Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Al Senato è pronto il gruppo dei responsabili: i nomi di chi vuole salvare il governo Conte e rendere inefficace l’attacco di Renzi alla maggioranza

Secondo un retroscena, l'esecutivo guidato da Giuseppe Conte potrebbe ricevere l'appoggio di almeno 10 senatori di Forza Italia

Pronto il gruppo dei responsabili al Senato per salvare il governo Conte

Al Senato sono iniziate le operazioni dei cosiddetti responsabili per la creazione di un gruppo autonomo che tenga in vita il governo Conte in caso di fuoriuscita di Italia Viva dalla maggioranza.

A darne notizia è La Repubblica in un retroscena firmato da Goffredo De Marchis.

Secondo quanto riferito dal quotidiano, i colloqui con la presidente Casellati per formare un nuovo gruppo parlamentare sono già avviati. Per riuscirci serve almeno un eletto di un partito che si è presentato alle urne.

Il “prescelto” sarebbe Antonio De Poli, il partito l’Udc, che ha presentato il simbolo con il centrodestra il 4 marzo del 2018.

Ma il vero registra dell’operazione sarebbe il senatore di Forza Italia Paolo Romani.

Ex ministro e capogruppo di Fi al Senato nella passata legislatura, Romani, vero e proprio berlusconiano di ferro, è in rotta con il partito, ormai destinato ad essere “mangiato” da Salvini.

“Noi ci costituiamo e diventiamo interlocutori del governo” avrebbe rivelato Romani ad alcuni senatori, aggiungendo che diversi forzisti “rifiutano la logica sovranista”, motivo per cui starebbero pensando di appoggiare l’esecutivo giallorosso.

Per formare un gruppo servono almeno 10 senatori, ma Romani ne avrebbe arruolati già 12 con l’aiuto di Gaetano Quagliariello.

I responsabili di fatto sostituirebbero i senatori di Italia Viva qualora Matteo Renzi decidesse di uscire dalla maggioranza.

Nessun Conte ter, ma semplicemente la continuazione del Conte bis con nuovi “interlocutori” per usare le stesse parole di Romani.

Il gruppo potrebbe chiamarsi “Liberal popolari-Udc”, ma questo è un dettaglio: l’importante è salvare il governo Conte, ma soprattutto la legislatura.

Leggi anche:

L’idea di Renzi e Salvini per sostituire Conte e dare vita a un nuovo esecutivo

Salvini rompe il silenzio sul possibile governo con Renzi: “Tutte fantasie”

Renzi vuole fare un governo con Salvini e Berlusconi, ma Meloni mette il veto (di L. Telese)

Ti potrebbe interessare
Politica / La lista della Lega esclusa dalle comunali a Napoli: il Consiglio di Stato conferma la decisione
Politica / "Bertolaso vice di Calenda? Forza Italia vuole lasciare Michetti e guarda al candidato di Azione" (di M. Antonellis)
Politica / Conte a TPI: “Abolire il reddito di cittadinanza? Devono passare sul mio cadavere”
Ti potrebbe interessare
Politica / La lista della Lega esclusa dalle comunali a Napoli: il Consiglio di Stato conferma la decisione
Politica / "Bertolaso vice di Calenda? Forza Italia vuole lasciare Michetti e guarda al candidato di Azione" (di M. Antonellis)
Politica / Conte a TPI: “Abolire il reddito di cittadinanza? Devono passare sul mio cadavere”
Politica / Il marito di Casellati inseguito dal Fisco per 145mila euro di Ici non pagata: la storia sul settimanale di TPI
Politica / Il governo pensa a uno stanziamento di 3 miliardi per limitare l’aumento delle bollette
Politica / M5S: Di Maio, Raggi e Fico in lizza per il comitato di garanzia di Conte
Politica / Roma, il candidato sindaco Roberto Gualtieri suona "Estate" in una jam session con tre musicisti
Politica / Candidata di Forza Italia al municipio e segretaria del ministro Franco al Mef: la doppia carica di Serena Piccardi
Politica / Il Governo ora vuole limitare l’aumento delle bollette: le misure allo studio
Politica / Il governo frena sull’obbligo vaccinale: Draghi non vuole rompere con Salvini per non perdere il Quirinale