Me

Elezioni Regionali, Salvini teme la doppia sconfitta in Umbria ed Emilia Romagna: Borgonzoni in bilico

Strada in salita per il leader della Lega in vista di votazioni che potrebbero avere ripercussioni forti a livello nazionale

Di Marco Nepi
Pubblicato il 20 Set. 2019 alle 16:31
Immagine di copertina
Matteo Salvini

Elezioni Regionali, Salvini teme la doppia sconfitta

Acque agitate nella Lega e nell’intera coalizione di centrodestra dopo la nascita del governo Conte bis e in vista delle Elezioni Regionali: Matteo Salvini teme la doppia sconfitta sia in Umbria che in Emilia Romagna che potrebbe rendere ancora più dura l’opposizione al nuovo esecutivo Pd-M5S a livello nazionale.

Le previsioni per il Carroccio non sono rosee, visto che i sondaggi attribuiscono un margine di vantaggio allo schieramento di centrosinistra e sembra concreta l’ipotesi di un’intesa tra Partito Democratico e Movimento Cinque Stelle anche nei territori.

Elezioni Emilia Romagna Salvini, Borgonzoni in bilico

Ma anche il rapporto con gli alleati, Fratelli d’Italia e Forza Italia, non fa dormire sonni sereni. Proprio gli altri partiti di centrodestra non sono convinti della candidatura in Emilia Romagna di Lucia Borgonzoni. Il nome della senatrice leghista, lanciato il primo agosto e confermato dal palco di Pontida domenica scorsa, sembra ora in bilico.

Come spiegato da Repubblica, le divergenze sarebbero emerse in un faccia a faccia di due giorni fa, mercoledì 18 settembre, tra Giorgia Meloni e Salvini, avvenuto a Montecitorio. La leader di Fratelli d’Italia avrebbe posto sul tavolo un sondaggio sull’Emilia Romagna che attribuisce al governatore uscente Stefano Bonaccini ben 9 punti percentuali di margine sulla possibile avversaria, l’ex sottosegretaria.

A quanto pare Meloni sta valutando in questi giorni anche il sostegno ad un altro candidato di destra, Galeazzo Bignami, deputato, ex forzista ora passato a Fratelli d’Italia. Sarebbe un modo per Fdi di conquistare più seggi in consiglio regionale.

M5S Rousseau, oggi il voto degli iscritti sul “patto civico” per le regionali in Umbria

Sulle prossime Elezioni Regionali in Emilia Romagna dunque nel centrodestra non è stata detta  l’ultima parola: Salvini si è mostrato disponibile a rivedere gli alleati, la Meloni e il commissario di Forza Italia Adriano Paroli, per un vertice che si annuncia assai delicato.

Elezioni Umbria Salvini, rischio per l’intesa Pd-M5S

Per quanto riguarda le elezioni in Umbria, in programma il 27 ottobre, il M5S ha proposto come candidata alla carica di governatrice l’attuale sindaco di Assisi, Stefania Proietti. Intanto su Rousseau oggi, venerdì 20 settembre, i militanti del Movimento 5 Stelle votano se accettare il “patto civico” con altri partiti. E con il Pd, ovviamente.

L’esito del voto, in particolare sia quello umbro sia quello emiliano romagnolo, c’è da scommetterci, peserà anche sugli equilibri nazionali. Una doppia sconfitta alle Elezioni Regionali dopo una lunga campagna elettorale lanciata dalle spiagge ad agosto renderebbe ancor più in salita il percorso del leader della Lega all’opposizione del nuovo governo giallorosso. In Umbra i primi sondaggi (aggiornati a settembre 2019) descrivono una situazione di testa a testa tra centrodestra e Pd-M5S.

Il voto è un test importante anche per sondare se realmente il leader leghista è in grado di confermare lo straordinario risultato delle Elezioni Europee del 26 maggio, quando su scala nazionale ha raccolto il 34,3 per cento dei consensi. I sondaggi degli ultimi giorni hanno confermato un calo della Lega, ora segnalata vicina o poco oltre il 30 per cento dei voti, mentre un mese e mezzo fa viaggiava mediamente tra i 35 e i 40 punti.