Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Governo, Draghi al Quirinale da Mattarella: colloquio di un’ora dopo l’astensione del M5S alla Camera

Immagine di copertina

Governo, il premier Draghi al Quirinale da Mattarella

Dopo il non voto del M5S sul dl Aiuti, il premier Mario Draghi è salito al Quirinale per un colloquio di circa un’ora con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella terminato poco prima delle 20 di lunedì 11 luglio.

Nessun commento su eventuali scenari: al centro del colloquio, secondo quanto riferiscono fonti di Palazzo Chigi, sono stati passati in rassegna i temi di politica internazionale e nazionale con il Capo dello Stato che ha raccontato della sua recente visita ufficiale in Africa.

Il presidente del Consiglio, a quanto si apprende, ha lasciato Palazzo Chigi intorno alle 18,30 di lunedì 11 luglio dopo una girandola di incontri con alcuni ministri.

Draghi ha incontrato in mattinata il ministro dell’Economia Daniele Franco e successivamente la Guardasigilli Marta Cartabia, il titolare del ministero della Salute Roberto Speranza e infine il ministro del Lavoro Andrea Orlando.

Nel primo pomeriggio, come detto, si è verificata l’astensione del Movimento 5 Stelle sul dl Aiuti alla Camera, che è stato approvato con 266 voti a favore e 47 contrari.

Una presa di posizione, quella dei 5 Stelle, che ha spinto il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, a chiedere una verifica di governo.

Secondo il Cavaliere è necessario “comprendere quali forze politiche intendano sostenere il governo, non a fasi alterne e per tornaconti elettorali, ma per fare le riforme e tutelare gli interessi degli italiani”.

Berlusconi, poi, ha accusato il M5S di aver commesso “un atto di schizofrenia politica e soprattutto di un vulnus grave che rende palese un deficit di responsabilità e serietà” dopo “un logorio politico prossimo all’accanimento” che ha portato il partito a “disconoscere un provvedimento fondamentale per il Paese”.

“Se vogliono far cadere il governo lo facciano cadere, se si vuole andare avanti con Draghi, che è la soluzione da noi auspicata, si vada avanti, ma bisogna prendere una decisione, i cittadini non possono aspettare” è stato invece il commento di Matteo Renzi, che ha aggiunto: “Se il Movimento 5 stelle se ne va, a maggior ragione è un tema da affrontare tutti insieme con il presidente del Consiglio”.

Notizia in aggiornamento

Ti potrebbe interessare
Politica / Mattarella sulla rissa in Parlamento: "Scena indecorosa"
Politica / Grillo su Conte: "Ha preso più voti Berlusconi da morto che lui da vivo"
Politica / Primo partito a Isernia, in calo in tutto il nord. Il ritratto di una Lega che ha cambiato volto
Ti potrebbe interessare
Politica / Mattarella sulla rissa in Parlamento: "Scena indecorosa"
Politica / Grillo su Conte: "Ha preso più voti Berlusconi da morto che lui da vivo"
Politica / Primo partito a Isernia, in calo in tutto il nord. Il ritratto di una Lega che ha cambiato volto
Politica / X Mas, motti fascisti, provocazioni: chi sono i deputati che hanno aggredito il 5S Donno
Politica / Gelo tra Meloni e Macron: baciamano e sorrisi forzati al G7
Politica / Rissa in diretta tv tra Donno e Iezzi: “Vergognati, fascista a squadrista!” | VIDEO
Politica / Al G7 si litiga sul diritto all’aborto: “L’Italia non lo vuole nel comunicato finale”
Opinioni / La lezione che possiamo trarre dal voto delle europee
Politica / Cosa sappiamo dell'aggressione alla Camera al deputato Donno (M5S)
Politica / Premierato, il Senato approva l’elezione diretta del presidente del Consiglio