Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:47
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Elezioni amministrative del 3-4 ottobre 2021: candidati, orari, legge elettorale. La guida completa

Immagine di copertina

Elezioni amministrative del 3-4 ottobre 2021: candidati, orari | La guida

Domenica 3 e lunedì 4 ottobre 2021 sono in programma le elezioni amministrative che coinvolgeranno 1.157 comuni (qui la lista completa), tra cui anche 6 capoluoghi di Regione: Roma, Torino, Milano, Trieste, Bologna e Napoli.

Al voto anche 14 città capoluogo di provincia, Pavia, Benevento, Caserta, Cosenza, Grosseto, Isernia, Latina, Novara, Pordenone, Ravenna, Rimini, Salerno, Savona, Varese, mentre nello stesso giorno si terranno anche le elezioni Regionali in Calabria e le suppletive della Camera dei deputati nei collegi di Siena-Arezzo e Roma-Primavalle.

Le elezioni amministrative, che si sarebbero dovute tenere nella scorsa primavera, sono state rimandate a ottobre a causa dell’emergenza Covid. Sono dodici milioni gli italiani chiamati a votare, mentre gli eventuali ballottaggi sono previsti per il 17 e il 18 ottobre 2021.

Come detto si vota domenica 3 e lunedì 4 ottobre 2021 con i cittadini coinvolti che potranno recarsi alle urne dalle 7 alle 23 di domenica e dalle 7 alle 15 di lunedì.

Per i comuni della Sicilia e della Sardegna, regioni a statuto speciale, il voto amministrativo è fissato per il 10 e 11 ottobre e i ballottaggi per il 24 e 25 di ottobre. In Trentino Alto Adige, invece, si va al voto il 10 ottobre con l’eventuale ballottaggio programmato per il 24 ottobre.

Non appena le urne saranno chiuse, inizierà lo spoglio delle schede, mentre i primi exit poll saranno disponibili subito dopo la chiusura dei seggi.

Ma quali sono i candidati delle principali città al voto? E qual è la legge elettorale in vigore? Di seguito una guida completa sulle elezioni amministrative del 3 e 4 ottobre 2021.

Elezioni amministrative 2021: come si vota | La legge elettorale

Le elezioni amministrative si svolgono secondo una legge elettorale con sistema maggioritario: vince il candidato che ottiene il 50% più uno dei consensi, altrimenti si va al ballottaggio (che eventualmente si terrà il 17 e il 18 ottobre 2021) tra i due più votati. Questa regola vale per i comuni con più di 15mila abitanti: per gli altri comuni, invece, vince il candidato sindaco che ottiene un voto in più.

Ciascun elettore può esprimere la propria preferenza tracciando un segno sul nome del candidato sindaco: in questo caso il voto andrà solo ed esclusivamente a lui.

In alternativa, si può votare una delle liste collegate al candidato sindaco: così la preferenza andrà sia alla lista che al sindaco che quel partito sostiene.

Previsto anche il voto disgiunto: i cittadini possono barrare sulla loro scheda il nome di un candidato sindaco e poi il simbolo di una lista che non lo appoggia.

Ciascun elettore dovrà presentarsi al seggio con un documento di identità e la tessera elettorale. Per accedere al seggio non è obbligatorio il Green Pass, ma bisognerà comunque rispettare alcune norme anti-Covid, ovvero indossare la mascherina, igienizzare le mani, evitare assembramenti e non recarsi al seggio se la temperatura corporea supera i 37,5° o se si è in quarantena.

Elezioni comunali 2021: Roma

Anche nella Capitale i cittadini saranno chiamati a votare per il nuovo sindaco, per i nuovi presidenti di municipio e per il rinnovo del consiglio comunale. Sono ben ventidue gli aspiranti primi cittadini romani, anche se la sfida è ridotta essenzialmente a quattro candidati. Si tratta della sindaca uscente Virginia Raggi, appoggiata dal Movimento 5 Stelle, del candidato del centrodestra, Enrico Michetti, del candidato del centrosinistra, Roberto Gualtieri, e di Carlo Calenda, che si presenta alle comunali con una lista civica sostenuta, tra gli altri, da Italia Viva. Di seguito, l’elenco dei 22 candidati alle amministrative di Roma e le liste che appoggiano ogni singolo aspirante sindaco:

