Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Regionali, in Puglia l’alleanza col Pd non piace ai Grillini. La candidata M5S: “Piuttosto tagliatemi la testa”

Immagine di copertina

Oggi è il giorno decisivo per la chiusura delle liste regionali. Ed è proprio in questi ultimi caldi momenti che si definiscono gli equilibri di potere e le alleanze locali nelle varie regioni. In Puglia la candidata pentastellata Antonella Laricchia ha scatenato un vero e proprio terremoto. Il premier Giuseppe Conte insiste affinché Pd e Cinque Stelle trovino un accordo, in particolar modo in Puglia e nelle Marche. “In Puglia e nelle Marche presentarsi divisi espone al rischio di sprecare una grande occasione” ha affermato Conte aggiungendo: “Una sinergia anche a livello territoriale può imprimere una forte spinta per realizzare le strategie del Green deal, dell’innovazione digitale, degli investimenti nelle infrastrutture, negli asili nido e nelle scuole”.

In Puglia però la resistenza dei candidati locali grillini e di una parte del Movimento è forte e la pugliese Antonella Laricchia insorge con un post polemico pubblicato su Facebook: l’invito all’unità per non disperdere voti alle prossime Regionali del 20-21 settembre, si è già inceppato.

“La mia presenza non è scontata, chiaramente sono sacrificabile in ogni momento, se qualcuno lo decide dall’alto – scrive Antonella Laricchia su Facebook -. Ma non chiedetemi di piegare la testa, piuttosto trovate il coraggio di tagliarla, se volete salvare la mala politica di Emiliano e Fitto, perché finché non sarò rimossa da questo ruolo che mi è stato attribuito, andrò avanti a guidare questa opportunità di cambiamento”. La candidata pentastellata, dunque, non farà alcun passo di lato. A rimuoverla dalla candidatura ora potrà essere solamente una decisione dall’alto, per mero opportunismo elettoral-politico.

Anche il candidato grillino nell Marche Gian Mario Mercorelli è decisamente contrario a farsi da parte: “Perché dovrei ritirarmi?”, domanda polemico in una intervista al Corriere della Sera. L’ex consigliere comunale di Tolentino, pentastellato della prima ora, ha vinto le regionali a marzo ma ora da Roma vorrebbero che si facesse da parte per scegliere un candidato in comune con il Pd: “Continuo la mia campagna elettorale, giorno e notte. Oggi (ieri, ndr), ad esempio, sono stato all’Università di Camerino per un confronto con il rettore. Non mi fermo. Punto”.

“Qui nella Marche – sottolinea – non c’è mai stata un progetto comune con il Pd. Qui tra le righe ci hanno detto più o meno così: ‘Venite a portare i vostri voti da noi e vi daremo le poltrone’. In parole povere, il Pd ci vuole comprare. Sarebbe utile parlare di sviluppo, di sanità e invece si occupa il tempo nella spartizione delle poltrone. A me non interessa ottenere una vicepresidenza o la presidenza del consiglio regionale. Io non svendo la posizione del Movimento per un posticino”.

Leggi anche: 1. Pd-M5S, scoppia la pace anche in tribunale: “Stop alle cause che ci vedevano contrapposti, cambiato clima politico”. Renzi: “Io non le ritiro” / 2. Regionali, niente alleanze col M5s. Ora per il Pd è rischio disfatta: può regalare tre regioni a Salvini / 3. Il giornale francese Le Figaro incorona Conte: “Spettacolare su Covid e trattativa con l’Europa”

Ti potrebbe interessare
Politica / La maggioranza cambia la par condicio, i giornalisti Rai: “Servizio pubblico megafono del governo”
Politica / Palamara a TPI: “Conosco il Sistema, mi candido alle europee per combatterlo”
Politica / La proposta di legge di Soumahoro sulla fine del Ramadan: "Sia giorno festivo"
Ti potrebbe interessare
Politica / La maggioranza cambia la par condicio, i giornalisti Rai: “Servizio pubblico megafono del governo”
Politica / Palamara a TPI: “Conosco il Sistema, mi candido alle europee per combatterlo”
Politica / La proposta di legge di Soumahoro sulla fine del Ramadan: "Sia giorno festivo"
Politica / Mafia, massoneria e voto di scambio: arrestato a Palermo l’ex consigliere comunale Mimmo Russo (Fdi)
Politica / Il capitano Ultimo scopre il volto dopo 31 anni. Il video
Politica / Meloni: “L’Aquila un modello, risposta dello Stato da subito”
Politica / Stadio Roma, emessa la sentenza di primo grado: nove condanne e dieci assoluzioni
Politica / Sparo di capodanno, chiuse le indagini: “A esplodere il colpo è stato Pozzolo”
Politica / Puglia, voto di scambio per 50 euro: si dimette assessora del Pd. Ai domiciliari il marito e il sindaco di Triggiano. Scintille tra M5S e dem sulle primarie di Bari
Politica / Elly Schlein incontra Roberto Salis: “Ma Ilaria non sarà candidata col Pd”