Covid ultime 24h
casi +17.012
deceduti +141
tamponi +124.686
terapie intensive +76

Salvini, Fabio Volo in diretta: “Vai a citofonare ai camorristi se hai le palle str***o senza palle”

Nel corso della sua trasmissione su radio Deejay, Il Volo del Mattino, il conduttore si è scagliato contro l'ex ministro dell'Interno

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 22 Gen. 2020 alle 11:38
67k
Immagine di copertina

Fabio Volo attacca Salvini: “Vai a citofonare ai camorristi se hai le palle “

“Vai a suonare ai camorristi se hai le palle str***o, non da un povero tunisino che lo metti in difficoltà str***o, sei solo uno str***o senza palle. Fallo con i forti lo splendido, non con i deboli”.

Fabio Volo senza freni commenta il video di Matteo Salvini che citofona a un presunto spacciatore in un quartiere di Bologna.

Nel corso della sua trasmissione su radio Deejay, Il Volo del Mattino, il conduttore si è scagliato contro l’ex ministro dell’Interno.

Fabio Volo non ha utilizzato parole leggere e lo sfogo è diventato subito virale sui social. Le sue parole hanno raccolto commenti di approvazione ma anche lamentele. Come scrive un utente su Twitter: “Altissimi livelli di radio. Dovete vergognarvi”. Ed è bufera su Radio DeeJay.

Le lamentele nei confronti di Salvini erano, in realtà, cominciate già nella serata di ieri, martedì 21 gennaio. Il primo ad accusarlo era stato il sindaco di Bologna Virginio Merola su Facebook: “Io credo che si debba vergognare, caro Salvini. Lei non è un cittadino qualunque. Ha fatto il ministro dell’interno, come mai in quel caso non ha avuto lo stesso interesse? Forse perché adesso è solo propaganda e si comporta da irresponsabile per qualche voto in più”.

Intervenuto in collegamento al programma televisivo Mattino 5, infatti, Salvini ha spiegato perché ha scelto di citofonare a casa di un presunto spacciatore, nel quartiere Pilastro, a Bologna.

“Gli spacciatori devono stare in galera, non a casa. Quando una mamma mi chiede aiuto, una mamma che ha perso un figlio per droga, faccio il possibile mettendomi in prima linea, anche se qualche benpensante protesta”.

Leggi anche:

“Lei spaccia?”. Salvini che citofona a casa di un tunisino è il vero punto di non ritorno

Salvini citofona a un cittadino tunisino per chiedergli se spaccia: “In prima linea per aiutare una mamma”

67k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.