Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Bufera sul giornalista Rai: “Il nonno di Calenda fece Pinocchio, tutto torna”. E il leader di Azione risponde

Immagine di copertina

Bufera sul giornalista Rai: “Il nonno di Calenda fece Pinocchio, tutto torna”

Dopo la battuta di Elisa Anzaldo sulla Meloni e il botta e risposta tra Senio Bonini e Guido Crosetto, lo scontro tra politica e informazione torna nuovamente alla ribalta della cronaca, questa volta a causa di un giornalista della Rai che ha tirato in ballo il nonno di Carlo Calenda, il regista Luigi Comencini, per commentare lo strappo del leader di Azione con il Pd.

In un post su Facebook, infatti, Carlo Fontana, condirettore della Tgr, ha scritto: “Indovinello: come si chiamava il famoso regista nonno di Carlo Calenda? Luigi Comencini. Che sceneggiato diresse per la tv? Le avventure di Pinocchio. Ecco: tutto torna”.

Il post, che ha fatto subito discutere i social, è stato subito commentato da Carlo Calenda, che su Twitter ha scritto: “Una cortesia, so che questo posto è diventato un immondezzaio, so che ci sono persone legittimamente arrabbiate per la scelta fatta. Lasciate stare i nonni, eccetera. Ognuno è responsabile per se stesso. Buon divertimento”.

A prendere le distanze da Carlo Fontana anche l’Usigrai, il sindacato dei giornalisti Rai, che denuncia “ancora un intervento pubblico di natura politica da parte di un giornalista dirigente Rai, questa volta del condirettore della Tgr, contro un leader di partito”.

L’Usigrai ha quindi sottolineato in una nota che “non è tollerabile che chi lavora nel servizio pubblico utilizzi social, dibattiti pubblici o qualsiasi altro mezzo per colpire o, al contrario, spalleggiare questo o quel politico”.

“I giornalisti Rai, a maggior ragione se dirigenti devono tenere un comportamento consono, equidistante, rispettoso dei cittadini” si legge ancora nel comunicato.

Ti potrebbe interessare
Politica / Massimo Giannini: “Io, svegliato alle 4 notte per una querela per diffamazione. Dietro c’è una regia politica”
Politica / Perché la mancanza di una legge elettorale uguale in tutta l'Ue è un problema
Opinioni / Comunque vadano le elezioni, una cosa è certa: oggi l’Europa politicamente non esiste
Ti potrebbe interessare
Politica / Massimo Giannini: “Io, svegliato alle 4 notte per una querela per diffamazione. Dietro c’è una regia politica”
Politica / Perché la mancanza di una legge elettorale uguale in tutta l'Ue è un problema
Opinioni / Comunque vadano le elezioni, una cosa è certa: oggi l’Europa politicamente non esiste
Politica / Le partite della politica italiana nella partita delle elezioni europee
Politica / Generazione euro: così i giovani possono fare la differenza alle europee
Politica / Non solo Vannacci e Salis: ecco i candidati da tenere d'occhio
Politica / Tutti i partiti e le liste in corsa in Italia
Politica / Difesa, ambiente, IA: i temi chiave delle elezioni europee
Politica / Yanis Varoufakis a TPI: “L’Europa è diventata un continente fallito, idiota e pericoloso”
Politica / Ferrara (M5S) a TPI: “Con Meloni è tornata l’austerity: un governo forte con i deboli e debolissimo con i poteri forti”