Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:17
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Giorgia Meloni a TPI: “Bertinotti? Siamo amici intimi. Lui combatte per le idee in cui crede, non come i Cinque Stelle!”

"Io e Bertinotti amici intimi. Un governo Salvini-Renzi? Meglio i marziani". Intervista-video alla leader di fratelli d'Italia Giorgia Meloni

.

Giorgia Meloni a TPI: “Bertinotti? Siamo amici intimi”

È al centro della scena politica al momento. Fratelli d’Italia fisso al 10 per cento nei sondaggi, gli ultimi arresti per ‘ndrangheta che vedono tra i protagonisti anche politici, il retroscena su una possibile unione tra Salvini e Renzi, e quell’amicizia con Fausto Bertinotti. TPI intervista la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni.

Onorevole Giorgia Meloni, in una recente intervista che il direttore di TPI Giulio Gambino ha fatto a Fausto Bertinotti, lui ha dichiarato di avere un rapporto molto intimo con lei, di aver lavorato bene insieme quando ricoprivate rispettivamente il ruolo di presidente e vicepresidente della Camera. Come è possibile? Destra e sinistra radicale possono incontrarsi davvero?

Guardi che le persone intelligenti possono stimarsi anche se si combattono. Quello che io non amo è della politica di questo tempo è proprio questa assenza di idde fondamentale che porta gli avversari politici a criminalizzarsi l’un l’altro. Io ho rispetto delle persone che credono in qualcosa, anche quando credono in qualcosa di diametralmente opposto da me. Per questo ho grande stima di fausto Bertinotti. Per questo ho un rapporto personale e di amicizia con lui. È una persona che stimo e a cui voglio bene, indipendentemente dal fatto che combattiamo spesso battaglie diverse.

Mi è dispiaciuto molto che ci sono state polemiche sulle dichiarazioni di Bertinotti su di me, davvero. Non che lui sia un tipo che se ne fa cruccio o che si fa influenzare, eh. È abituato a difendere le sue idee. Abbiamo sempre difeso entrambi la nostra amicizia.

Quindi sì, destra e sinistra si possono incontrare: nel rispetto. Nella banalità del rispetto dell’avversario politico. Che non è uno che devi umanamente abbattere, ma devi solo politicamente vincere. Ed è una cosa completamente diversa.

Bertinotti è una persona che ha sempre combattuto per quello in cui  credeva, e questo per me vale qualcosa. Le vere persone che a me fanno paura sono quelle che non credono in niente. Perché per quelle rimane sempre e solo l’interesse.

Per esempio chi non ha delle idee coerenti in cui credere nel Parlamento di oggi?

Beh, i Cinque Stelle! Si faccia un giro in Parlamento e guardi quelli che hanno detto tutto e il contrario di tutto. Per chi viene da una storia politica a fianco di Bertinotti è un po’ difficile passare dalla destra alla sinistra come se niente fosse.

Parliamo degli ultimi arresti. L’assessore della Regione Piemonte Roberto Rosso è soltanto l’ultimo dei numerosi arresti degli ultimi giorni per ‘ndrangheta. C’è una permeabilità per la criminalità organizzata in Fratelli d’Italia? E lei come reagisce?

Sì, c’è un problema serio di permeabilità della ‘ndrangheta. Ma nella politica italiana in generale, evidentemente. Che non risparmia nessuno, nemmeno noi. Ora pongo anche io una domanda: come ci si difende? Perché io ho cominciato a fare politica proprio contro la mafia.

Quando qualcuno bussa alla mia porta, io cerco di chiedere e di informarmi. Ma a volte gli strumenti a disposizione non bastano. Quella persona dice di voler combattere con me la criminalità e invece è un criminale: per cui io sono la prima vittima. A chi pensa di venire in Fratelli d’Italia e essere legato alla criminalità organizzata dico: non ci venite perché ci fate vomitare!

Ultima domanda: cosa pensa Giorgia Meloni dell’ipotesi “governissimo” con l’unione Salvini-Renzi? E in quel caso FdI come si posizionerebbe?

A me sembra fantascienza. Mi sembra più facile un governo di marziani con le antenne e quattr’occhi. Chiaramente mi posizionerei all’opposizione in quel caso perché al governo con Renzi non ci vado!

Leggi anche:

“La sinistra in Italia è morta, oggi meglio votare subito”: Bertinotti a TPI

Meloni a TPI: “Fratelli d’Italia vola perché dice cose chiare, il mio modello è Orban”

Ti potrebbe interessare
Politica / La Camera approva la riforma del processo penale: 396 sì
Politica / Nasce "Italia Domani", il sito per monitorare opere e costi del Pnrr
Politica / Viminale: elezioni amministrative il 3 e 4 ottobre
Ti potrebbe interessare
Politica / La Camera approva la riforma del processo penale: 396 sì
Politica / Nasce "Italia Domani", il sito per monitorare opere e costi del Pnrr
Politica / Viminale: elezioni amministrative il 3 e 4 ottobre
Politica / Dal fratello di Maradona al compagno della Carrà: quei vip candidati alle elezioni comunali
Politica / Draghi, Renzi, Di Maio: le tre spine per Conte nuovo leader M5S
Politica / Ddl Zan, il piano di Renzi e Salvini per farlo approvare subito (ma alle loro condizioni)
Politica / La riforma della giustizia passa alla Camera: sì alla fiducia, anche M5s a favore
Politica / Salvini difende Jacobs dai sospetti dei media stranieri: “Squallidi, non sapete perdere”
Politica / Stragi, Draghi toglie il segreto su Gladio e sulla P2
Politica / Il Senato chiude e va in vacanza: Ddl Zan e riforma della giustizia possono attendere