Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:17
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Friuli: rimosso striscione per Giulio Regeni dal palazzo della regione. Il governatore della Lega: “Non sarà mai più esposto”

Immagine di copertina

Friuli: rimosso striscione per Giulio Regeni dal palazzo della regione 

Friuli rimosso striscione Giulio Regeni – Lo striscione di Amnesty International con su scritto “Verità per Giulio Regeni” è stato rimosso a Trieste nel pomeriggio di giovedì 20 giugno dal palazzo della regione Friuli Venezia Giulia, presieduta dal leghista Massimiliano Fedriga.

Lo striscione, che era stato esposto nel 2016 dall’allora governatore Debora Serracchiani, è stato rimosso per fare spazio a un addobbo inerente agli Europei di calcio Under 21.

Il governatore leghista Massimiliano Fedriga ha confermato la rimozione e dichiarato che: “Lo striscione non verrà mai più esposto”.

Fedriga, poi, ha affermato che: “Malgrado non condivida la politica degli striscioni e dei braccialetti, non ho fatto rimuovere lo striscione per più di un anno per non portare nell’agone politico la morte di un ragazzo”.

Immediate le reazioni politiche con l’ex presidente Serracchiani che, attraverso un post su Facebook, ha chiesto che lo striscione venga subito riappeso sul balcone del palazzo, che si trova in piazza Unità d’Italia, a Trieste.

Anche Furio Honsell, ex sindaco di Udine e consigliere alla regione Friuli nei banchi dell’opposizione, si è detto sconcertato dalla rimozione dello striscione.

Non è la prima volta che lo striscione su Giulio Regeni, il ricercatore italiano torturato e ucciso in Egitto e sulla cui morte non è stata ancora fatta luce, è al centro delle polemiche politiche e non solo.

Nel 2016, sempre in Friuli, l’allora neo sindaco di Trieste Roberto Dipiazza, di centrodestra, fece rimuovere dal palazzo comunale lo striscione giallo, appeso dalla giunta precedente di centrosinistra, senza rimetterlo mai più.

Di recente, invece, al centro delle polemiche vi era finito il neo sindaco di Ferrara Alan Fabbri.

Per festeggiare la sua elezioni, infatti, alcuni sostenitori della Lega hanno appeso un cartellone con il simbolo del Carroccio sullo scalone del Municipio, coprendo quello esposto per Giulio Regeni.

Un gesto che aveva indignato numerose persone e che aveva costretto Fabbri a precisare che lo striscione non sarebbe stato toccato dalla sua amministrazione.

Ti potrebbe interessare
Politica / Marta Cartabia premier e Mario Draghi al colle: il piano di Giorgetti per non andare al voto
Politica / De Magistris: "Siamo tutti cavie, solo tra qualche anno sapremo cosa ci siamo messi nel braccio"
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni
Ti potrebbe interessare
Politica / Marta Cartabia premier e Mario Draghi al colle: il piano di Giorgetti per non andare al voto
Politica / De Magistris: "Siamo tutti cavie, solo tra qualche anno sapremo cosa ci siamo messi nel braccio"
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni
Politica / Gallera: "Berlusconi mi ha chiesto di andare a Roma. Pronto per un incarico nazionale"
Politica / Stato di emergenza, Salvini contro Draghi: “No alla proroga, non ci sono i presupposti”
Politica / Non solo Grillo: Massimo D’Alema celebra “i grandi meriti del Partito Comunista Cinese”
Politica / Ora il Governo deve tirare fuori i dati. È un nostro diritto. Su AstraZeneca e mix vaccinale non sappiamo nulla (di L. Telese)
Politica / La "trappola" di Berlusconi: convincere Meloni a entrare nel partito unico
Politica / Barca a TPI: “La dote ai 18enni è stata spiegata male. Draghi? Un conservatore. E il suo Pnrr non ha visione”
Politica / Salvini: “Ora liberiamo gli italiani dall’obbligo della mascherina”