonisti, da Di Maio a Salvini, da Conte a Tria, infatti, hanno dichiarato che vi sarà un dialogo costruttivo con l’Europa, ma anche che alcune riforme come Quota 100 e Reddito di cittadinanza non si toccano.

Ti potrebbe interessare
Politica / Orban elogia Salvini: “È un eroe che è riuscito a fermare i migranti anche in mare”
Politica / L’assembramento dei migliori nel nome di Draghi non è quello che serve all’Italia
Politica / Scontro Di Maio-Gruber: "Per screditarmi mi hanno dato dell'omosessuale". Lei: “Nel 2021 è un discredito?"
Ti potrebbe interessare
Politica / Orban elogia Salvini: “È un eroe che è riuscito a fermare i migranti anche in mare”
Politica / L’assembramento dei migliori nel nome di Draghi non è quello che serve all’Italia
Politica / Scontro Di Maio-Gruber: "Per screditarmi mi hanno dato dell'omosessuale". Lei: “Nel 2021 è un discredito?"
Politica / Ddl Zan, che cos’è la “tagliola” e come funziona la procedura speciale
Politica / Draghi va allo scontro con i sindacati sulla legge di bilancio, possibile sciopero generale
Politica / Ddl Zan, il Senato vota Sì alla “tagliola”: stop alla legge con 154 voti favorevoli a scrutinio segreto
Politica / Matteo Renzi torna da bin Salman in Arabia Saudita nel giorno del voto sul Ddl Zan al Senato
Politica / La parità salariale è legge: il Senato approva all’unanimità
Politica / Giorgetti punta a fare il premier dopo Draghi: il viaggio negli Usa è stato il suo primo esame da leader
Politica / Ddl Zan: “Superare il voto di domani, altrimenti la legge è morta”