  • Virginia Raggi – M5S, Roma Ecologista, Lista Civica Virginia Raggi, Sportivi per Roma, Roma Decide, Con le Donne per Roma
  • Enrico Michetti – Fratelli d’Italia, Lega, Forza Italia – Udc, Rinascimento Cambiamo, Lista civica Michetti, Partito liberale europeo
  • Roberto Gualtieri – Partito Democratico, Europa Verde, Partito Socialista Italiano, Roma Futura, Sinistra Civica Ecologista, Lista Civica Gualtieri Sindaco, Demos
  • Carlo Calenda – Lista civica Calenda sindaco
  • Monica Lozzi – rEvoluzione civica
  • Fabiola Cenciotti – Popolo della Famiglia
  • Andrea Bernaudo – Liberisti Italiani
  • Fabrizio Marrazzo – Partito Gay Lgbt+
  • Micaela Quintavalle – Partito Comunista
  • Cristina Cirillo – PCI
  • Margherita Corrado – Attiva Roma
  • Elisabetta Canitano – Potere al Popolo
  • Francesco Grisolia – Sinistra Rivoluzionaria
  • Paolo Berdini – Roma Ti Riguarda
  • Rosario Trefiletti – Italia dei Valori
  • Luca Teodori – Lista 3v
  • Sergio Iacomoni – Lista Nerone
  • Paolo Oronzo Mogli – Movimento Libertas
  • Rodolfo Concordia – Democrazia Cristiana
  • Gianluca Gismondi – MIS
  • Gilberto Trombetta – Riconquistare l’Italia
  • Giuseppe Cirillo – Buone Maniere

Milano

A Milano sono tredici i candidati sindaco, anche se la sfida riguarda soprattutto il candidato del centrosinistra, nonché primo cittadino uscente, Beppe Sala, e quello del centrodestra, Luca Bernardo. Anche a Milano, così come a Roma e Torino, Pd e Movimento 5 Stelle non hanno trovato un accordo e si presentano alle comunali separatamente, a differenza di quanto avvenuto a Bologna e Napoli. La candidata del M5S a Milano è Layla Pavone. Tra gli altri volti noti, Gianluigi Paragone con il suo movimento Italexit. Di seguito, l’elenco dei 13 candidati alle amministrative di Milano e le liste che appoggiano ogni singolo aspirante sindaco:

  • Giuseppe Sala – Partito Democratico, Volt, Lista Beppe Sala sindaco, Milano Radicale, Riformisti lavoriamo per Milano, Milano in salute, Europa Verde – Verdi, Milano unita
  • Luca Bernardo – Lega per Salvini premier, Forza Italia, Lista civica Luca Bernardo, Milano Popolare Maurizio Lupi, Fratelli d’Italia, Partito Liberale europeo
  • Layla Pavone – M5S
  • Gabriele Mariani – Sinistra Milano in Comune e per Civica Ambientalista
  • Gianluigi Paragone – Italexit, Grande Nord
  • Giorgio Goggi – Milano Liberale, Socialisti di Milano
  • Bianca Tedone – Potere al Popolo
  • Natale Azzaretto – Partito comunista dei lavoratori
  • Marco Muggiani – Partito comunista italiano
  • Alessandro Pascale – Partito comunista
  • Mauro Festa – Partito Gay Lgbt+
  • Teodosio De Bonis – Lista 3v
  • Bryant Biavaschi – Milano inizia qui

Bologna

Sotto le due Torri sono otto i candidati in corsa per la poltrona di sindaco con l’esponente del Pd, Matteo Lepore, assessore uscente della giunta Merola, grande favorito della vigilia. Suo principale avversario è il candidato del centrodestra, l’imprenditore Fabio Battistini, il quale, prima di incassare il sostegno dei partiti di centrodestra, si era già candidato come indipendente. Di seguito, l’elenco degli 8 candidati alle amministrative di Bologna e le liste che appoggiano ogni singolo aspirante sindaco:

  • Matteo Lepore – Partito Democratico, M5s, Coalizione Civica, Europa Verde, Psi-Volt, Anche tu Conti, Matteo Lepore sindaco
  • Fabio Battistini – Lega, Fdi, Forza Italia, Bologna ci piace, Popolo della Famiglia
  • Stefano Sermenghi – Bologna Forum civico, Italexit
  • Dora Palumbo – Sinistra Unita
  • Marta Collot – Potere al Popolo
  • Federico Bacchiocchi – Partito Comunista dei lavoratori
  • Andrea Tosatto – Lista 3V
  • Luca Labanti – Movimento 24 agosto

