Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 15:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Elezioni amministrative Milano 2021, gli exit poll: i dati alla chiusura delle urne

Immagine di copertina

Elezioni amministrative Milano 2021, gli exit poll: i dati alla chiusura delle urne

Manca ancora poco alla chiusura dei seggi per le elezioni amministrative a Milano, quando sarà possibile conoscere i risultati degli exit poll. I sondaggi effettuati all’uscita dei seggi, resi pubblici a partire dalle 15, daranno le prime indicazioni sull’esito della sfida tra Beppe Sala, il sindaco uscente del Pd, e Luca Bernardo, sostenuto dai partiti del centrodestra. Ieri e oggi, domenica 3 e lunedì 4 ottobre 2021, i milanesi sono stati chiamati a esprimersi anche per il rinnovo del consiglio comunale e l’elezione dei consigli municipali e dei relativi presidenti.

I candidati delle elezioni amministrative a Milano

Exit poll Milano:

  • Sala (Pd) 54% – 58%
  • Bernardo (centrodestra) 32% – 36%
  • Pavone (M5S) 2% – 4%
  • Paragone (Italexit) 2% – 4% 

Elezioni amministrative Milano 2021, la legge elettorale

Le elezioni amministrative a Milano si svolgono secondo un sistema elettorale che prevede la vittoria del candidato che ottiene il 50% più uno dei consensi, altrimenti si andrà al ballottaggio, da tenere il 17 e il 18 ottobre 2021, tra i due più votati. Nel caso si dovesse verificare una perfetta parità al secondo turno, sarà eletto sindaco il candidato più anziano.

Alle liste collegate al vincitore sarà attribuito il 60% dei seggi nel consiglio comunale, mentre i posti rimanenti saranno assegnati in maniera proporzionale alle altre liste che hanno superato la soglia di sbarramento del 3% dei voti validi. In totale, oltre al sindaco, devono essere eletti 48 consiglieri comunali, 30 membri dei consigli municipali e 9 presidenti di municipio.

Per quanto riguarda le modalità di voto, è previsto anche il voto disgiunto, con cui i cittadini possono barrare sulla loro scheda il nome di un candidato sindaco e poi il simbolo di una lista che non lo appoggia. Ciascun elettore può esprimere due preferenze nel votare i consiglieri comunali o municipali, purché vadano a un uomo e una donna. Nel caso abbiano indicato due candidati dello stesso sesso, il voto va solamente al primo.

TUTTO SULLE AMMINISTRATIVE 2021

Ti potrebbe interessare
Politica / Assalto squadrista alla Cgil, Lamoregese: “Respingo accuse di strategia della tensione”
Politica / “Un amore chiamato politica”: il ministro Di Maio annuncia il suo primo libro
Politica / Michetti commenta la sconfitta a Roma con una gaffe: "L'esito del voto è laconico"
Ti potrebbe interessare
Politica / Assalto squadrista alla Cgil, Lamoregese: “Respingo accuse di strategia della tensione”
Politica / “Un amore chiamato politica”: il ministro Di Maio annuncia il suo primo libro
Politica / Michetti commenta la sconfitta a Roma con una gaffe: "L'esito del voto è laconico"
Politica / Ballottaggi, Conte: “Ha vinto l’astensione. A Roma, Torino e Trieste opposizione costruttiva del M5s”
Politica / Chi è Roberto Gualtieri, il nuovo sindaco di Roma
Politica / Ballottaggio Torino, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Ballottaggio Roma, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Chi è Stefano Lo Russo, il nuovo sindaco di Torino
Politica / Berlusconi attacca i no vax: “Eroe è chi blocca un treno per Auschwitz, non un porto per il green pass”
Politica / Ballottaggi: il centrosinistra vince a Roma e Torino. Letta: "È un trionfo", Salvini minimizza. Il centrodestra conquista Trieste