Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Decreto sicurezza bis, la Lega propone un emendamento ‘anti-Carola’: “Scatta l’arresto per i capitani delle navi Ong che resistono”

Immagine di copertina

Decreto sicurezza bis, la Lega: arresto per i capitani delle navi delle Ong

LEGA CAPITANI NAVI ONG – La battaglia della Lega di Matteo Salvini contro le Ong che salvano migranti in mare continua anche a colpi di proposte normative, in particolare in queste ore con le proposte di modifica al cosiddetto ‘decreto sicurezza bis’.

Decreto sicurezza bis, emendamento Lega: arresto per i capitani delle navi delle Ong

Un emendamento del Carroccio al provvedimento prevede infatti che il comandante della nave di una Ong che compie il “delitto di resistenza o violenza contro nave da guerra” verrà sempre arrestato. Una misura che sembra essere una reazione alla vicenda della capitana della Sea Watch 3 Carola Rackete, indagata per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e arrestata (poi rilasciata) dopo aver fatto attraccare la sua imbarcazione al porto di Lampedusa nonostante l’alt imposto dalle autorità italiane.

L’emendamento odierno della Lega introduce una fattispecie a quelle previste dall’articolo 380 della procedura penale, che definisce i reati per i quali scatta “l’arresto di chiunque è colto in flagranza” nel commettere una serie di reati. Tra essi è aggiunto, appunto, quello di “resistenza e violenza contro nave da guerra”.

Decreto sicurezza bis, emendamento Lega: navi delle Ong sempre sequestrate

Non si tratta comunque dell’unica proposta che fa venire in mente la vicenda Sea Watch. Secondo un altro emendamento della Lega al decreto sicurezza bis la nave delle Ong che non ottemperano al divieto di non transitare nelle acque territoriali, saranno sempre sequestrate e confiscate.

L’attuale formulazione dell’articolo 2 del decreto stabilisce invece che il sequestro cautelare e la successiva confisca della nave scatta “in caso di reiterazione commessa con l’utilizzo della medesima nave”. L’emendamento cancella la frase, facendo scattare sempre la sanzione accessoria.

Quello del sequestro delle navi è uno dei punti di piena intesa tra M5S e Lega. anche i pentastellati hanno presentato un emendamento che prevede l’immediato sequestro cautelare e la successiva confisca delle navi delle Ong, e non più in caso di reiterazione come prevedeva il testo originale. La proposta ha le prime firme di Anna Macina e Devis Dori. L’emendamento prevede anche che la nave sequestrata possa essere impiegata dagli organi di polizia.

Decreto sicurezza bis, emendamento Lega: multe a Ong fino a un milione di euro

Inoltre, una proposta di modifica prevede che le multe a carico delle navi che non rispettano i divieti introdotti dal decreto sicurezza bis, ammonteranno a somme tra i 150 mila e un milione di euro, rispetto alle cifre attualmente previste dallo stesso decreto, che vanno da 10 mila a 50 mila euro. L’emendamento al decreto legge è stato depositato a prima firma dal deputato Igor Iezzi, capogruppo del partito in commissione Affari costituzionali alla Camera.

A che punto siamo

Oggi, martedì 9 luglio, sul decreto sicurezza bis si è chiusa la discussione generale nelle Commissioni Affari costituzionali e Giustizia della Camera. Entro le 15 era prevista la presentazione degli emendamenti.

Ti potrebbe interessare
Politica / Vannacci: “In tv troppi gay, cerco di orientare le mie figlie verso l’eterosessualità”
Politica / Scuola, percorsi differenziati per gli alunni stranieri: il piano di Valditara scatena le polemiche
Politica / Veronica Lario: “Miliardaria? Il Tribunale mi ha tolto tutto. Io passata da velina ingrata”
Ti potrebbe interessare
Politica / Vannacci: “In tv troppi gay, cerco di orientare le mie figlie verso l’eterosessualità”
Politica / Scuola, percorsi differenziati per gli alunni stranieri: il piano di Valditara scatena le polemiche
Politica / Veronica Lario: “Miliardaria? Il Tribunale mi ha tolto tutto. Io passata da velina ingrata”
Politica / Scontri a Pisa, Piantedosi: “Le cariche fatte per garantire l’incolumità degli agenti. Corteo violava la legge”
Politica / Schlein: “Meloni si può battere, ora vogliamo l’Abruzzo”
Opinioni / Il voto in Sardegna non è solo una questione locale
Politica / L’Antifrode Ue ora indaga sulle cooperative della moglie e della suocera di Soumahoro
Politica / Due lauree, quattro lingue, il padre malato, il passato da manager: chi è Alessandra Todde, prima donna alla guida della Sardegna
Politica / Piantedosi: “Condivido richiamo Mattarella, anche sugli insulti. Scontri casi isolati”
Politica / Malumore in Forza Italia per le continue assenze di Marta Fascina