Napoli

Chi sarà il successore di Luigi De Magistris? La sfida partenopea promette di essere una delle più avvincenti ed equilibrate di questa tornata di elezioni amministrative. Pd e M5S hanno raggiunto un accordo per convergere su Gaetano Manfredi come candidato sindaco, mentre il centrodestra si affida al magistrato Catello Maresca. Così come a Roma anche a Napoli c’è una “mina vagante”, qui rappresentata da Antonio Bassolino, già primo cittadino di Napoli nonché governatore della Campania, il quale, non solo potrebbe “rubare” voti al centrosinistra, ma addirittura sperare in un approdo al ballottaggio. Di seguito, l’elenco dei 7 candidati alle amministrative di Bologna e le liste che appoggiano ogni singolo aspirante sindaco:

  • Gaetano Manfredi – Partito Democratico, M5s, Napoli libera Moderati repubblicani Democratici Manfredi sindaco Centro democratico, Noi campani per la città per persone e comunita’ Azzurri per Napoli, Napoli solidale Europa verde adesso
  • Catello Maresca – Forza Italia, Fratelli d’Italia, Rinascimento Partenopeo, Essere Napoli, Napoli Capitale, Cambiamo! Partito Liberale Europeo
  • Antonio Bassolino – Bassolino per Napoli, Carlo Calenda, Partito Lgbt con Napoli, Bassolino sindaco, Napoli È
  • Alessandra Clemente – Alessandra Clemente sindaco, Napoli 20-30, Potere al Popolo
  • Rossella Solombrino – Equità territoriale
  • Matteo Brambilla – Napoli in movimento
  • Giovanni Moscarella – Lista 3V

Elezioni amministrative 3-4 ottobre 2021: Torino

Partita più che aperta a Torino dove si dovrà eleggere il successore della sindaca uscente Chiara Appendino, esponente del Movimento 5 Stelle. Sotto la Mole il M5S ha deciso di presentare un candidato unico, Valentina Sganga, mentre il Pd sostiene Stefano Lo Russo. L’aspirante sindaco del centrodestra, invece, è Paolo Damilano. Di seguito, l’elenco dei 4 candidati alle amministrative di Bologna e le liste che appoggiano ogni singolo aspirante sindaco:

  • Stefano Lo Russo – Moderati, Sinistra Ecologista, Articolo 1, Lista Civica per Lo Russo, Torino Domani
  • Valentina Sganga – M5S, Europa Verde Torino
  • Paolo Damilano – Torino Bellissima, Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Popolo della Famiglia, Progresso Torino, Sì Tav Sì Lavoro
  • Angelo D’Orsi – Potere al Popolo, Partito Comunista Italiano e Sinistra in Comune, che raggruppa Rifondazione Comunista, Sinistra Anticapitalista, DemA e Torino Ecosolidale
Ti potrebbe interessare
Politica / Dini scrocca il Financial Times al Senato? Il quotidiano britannico gli regala l’abbonamento gratis
Politica / Matteo Ricci a TPI: “Sono il primo giallorosso d’Italia”
Politica / L’audio di Salvini scuote il centrodestra: “Da Fratelli d’Italia troppe rotture di coglioni”
Ti potrebbe interessare
Politica / Dini scrocca il Financial Times al Senato? Il quotidiano britannico gli regala l’abbonamento gratis
Politica / Matteo Ricci a TPI: “Sono il primo giallorosso d’Italia”
Politica / L’audio di Salvini scuote il centrodestra: “Da Fratelli d’Italia troppe rotture di coglioni”
Politica / Berlusconi vuole un uomo solo alla guida del centrodestra: tre i nomi riservati
Politica / Incontro tra Berlusconi, Salvini e Meloni: “Centrodestra compatto". Ma in Forza Italia scoppia il caso Gelmini
Politica / Aumenti bollette, Draghi annuncia nuovi provvedimenti per tutelare le fasce deboli
Politica / Grillo difende il reddito di cittadinanza: “Una delle riforme sociali più importanti della storia”
Politica / Bilancio, governo approva documento programmatico: addio a Quota 100, più controlli sul Reddito di cittadinanza
Politica / Camera, il ritorno di Enrico Letta: standing ovation del Pd. “Non chiederemo il voto anticipato”
Politica / Assalto squadrista alla Cgil, Lamoregese: “Respingo accuse di strategia della tensione”