Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Di Maio: “Governo Conte il primo senza indagati dal 1994”. Ma è vero?

Immagine di copertina
Luigi Di Maio. Photo by Gabriele Maricchiolo/NurPhoto

"Io sono qui per fare i fatti, insieme a una squadra di governo che non ha indagati e condannati, un unicum dal 1994", sono state le parole pronunciate dal capo politico del Movimento 5 Stelle. Ma le cose non stanno esattamente così

Il ministro dello sviluppo economico del lavoro e delle politiche sociali nonché vicepremier, Luigi Di Maio, il 2 giugno 2018 ha detto che il governo guidato da Giuseppe Conte è il primo esecutivo senza condannati o indagati dal 1994.

“Io sono qui per fare i fatti, insieme a una squadra di governo che non ha indagati e condannati, un unicum dal 1994”, sono state le parole pronunciate dal capo politico del Movimento 5 Stelle prima negli uffici del Mise (Ministero dello sviluppo economico) e poi ripetute in un comizio a Ragusa, in Sicilia.

Ma è vero che il governo a guida M5S-Lega è l’unico che parte senza ministri sotto indagine dal 1994 ad oggi? Le cose non stanno esattamente così.

Facendo rifermento agli ultimi 4 esecutivi nati dal 2011, tutti sono partiti senza nemmeno un titolare di un dicastero condannato o inquisito.

Parliamo dei governi a guida Monti, Letta, Renzi e Gentiloni.

Luca Lotti, ministro per lo sport nell’esecutivo guidato da Gentiloni, venne indagato nell’indagine Consip, ma solamente durante il suo mandato.

Per quanto riguarda i sottosegretari, che fanno anch’essi parte del governo, erano tre quelli sotto inchiesta della magistratura.

Erano Giuseppe Castiglione alle Politiche agricole, Simona Vicari alle Infrastrutture e Vito De Filippo alla Salute per una vicenda legata ai rimborsi della regione Basilicata.

Il governo Renzi, invece, è partito con quattro sottosegretari indagati.

Si trattava di Francesca Barracciu alla Cultura, sotto inchiesta per la vicenda delle “spese pazze” alla Regione Sardegna, Umberto Del Basso De Caro alle Infrastrutture, per una vicenda legata ai rimborsi del consiglio regionale in Campania, il già citato Vito De Filippo alla Salute e Filippo Bubbico agli Interni, indagato per abuso d’ufficio.

Leggi anche: Salvini: “Minniti ha fatto un discreto lavoro, con me più controlli ed espulsioni”. Di Maio: “Reddito di cittadinanza in aula prima possibile”

Leggi anche: Governo Conte, la lista ufficiale dei ministri dell’esecutivo M5s Lega

Ti potrebbe interessare
Politica / Salvini: “Penso che Draghi sarà premier anche nei prossimi mesi”
Politica / Imbarazzo al Senato: durante un convegno del M5S sulla Pa spunta un video porno
Politica / Quirinale, Salvini molla Berlusconi: “In arrivo una proposta della Lega per il Colle”
Ti potrebbe interessare
Politica / Salvini: “Penso che Draghi sarà premier anche nei prossimi mesi”
Politica / Imbarazzo al Senato: durante un convegno del M5S sulla Pa spunta un video porno
Politica / Quirinale, Salvini molla Berlusconi: “In arrivo una proposta della Lega per il Colle”
Politica / Scoppia la polemica nel Movimento 5 Stelle dopo le “due strade per il Quirinale” di Bettini
Politica / Quirinale, Bettini a TPI: “Conte prezioso per il Movimento 5 Stelle e per l’Italia”
Politica / Quirinale, no alle schede “segnate”: Roberto Fico complica i piani del centrodestra
Politica / Gli intellettuali italiani contro Renzi: “Scelga tra il Senato e le attività promozionali all’estero”
Politica / Addio David (di Pierluigi Bersani)
Politica / Su giornali, radio e tv si parla del Presidente della Repubblica ogni 15 minuti: lo studio (e i nomi)
Politica / Le barricate di Salvini contro il Pd: no a Mattarella bis, no a Draghi al Colle e ad accordo su Capo dello Stato