A Lampedusa trionfa la Lega

Di Cristiana Mastronicola
Pubblicato il 27 Mag. 2019 alle 09:14 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 01:56
0
Immagine di copertina
Credit: Valerio Nicolosi

Europee Lampedusa Lega

45,85 per cento alla Lega. Non in un comune del profondo nord Italia, ma a Lampedusa. Il confine dell’Europa si tinge di nero. Le elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo del 26 maggio 2019 hanno segnato un giro di boa per l’Europa intera.

Elezioni europee, i risultati in Italia: Trionfo della Lega, M5s crolla sotto il 17 per cento. Pd secondo partito

Dall’Italia il segnale è arrivato forte e chiaro con la Lega di Matteo Salvini che sfonda il 34 per cento e schiaccia di netto il Movimento 5 Stelle. I pentastellati si fermano a un timido e indicativo 17 per cento, mentre sale di qualche punto il nuovo Partito Democratico di Nicola Zingaretti, che supera l’agognato 20 per cento.

I tre forni della Lega di Salvini (di Luca Telese)

Quello di Lampedusa e Linosa è un risultato importante. Mette nero su bianco la stanchezza, la paura, l’incertezza di un’isola di frontiera, vittima di un’Europa da anni troppo cieca. L’isola in mezzo al Mediterraneo, a una manciata di miglia dalla Tunisia e dalla Sicilia, è diventata l’isola dei migranti, l’ultima speranza di chi parte senza la certezza di arrivare.

L’Italia del Capitano

L’isola è stata da sempre al centro della questione immigrazione. Modello di accoglienza, Lampedusa è stata bersagliata da sempre da chi fa dei flussi migratori il capro espiatorio dei mali del paese. Matteo Salvini negli ultimi mesi si è arrogato il merito, più e più volte, di aver fermato gli sbarchi, ma a maggio sono stati circa 700 gli arrivi sulle coste italiane, 500 i morti in mare.

E i numeri che arrivano dall’isola giungono nonostante la candidatura a queste Europee, in quota Pd, di uno dei simboli del posto. Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa, è sceso – ancora – in politica, ma la speranza riposta in un rinnovato entusiasmo del centrosinistra si è presto tradotta in delusione. Lui è entrato comunque al parlamento europeo, raccogliendo oltre 135mila voti, ma la sua Lampedusa gli ha voltato le spalle.

“Il governo cadrà”: a TPI parla il medico di Lampedusa che ha fatto il pieno di voti alle europee

Il Partito Democratico di Nicola Zingaretti sull’isola girgentina si ferma a un flebile 21,1 per cento. Meglio del Movimento 5 Stelle di Luigi Di Maio, che scende dappertutto nel paese e che tra Lampedusa e Linosa non guadagna nemmeno il 17 per cento.

La Lega doppia il Pd, invece. Il centrodestra (tendente più a destra che al centro) si prende Lampedusa e Linosa e non ce n’è per nessuno. Niente ha potuto fare neppure la forza trainante del sindaco “disobbediente” Totò Martello, quello balzato agli onori delle cronache perché a marzo scorso ha aperto il suo porto alla Nave Jonio e ha chiuso la porta in faccia a Matteo Salvini. Che, però, l’ha scardinata con forza con il voto del 26 maggio, cancellando di fatto le lezioni di accoglienza che l’isola aveva dato al mondo intero.

Il Sindaco di Lampedusa a TPI: “Servono verità e regole scritte, non quelle fatte con i tweet e i post su Facebook”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.