Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Dalla minaccia Berlusconi alla svolta presidenzialista di Draghi: il Quirinale può cambiare i destini dell’Italia

Immagine di copertina

Mai come stavolta l’elezione del capo dello Stato può cambiare i destini del Paese. In attesa di sapere chi sarà il nuovo presidente, le manovre in corso rivelano la debolezza dei partiti

Comunque vada, sarà ricordata come la campagna presidenziale più a rischio di sempre. Con la pandemia che morde, i partiti allo sbando e soprattutto, l’Italia al bivio: a destra la strada verso il precipizio indicata con smisurata ambizione e spirito di rivincita dall’ex Cavaliere pregiudicato e ancora sotto processo: Silvio Berlusconi for president, senza scrupoli nel tenere appeso fino all’ultimo il Paese sullo scioglimento della sua riserva vista Colle, che gli è comunque servita per riacquistare centralità e  rimbalzare per l’ennesima volta i magistrati del Ruby ter.

A sinistra a giocar di rimessa lungo un sentiero incerto, costellato di candidature alla meno peggio che hanno visto in pista personalità diversamente digeribili come Paolo Gentiloni o Giuliano Amato e sussurrate aperture anche su nomi graditi al campo avverso come Franco Frattini, Letizia Moratti, Marcello Pera, Maria Elisabetta Alberti Casellati.

Nel mezzo i cittadini elettori, che stanno a guardare nella speranza che non si vada a sbattere in questo impazzimento collettivo proprio ora che, dopo due anni di pandemia, servirebbe continuare a mettere in sicurezza il Paese. E la gran massa dei parlamentari che dovranno votare il nome dopo che si saranno esaurite tattiche e strategie decise altrove, pure loro ridotti a poco più che spettatori in tribuna ad attendere un cenno di schiarita dopo tanto caos.

Il tutto mentre, dalle cancellerie estere, capi di Stato, esponenti politici e stampa di primo piano a livello internazionale trattengono il fiato domandandosi come andrà a finire ma più volentieri puntano le loro fiches con endorsement che fanno la differenza. Quale direzione sceglieranno alla fine i partiti per il Quirinale non è ancora dato sapere, perché – ma questa è la tradizione – i giochi si faranno fino all’ultimo a carte coperte.

Certo invece è che il prossimo inquilino del Colle più alto rischia di dover continuare a recitare un ruolo di supplenza nella mediazione tra i partiti o peggio: la corsa quirinalizia potrebbe consegnarci, con il nuovo capo dello Stato, pure il definitivo approdo al semipresidenzialismo.Alle prese con le loro crisi interne, con consensi sempre più incerti e problematici, incapaci di dare un governo e una prospettiva al Paese alle prese con la crisi più grande dalla nascita della Repubblica, i partiti e i loro leader sono stati messi a cuccia un anno fa dall’intervento a gamba tesa del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Politica / Ddl Zan, i dem rilanciano la legge: “Disposti a modifiche, ma sull’identità di genere non si tratta”
Politica / Conte: “M5S sconfitto in Senato, registriamo che c’è una nuova maggioranza da FdI a Iv”
Politica / Stefania Craxi eletta presidente della Commissione Esteri del Senato al posto di Petrocelli
Ti potrebbe interessare
Politica / Ddl Zan, i dem rilanciano la legge: “Disposti a modifiche, ma sull’identità di genere non si tratta”
Politica / Conte: “M5S sconfitto in Senato, registriamo che c’è una nuova maggioranza da FdI a Iv”
Politica / Stefania Craxi eletta presidente della Commissione Esteri del Senato al posto di Petrocelli
Politica / Matteo Renzi: “I magistrati hanno interrotto il cammino di crescita di Italia Viva”
Politica / Giornata contro l’omofobia, Mattarella: "Rispetto e uguaglianza sono principi non derogabili"
Politica / Berlusconi attacca Biden e la Nato: "Così Putin non tratta"
Politica / “Vergogna, venduto!”: Speranza contestato dai No Vax a La Spezia | VIDEO
Politica / Salvini dopo l’incontro con Draghi: “L’invio di armi in Ucraina allontana la pace. Serve il cessate il fuoco”
Politica / Giornata contro l’omofobia, la destra contro la circolare alle scuole: “Promuove l’ideologia gender”. M5S: “Protesta oscena”
Esteri / Guerra in Ucraina, Di Maio: “Bisogna tenere aperto un canale con Mosca”