Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 16:26
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

L’educazione civica torna a scuola: da settembre un’ora a settimana e voto in pagella

Immagine di copertina

Approvato in Senato il disegno di legge con 193 sì. Il ministro dell'Istruzione Bussetti: "Un traguardo necessario per le giovani generazioni"

Educazione civica a scuola: l’insegnamento torna obbligatorio da settembre

Da settembre, a scuola, si tornerà a studiare educazione civica. Con trentatré ore annuali e un voto finale in pagella. Ieri, giovedì 1 agosto, il Senato ha approvato in via definitiva il disegno di legge che ne introduce in classe l’insegnamento obbligatorio. A favore 193 voti, 38 gli astenuti.

Il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti ha accolto positivamente l’esito della votazione del testo unificato, uscito dalla Commissione Cultura della Camera: “Oggi è una giornata storica. Finalmente ritorna l’educazione civica come materia obbligatoria nelle scuole. Un traguardo necessario per le giovani generazioni perché sono i valori indicati nella Costituzione a tenere unito il nostro Paese. Il compito della scuola è di educare alla cittadinanza attiva, al rispetto delle regole, all’accoglienza e all’inclusione, valori alla base di ogni democrazia”.

La nuova legge, che si compone di dodici articoli, prevede l’insegnamento trasversale dell’educazione civica nella scuola primaria e secondaria. E iniziative di sensibilizzazione alla cittadinanza responsabile saranno avviate a partire dalla scuola dell’infanzia.

Costituzione e istituzioni dello Stato. Educazione ambientale e alla legalità. Educazione al rispetto e alla valorizzazione del patrimonio culturale e dei beni pubblici comuni, alcune delle questioni  studiate sui banchi a partire dal prossimo anno scolastico.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha commentato: “Finalmente l’educazione civica torna in classe. Con la legge della Lega approvata definitivamente oggi al Senato, da settembre sarà di nuovo materia di studio obbligatoria, con 33 ore e voto in pagella. Vita concreta contro inutili polemiche. Promessa mantenuta, non si molla”.

Simona Malpezzi, senatrice del Partito Democratico che si conta tra gli astenuti, ha affermato: “Per fare le riforme è necessario investire, invece il governo non solo non prevede finanziamenti per la scuola ma chiede agli insegnanti un lavoro aggiuntivo gravoso, senza un minimo compenso”.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Perdere a Roma per scaricare la sconfitta sulla Meloni: il piano di Salvini per riprendersi il centrodestra
Politica / Grillo incontra l'ambasciatore cinese in Italia. Atteso anche Conte, l'ex premier dà forfait
Opinioni / Benvenuti nell’era del populismo vaccinale: il Governo blocca (di nuovo) AstraZeneca ma non spiega perché
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Perdere a Roma per scaricare la sconfitta sulla Meloni: il piano di Salvini per riprendersi il centrodestra
Politica / Grillo incontra l'ambasciatore cinese in Italia. Atteso anche Conte, l'ex premier dà forfait
Opinioni / Benvenuti nell’era del populismo vaccinale: il Governo blocca (di nuovo) AstraZeneca ma non spiega perché
Opinioni / Se Poste Italiane si impossessa del titolo di prima del più importante quotidiano finanziario italiano
Politica / Nichi Vendola: “Torno in politica, l’esilio è finito”
Politica / Salvare le aziende di Berlusconi: ecco cosa c’è dietro la federazione tra Forza Italia e Salvini
Politica / Cristallo a TPI: "Ci chiamano tossici perché vogliamo la Cannabis legale. Salvini sbandierava i Mojito al mare"
Opinioni / Il paradosso di Confindustria (e di parte del governo): “C’è la ripresa quindi si può licenziare”
Politica / “Troppi gay nella giuria di Ballando con le Stelle”: l’intervento al Senato sul Ddl Zan
Politica / Tutti i niet di Grillo a Conte: l’ex premier vuole prendersi il M5S ma il comico non si fa da parte