Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Elezioni in Malawi: il presidente uscente cerca il secondo mandato

Immagine di copertina
Credit: PATRICK MEINHARDT / AFP

Il 21 maggio 2019 6,7 milioni cittadini del Malawi sono chiamati ad esprimere il proprio voto nelle elezioni locali, parlamentari e presidenziali.

I candidati che corrono per la carica di presidente sono in totale sette, ma sono solo tre ad avere reali possibilità di vittoria: il presidente uscente Peter Mutharika, il suo vice Saulos Klaus Chilima e il leader dell’opposizione, Lazarus Chakwera.

Le urne si sono aperte alle 6 di mattina (ora locale) e si sono chiuse alle 18.

Si tratta delle prime elezioni da quando è stata approvata una legge che vieta la pratica prima molto comune di donare soldi ai partiti in contanti.

I risultati sono attesi per il 29 maggio e a pesare saranno principalmente i voti delle aree rurali, dove si trova l’80 per cento della popolazione.

I candidati 

Il presidente uscente Peter Mutharika è al potere dal 2014 e ha presentato la sua candidatura per un secondo mandato.

In campagna elettorale ha puntato sui miglioramenti a livello economico registrati nel paese grazie alla sua presidenza e sull’aumento delle infrastrutture nel paese africano.
L’inflazione è passata dal 23 al 9 per cento sotto il governo di Mutharika, ma i problemi economici nel paese sono ancora numerosi e resta alto il numero di cittadini che non ha accesso all’energia elettrica.

Proprio i problemi legati all’elettricità, al debito del paese e alla mancanza di cibo per le fasce più debole della popolazione mettono in pericolo la ricandidatura dell’attuale presidente.

Uno dei maggiori sfidanti dell’attuale presidente è il suo vice, Saulos Klaus Chilima, che nel 2018 ha abbandonato il partito di Governo per entrare nel United Transformation Movement, formato da politici prettamente giovani. Chilima, 46 anni, ha puntato proprio sulla sua giovane età per convincere i cittadini a votare per lui. Sua moglie ha anche creato una canzone rap in occasione della campagna elettorale.

L’opposizione invece è rappresentata da Lazarus Chakwera, leader del Malawi Congress Party (MCP), arrivato secondo nelle elezioni del 2014.

I 700 morti ignorati da tutti: quelli del ciclone Idai che ha colpito Malawi, Mozambico e Zimbabwe
Ti potrebbe interessare
Politica / Salvini: "Dopo Mattarella, la Casellati è il massimo che la Repubblica può esprimere"
Politica / Berlusconi scende in campo per la Casellati: “Votiamo lei. Adeguata per ruolo di Presidente della Repubblica”
Politica / Quirinale, Renzi: “Non escludo Mattarella bis”
Ti potrebbe interessare
Politica / Salvini: "Dopo Mattarella, la Casellati è il massimo che la Repubblica può esprimere"
Politica / Berlusconi scende in campo per la Casellati: “Votiamo lei. Adeguata per ruolo di Presidente della Repubblica”
Politica / Quirinale, Renzi: “Non escludo Mattarella bis”
Politica / Quirinale, il centrodestra oggi vota un nome: rispuntano Casellati e Nordio
Politica / Elezione presidente della Repubblica 2022: da oggi 2 votazioni al giorno. Centrodestra voterà Casellati. Letta-Conte-Speranza disertano incontro con Salvini | DIRETTA LIVE
Politica / Emergenza Italia, dalla pandemia al Pnrr: il nuovo Capo dello Stato avrà il compito di tenere unito il Paese
Politica / “Draghi al Colle? Sarebbe una forzatura istituzionale, ecco perché”: parola di costituzionalista
Politica / I gesti di Mattarella: due illustrazioni per celebrare il settennato del Presidente
Politica / Così Draghi “il migliore” ha gettato il Paese nel caos tentando di “scappare” al Quirinale
Politica / Chi è Nino Di Matteo, il più votato al quarto scrutinio dopo Sergio Mattarella